FoggiaManfredonia
Nota stampa

CdM, stato d’emergenza per danni causati da alluvioni 2015 a Foggia e Taranto

CdM, stato d'emergenza per danni causati da alluvioni 2015 a Foggia e Taranto

Di:

Roma. Il Consiglio dei Ministri ha dichiarato lo stato d’emergenza per consentire le operazioni di protezione civile necessarie a contrastare i danni causati dagli eccezionali eventi meteorologici che nei giorni dal 10 al 22 ottobre 2015 hanno colpito il territorio delle province di Foggia e Taranto.
Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    E’ IN FASE DI PUBBLICAZIONE SULLA GAZZATTA UFFICIALE, IL DECRETO CHE CONTIENE MISURE PER L’ACCESSO AL FONDO DI SOLIDARIETÀ NAZIONALE PER LE IMPRESE AGRICOLE CHE HANNO SUBITO DANNI A CAUSA DELLE PIOGGE ALLUVIONALI DELL’OTTOBRE 2015.
    LA COLDIRETTI DI FOGGIA A DISPOSIZIONE PER ACCOMPAGNARE LE IMPRESE NELLA COMPILAZIONE DELLE DOMANDE.
    In data 05 febbraio 2015 il Ministero delle Politiche Agricole a firma del Ministro Martina ha approvato il decreto che riconosce alle aziende agricole della provincia di Foggia i danni alle aziende colpite e danneggiate dalle “bombe d’acqua” nell’alluvione del 14 e 15 ottobre 2015 . A darne notizia è il Direttore di Coldiretti Foggia MICLELE ERRICO. Il Ministero delle Politiche Agricole ha stabilito il carattere di eccezionalità degli eventi calamitosi e danni causati alle sole strutture aziendali.
    Le provvidenze di cui all’art. 5 comma 3 sono riconosciute per i Comuni di: ASCOLI S.NO,BICCARI, BOVINO, CASTELLUCCIO DEI SAURI, CASTELLUCCIO V.RE, CELLE DI SAN VITO, DELICETO, FAETO, FOGGIA, LUCERA, MONTELEONE DI PUGLIA, ORSARA DI PUGLIA, ROSETO VALFORTORE E TROIA.

    Foggia, 11 febbraio 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi