Manfredonia
A cura di Pascalonia

Ze Pèppe a llu spècchje

Ze Pèppe a llu spècchje

Di:

Ji inutele ca vé rènza rènze
tuccanne nda lli sacche firre e curne,
a cumanné ce vole lla dècènze
n’avaste ca te sinde nu Saturne
e de lli bbuscije tine a lecènze,
te vurriste accattè chi tine atturne.
“Bèlle mije”, me so’ ditte nd’u spècchje,
“nge stè ninde da fè, sì fatte vècchje”.

“Bbèlle mije, ne ndanda cunfedènze,
a qquà ne nn’ji carnevéle ogne jurne.
e da tutte vù avì ll’avedènze.

Chiche volte adda sté pure descjune,
cchessì te fé na bbèlla penetènze.
Stu pajese ji de tutte e de nescjune,
cj’uà pajé ngundande e no a credènze,
e cj’uà cumanné na volta a pe d’une
se no rumanime schjitte p’i prècchje,
cule appise e tutte mosce lli rècchje
”.

Pascalonia

Traduzione
E’ inutile che vai rasente il muro/ toccando nelle tasche ferri e corno/ a comandare occorre decenza,/ non basta che ti senti un Saturno,/ e delle bugie hai la licenza,/ ti vorresti comprare chi hai attorno./ “Bello mio”, mi son detto allo specchio,/ “non c’è niente da fare, sei fatto vecchio”// “Bello mio, non tanta confidenza,/ qui non è carnevale ogni giorno/ e da tutti vorresti avere la riverenza./ Qualche volta devi stare pure digiuno,/ così ti fai una bella penitenza./ Questo paese è di tutti e di nessuno, /si deve pagare in contanti e non a credito,/ e dobbiamo comandare una volta ciascuno/ se no restiamo solo con le “precchje” (rughe),/ culo appeso e tutti mosci gli orecchi”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi