Ricordi di storia
A cura di Salvatore Aiezza

“Il treno dell’amicizia” Operazione umanitaria ma anche”politica”

Il “Treno dell’Amicia”, un Boxcar 700, portava cibo, medicinali, vestiario e combustibile

Di:

Manfredonia. Con il rientro nei luoghi di origine, dei soldati alleati che, alla fine della seconda guerra mondiale, avevano occupato e liberato l’Italia, il nostro Paese si trovo’ a dover fronteggiare, da solo, l’enorme disagio e lo stato di povertà che anni di duro conflitto avevano provocato. Gli Stati usciti vittoriosi dalla guerra avviarono subito piani di aiuti: sia per la ricostruzione di gran parte delle grandi capitali, ma anche di piccole città che, come Foggia, subirono i terrificanti bombardamenti, che per le popolazioni civili, costrette a razionare anche i beni di prima necessità. I “piani” di intervento prevedevano, come noto, l’invio di una gran quantità di beni per soddisfare le esigenze dei cittadini, ma, soprattutto, cospicui aiuti economici. Tra tutti si ricorda Il piano Marshall che fu quello più famoso: importante ( e ricco…!).

In realtà tutti sappiamo come questi interventi avessero come scopo primario quello “politico”, al fine di instaurare buoni rapporti tra USA ed Europa e di sostenere e favorire i vari movimenti popolari-democratici presenti nei Paesi europei. Tra i tanti aiuti “umanitari” che giungevano d’oltreoceano, uno, in particolare, è ancora oggi presente nella memoria di molti anziani: “Il Treno dell’Amicizia”. L’iniziativa: umanitaria ma anche dalla forte valenza politica, come vedremo in seguito, fu Ideato e voluta da un giornalista americano: Andrew Russel Pearson. Questi, forte del seguito che aveva sia sui giornali che alla radio, nel 1947, lanciò un messaggio che venne raccolto e rilanciato da moltissimi media per la accolta di viveri di ogni genere nda inviare in Europa. Famiglie, scuole, chiese, aziende e diverse organizzazioni risposero con i contributi e così Pearson raccolse una grande quantità di generi alimentari offerti dal popolo americano ed organizzò un convoglio che avrebbe dovuto raggiungere la Francia e l’Italia, Paesi destinatari degli aiuti. Il teno dell’amicizia partì da Los Angeles il 7 novembre del 1947 e il viaggio durò 11 giorni: da Los Angeles, California, procedendo attraverso il Nevada, Utah, Colorado, South Dakota, Wyoming, Nebraska, Iowa, Illinois, Indiana, Ohio, Pennsylvania, New Jersey, e, infine, New York, dove giunse il 19 novembre del 47, raccolse generi vari e viveri per oltre 40 milioni di dollari. L’evento ebbe grande seguito in America, tanto che a New York venne celebrato con una grande festa e sfilata.

Il “Treno dell’Amicizia”, un Boxcar 700, portava cibo, medicinali, vestiario e combustibile. Giunse in Francia i il 18 dicembre del 47: all’approssimarsi delle feste natalizie, scelta come data proprio per trarne la maggior visibilità. In Italia, poiché gli aiuti viaggiavano via mare su grosse navi, queste vennero fatte attraccare in più porti e poi caricate su speciali treni che prendevano appunto il nome di “Treno dell’Amicizia”. la nave più imponente e importante, anche perché vi viaggiava la rappresentanza americana, era l’Experia, che fece il suo ingresso nel porto di Napoli, accolta da una immensa folla. Dalla nave, dopo l’accoglienza dell’ambasciatore Dunn; di Mr. Pearson ed altri rappresentanti americani, vennero scaricati i viveri e caricati sul treno, che percorse tutta l’Italia, effettuando soste in tutte le stazioni delle città più importanti ove venne accolto da “folle entusiaste e manifestanti riconoscenza verso l’America”, come raccontano le cronache dell’epoca: non mancavano comitati di accoglienza e, ovviamente la presenza, in prima linea dei politici e autorità civili , religiose e militari del luogo. L’arrivo del treno era, ovviamente preceduto da grande pubblicità, il tutto non slegato da opportunità politiche di favorire il crescente consenso verso il Fronte popolare di De Gasperi.

Il treno dell’amicizia giunse a Foggia subito dopo la befana del 1948 “ in una stazione affollatissima, come mai la si era vista in precedenza”. I giornali dell’epoca, come era naturale, diedero molto risalto all’evento. In particolare soffermandosi sull’arrivo del convoglio umanitario . Il Corriere di Foggia del 19.1.48, lo ricordava così: “Il treno dell’Amcizia è stato salutato , sabato, alla stazione ferroviaria da una spontanea, commovente e imponente manifestazione del popolo”. Tanta era la folla che stentava ad essere contenuta anche dal servizio d’ordine. Erano presenti tutte le Autorità: Dal Prefetto: Dr Donadu, al Questore Mendola, il Vescovo , Mons. Farina, il Vice Presidente della deputazione provinciale, Colaminè, il Proc. Della Repubblica Rennis e tutte le alte cariche militari. Il treno giunse a Foggia alle 15 precise . Il “cerimoniale” prevedeva la salita sul vagone centrale del treno, che era scoperto, delle maggiori Autorità, per il saluto di rito agli organizzatori e il discorso della rappresentante del North American Newspaper Alliance: Miss Hume e quello del rappresentante dell’organizzatore del treno, Pearson, Comm Giulii e infine quello di Mons Carrol-Abbing per l’American Relief for Italy. Dopo i discorsi , all’interno della sala centrale del fabbricato della nuova stazione in via di costruzione, si tenne l’esibizione di gruppi e balli folcloristici e l’offerta di prodotti vinicoli locali agli ospiti americani. A Foggia vennero destinati ben 5 vagoni di ogni qualità di viveri, per quasi 200 quintali, prima che il treno riprendesse la sua marcia alla volta di Bari.

(A cura di Salvatore Aiezza, Foggia 11.04.2016)

“Il treno dell’amicizia” Operazione umanitaria ma anche”politica” ultima modifica: 2016-04-11T22:51:04+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi