Cronaca

Monteleone, alberi abbattuti. Insorge il WWF


Di:

Tigli

Monteleone di Puglia – Strutture verticali in legno al posto degli alberi. Totem tristi e per nulla naturali, depauperati d’ogni verde e ridotti ad un ammasso legnoso di nulla. E’ la denuncia che giunge dalla sezione foggiana del WWF sulla situazione degli alberi in quel di Monteleone di Puglia, dove i cittadini hanno avuto la spiacevole sorpresa di trovarsi di fronte ad uno scempio compiuto d’improvviso.

Una sciagurata potatura, male eseguita, ha deturpato tigli ed ippocastani che, al contrario, arricchivano il paese con le loro ampie fronde. Le ampie ferite che si producono nella pianta a seguito di tali capitozzature, osserva il WWF, favoriscono l’ingresso d’agenti patogeni (insetti e funghi) che, con il tempo, possono comprometterne la stessa sopravvivenza. Rispetto al verde agricolo, infatti, le piante ornamentali richiedono interventi di potatura ben diversi e comunque sempre molto contenuti, proprio per non comprometterne l’identità e il naturale portamento. La potatura non dovrebbe essere generalizzata e sistematica ma effettuata esclusivamente per eliminare rami secchi, lesionati o ammalati, per motivi di difesa fitosanitaria, per problemi di pubblica incolumità, per rimuovere elementi d’ostacolo alla circolazione stradale.

Le potature, in effetti, dovrebbero essere sempre limitate ed equilibrate, non dimenticando che ogni taglio è un trauma per la pianta, nonchè una possibile via di penetrazione per i parassiti. Di più. Un pino secolare, posto davanti a un piccolo tabernacolo contenente un’immagine sacra, è stato completamente tagliato alla base. Cosa che, ovviamente, ha prodotto lo sdegno dell’associazione ambientalista: l’abbattimento di piante dovrebbe sempre essere giustificato da un’apposita perizia tecnica affidata a un tecnico competente in materia. Ma vi è un altro aspetto fondamentale inerente alla potatura degli alberi cittadini. Il verde urbano costituisce il principale habitat di vecchi amici pennuti che vivono in città come il passero, la tortora, la gazza, il verdone, il verzellino, il cardellino. In questi anni sono arrivate, inoltre, specie mai viste come la capinera, la ballerina bianca e quella gialla, i fringuelli, il pettirosso.

L’incremento dell’avifauna cittadina è certamente favorito da una caccia indiscriminata e sempre più aggressiva e dall’utilizzo massiccio in agricoltura di diserbanti chimici e fitofarmaci che ha spinto numerose specie autoctone a scegliere i più tranquilli siti cittadini per nidificare. Potare gli alberi dei viali cittadini in piena stagione riproduttiva comporta di conseguenza la distruzione di nidi, uova e pulcini. I più colpiti sono i passeriformi canori, in altre parole i piccoli uccelli tipici di parchi e giardini. Verzellini, Verdoni, Cardellini, Capinere, Fringuelli…. sono i più danneggiati in quanto utilizzano le specie arboree presenti nei viali cittadini per nidificare. Non si deve dimenticare che gli uccelli divorano molti insetti che altrimenti invaderebbero le città. Per questi motivi, i regolamenti sul verde pubblico in vigore in altre città stabiliscono che gli interventi di potatura devono comunque essere effettuati nel rispetto della nidificazione dell’avifauna.

In linea generale non devono essere effettuati nel periodo Marzo-Luglio. In definitiva, evidenzia il WWF, se proprio necessario potare per porre riparo a errori commessi nella fase della scelta dell’albero, è necessario operare secondo un’attenta programmazione che considererà, sulla base delle specificità delle varie essenze, le operazioni effettivamente indispensabili, le tecniche d’intervento e i tempi più idonei. Si tratta, in ogni caso, d’interventi molto delicati da affidare a operatori ai quali fornire un’iniziale e adeguata formazione”

Redazione Stato

Monteleone, alberi abbattuti. Insorge il WWF ultima modifica: 2011-05-11T13:02:59+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This