Economia

Sanità, la Regione risolverà contratti tempo indeterminato. De Leonardis: “Effetto devastante”


Di:

Entrata uffici Asl Foggia (image: Teleradioerre)

Entrata uffici Asl Foggia (image: Teleradioerre)

Bari – LA Giunta Regionale ha approvato ieri – a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 68/2011 che abrogava alcuni articoli della legge 4/2010 e dell’approvazione del piano di rientro sanitario, alcuni adempimenti in materia di personale sanitario stabilizzato.
In particolare, la Regione ha preso atto della sentenza della Corte costituzionale che, dopo la sottoscrizione dei contratti di lavoro del personale sanitario legittimamente sottoscritti tra le parti, ha fatto venir meno il titolo giuridico per la continuazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Le aziende sanitarie dovranno così notificare agli interessati, la risoluzione dei contratti di lavoro a tempo indeterminato per l’impossibilità sopravvenuta, correlata alla declaratoria di incostituzionalità delle disposizioni normative regionali che hanno permesso la stabilizzazione.

DE LEONARDIS: “EFFETTO DEVASTANTE” – “La delibera della giunta regionale che obbliga i direttori generali delle Asl a comunicare entro 15 giorni a tutti i dipendenti con assunzione a tempo indeterminato la cessazione del loro contratto di lavoro, pur in attuazione della sentenza della Corte Costituzionale del 23 febbraio scorso, rischia di produrre effetti devastanti e una serie di ripercussioni negative che dobbiamo in ogni modo cercare di scongiurare”.
Giannicola De Leonardis, consigliere regionale Udc e presidente della settima commissione Affari istituzionali, invita l’assessore alla Sanità Tommaso Fiore e l’intera giunta a “cercare un’altra soluzione, per salvaguardare la professionalità acquisita e dimostrata nel tempo da professionisti da anni al servizio delle varie aziende sanitarie; per scongiurare una pioggia di ricorsi al tribunale del lavoro, che di fatto paralizzerebbe l’intera attività e minerebbe la serenità di migliaia di operatori, con ovvie ripercussioni sull’utenza; per evitare disparità di trattamento, proprio in sede di giustizia, tra chi ha potuto usufruire del percorso di stabilizzazione avviato dalle Asl che hanno recepito in tempo le precedenti normative regionali e chi invece è rimasto vittima delle lentezza amministrativa di altre Asl”.

“Parliamo di persone che, in possesso di un contratto di lavoro a tempo indeterminato, possono aver contratto dei mutui, avere gettato le basi per un futuro che adesso diventa improvvisamente nebuloso. Di famiglie che possono entrare in crisi, di famiglie che possono non formarsi, di famiglie che possono rimanere schiacciate da una situazione disastrosa”, ricorda ancora De Leonardis.

“E parliamo di sanità pubblica, che non può e non deve precipitare nel caos, mettendo a rischio la salute di migliaia e migliaia di cittadini. Per questo è necessaria una soluzione ragionevole, coinvolgendo magari anche il governo nazionale e mettendo da parte il clima da campagna elettorale permanente, nell’esclusivo interesse della comunità pugliese e dei cittadini tutti” conclude De Leonardis

Sanità, la Regione risolverà contratti tempo indeterminato. De Leonardis: “Effetto devastante” ultima modifica: 2011-05-11T09:50:26+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • Carlo

    HO, MA I VENDOLINI SANITASERVINI CHE FINE HANNO FATTO?
    QUELLI CHE UN ALTRO PO, MI DAVANO DEL PAZZO E INCOMPETENTE CHE DICEVANO CHE , NON CAPIVO NIENTE ED ERA INUTILE CHE MI METTEVO A COMPETERE CON UN AVVOCATO NELL’INTERPRETAZIONE DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONELE!!!!????
    CHI AVEVA RAGIONE!!??


  • luis

    Carlo, mi dispiace dire che ancora una volta hai torto. Stabbilizzazione non è l’internalizzazione . I lavoratori in oggetti sono dipendenti diretti della ASL stessa, diversamente quelli internalizzati (Sanitaservice) non hanno un rapporto diretto con la ASL ma sono dipendenti di una società(Sanitaservice) privata.Questo non è tanto per parlare , ma fatti. Quando la consulta faceva riferimento alle internalizzazioni parlando di contratti a tempo indeterminato, diceva semplicemente che la società in oggetto non poteva con legge Regionale imporre una fattispecie di contratto ed escludere tutto il resto, con parole povere e con un esempio spero di farti capire il senso” se la ASL affida a Sanitaservice un servizio per 20 giorni non puoi assumere personale a tempo indeterminato ma solo per i giorni del servizio in oggetto” CHIARO? Ora un consiglio a Carlo il clima di odio verso tutti i tipi di lavoratori o una Società non ti porta da nessuna parte L’odio fa diventare ciechi, un giorno nessuno lo può dire potresti anche tu far parte di una socità con le stesse caratteristiche e ti rederai conto che cosa sgradevole è staoto quel clima di odio che hai esternato.


  • luis

    Carlo perdona L’errore di Stabilizzazione non mi sono accorto di aver messo due b


  • luis

    Carlo è odio e ti spiego il perchè, tu hai mai visto una società privata fare dei concorsi per immettere lavoro? no . Allora sai male! Hai detto bene, concorso pubblico . Vediamo se riesco a farti capire con semplice domande. Se tu fai un concorso pubblico vuoi un contratto pubblico? io direi di si. I contributi li vorresti versati all’impdap? io si, ma purtroppo essendo socità privata i contributi sono versati all’imps . Se il posto di lavoro, dove sei assegnato, l’asl non ritiene più opportuno tenerlo vuoi essere ricollocato in altra struttura? io direi di si, ma purtroppo se l’asl toglie la commessa alla società il posto di lavoro anche con contratto a tempo indeterminato viene a mancare con licenziamento per cessazione di commessa.Inoltre ti informo con dati dimostrbili , non con parole e detti popolari o metropolitani, i dipendenti sono lavoratori che da anni lavoravono schiavizzati con coop. e sono semplicemente ,come prevede la legge, quando ci sta un cambio di società di far transitare chi gia lavorava con la nuova società. Ora , ti inforno che finita la fase di internalizzazione o passaggio con altra società, perchè lo prevede la legge ed è scritto chiaramente nella sentenza della corte,la società in oggetto se dovesse occorrere altro personale deve attingere dalle liste di collocamento proprio per cancellare quel clientelismo del passato di cui tu facevi riferimento.Ora per farla breve ti dico che , fermo restante i lavoratori che di diritto e pèer legge sono stati assunti, tu Carlo oggi hai più posssibilità come tanti altri di aspirare ad un posto di lavoro con socità come questa mentre se il sistema rimaneva come prima o conoscevi qualcuno(clientelismo) o stai a casa.RIFLETTI su quello che ti ho appena scritto elimina odio e rancori ingiustificati e vedrai la vicenda con occhi diveri.


  • luis

    Altra cosa Carlo, dire io so!!! sono affermazioni che avvolte anno come unico fondamento, la convinzione distorta e sbagliata di un fatto. Mentre dare spiegazioni ad un’affermazione è segno di certezza, amo f<re semplici esempi per spigermi.Quando parli di stabilizzazione il tuo discorso o affermazione ha una logica inquanto parliamo di ente pubblico , nel caso di società privata nessuno neanche il presidente del consiglio può imporre un certo tipo di contratto. ESS. NESSUNO PUO' ANDARE DAL MACELLAIO O DAL SALUMIERE E DIRE IL TUO DIPENDENTE LO DEVI ASSUMERE A TEMPO INDETERMINATO O A TEMPO DETERMINATO. E' sempilcemente semplice non farti ragionamenti coplicati e tortuosi che è più semplice di quanto pensi. RIPETO è stato eliminto il clientelismo e affari loschi di gare di appalto e fidati oggi con la selezione tramite ufficio provinciale del lavoro per nuove assunzioni , ovviamente che non siano altre internalizzazioni dove hanno sempre precedenza chi già lavora, chi aspira è tutelato senza clientelismo, a meno che pensi che l'ufficio di collocamento sia corrotto,mentre prima le assunzioni facevano il fumo e tutti gurdavano il sole.FORSE DOVEVAMO RIBELLARCI PRIMA CIRCA VENTI ANNI FA. Carlo ti auguro tante cose belle e non odiare ciò che indirettamente ha tutelato anche te e tanti ragazzi disoccupati cui va tutta la mia sincera solidarità.


  • luis

    CARLO una domanda e quando hai voglia rispondi. SE TU STESSI LAVORANDO IN UNA SOCIETA’ X E LA STESSA PERDE L’APPALTO CONSIDERESTI GIUSTIZIA LA SOCIETA’ NUOVA CHE PRENDE L’APPALTO TOGLIE TE E METTE UNA NUOVA PERSONA?


  • Carlo

    Ma non si tratta di odio,(se fosse per me farei lavorare tutti i disoccupati d’italia), ma di giustizia, perchè con queste società coop ecc si fa entrare solo personale senza concorso e, perdonami se dico la verità questa cosa si chiama clientelismo!!
    Poi… vedrai come arriverà anche a voi la rescissione del contratto, io non parlo per sentito dire, ma perchè so…fidati niente di personale, ma voi dovete avere rispetto pure di chi non è potuto entrare perchè privo di conoscenze, e la cosa che può supplire a questa mancanza è solo un concorso pubblico!!


  • luis

    ok ci sentiamo tra due settimane. Sanitaservice è una società strumentale no pubblica il solo capitale non la rende tale . per essere pubblica deve essere iscritta nelle società pubbliche che viene essenzialmente fatto dal governo.SE hai i cinque nomi come dici tu e questi al momento dell’assunzione abbiano detto il falso li devi denunciare ma soprattutto devi denunciare la società che ha presentato falsamente i nomi . Che poi io e te non ci dobbiamo capire va bene, ma la mia educazione si fonda sui rapporti interpersonali,evidentemente non siamo uguali. Ma non voglio farti capire , ti informo soltando che l’asl non bandisce per Sanitaservice un bel niente perchè non può è la sanitaservice che bandisce per eliminare clientelismo chiaro? La cosulta ha detto di eliminare la parola INDETERMINATO ma non Ha scritto DETERMINATO un motivo ci sarà? comunque io ti ho fatto una domanda che non avuto risposta, credo che il motivo è ovvio SALUTI


  • Carlo

    Luis noi ci dobbiamo chiarire…va bene che la sanitaservice è privata, ma a totale partecipazione pubblica, ciò significa che deve attenersi alle leggi del pubblico sia per quanto riguarla la finanza sia per quanto riguarda le assunzioni!
    ASSUNZIONI; non tutti quelli che oggi lavorano nella sanitaservice lavoravano prima in una coop così da far valere la clausola sociale, molti sono stati assunti dal nulla ed io ne conosco personalmente 5 di queste persone che dalla sera alla mattina si sono trovati nella sanitaservice!
    Seconda cosa , la clausola sociale vale si, ma i contratti devono essere a tempo determinato e la sentenza specifica pure che bisogna togliere la dicitura a tempo indeterminato e mettere la dicitura a tempo determinato (quello che succederà tra 2 settimane al massimo), per passare a tempo indeterminato “anche ” nella sanitaservice si deve fare una prova o concorso gestito e bandito dalla ASL!
    Spero ora mi hai capito, comunque vedrai che tra 2 settimane mi darai ragione, saluti.


  • anitride

    Caro Carlo,caro Luis,non vi dannate perche’ come da prassi non succedera’ niente,perche’ tutto si crea e nulla si distrugge.


  • fatti vostri


  • ceri60

    ci e bastato poco per rovinare e illudere persone ke da anni aspettavano un po di dignita lavorativa.sanitaservice’un nome una bomba’con questa creazione aziendale non anno fatto altro ke rovinare un piano di lavoro pur prendendo in giro un sacco di fam’e lavoratori,anno fatto di tutto x mettersi al sicuro il loro posto politico prendendo in giro tanta gente,ora vorremmo sapere come faranno a sanare tutte quelle pagliacciate che anno fatto,pur sapendo che un giorno l’altro doveva scoppiare,era nata x stabilizzare 462 lavoratori del 118 precari.non tutta la sanita,mentre ki ne aveva diritto doveva essere internalizzato con la asl di capitanata.cos’anno fatto?x un mese[ottobre 2009] anno parcheggiato i lavoratori con l’asl e dopo ke anno fatto i[cazzacci]loro anno deliberato l’assunzione di 173 ausiliari in capitanata presso la asl,senza dire ke sembrava molto strano questo risparmio economico in sanita,mentre oggi stiamo pagando le loro pecche economiche x l’ennesima volta,ricette mediche,famaci,annullamento tichet in base al reddito,quindi rendiamoci conto quando siamo stronzi x un diritto di lavoro che ci spetta.e invece il lavoro glielo assicuriamo a loro,ai nostri politici che pur di fare odiens ci sbattono a dx e sx.[SVEGLIAMOCI].


  • antonello

    E’del tutto evidente che ha ragione LUIS a cui faccio i complimenti per l’imparzialità delle sue opinioni
    CARLOS è sicuramente parte in causa e tira acqua al suo mulino
    purtroppo di CARLOS in italia ne sono venuti fuori troppi….abbiamo perso il senso del giusto…non tanto della giustizia…ma del giusto…del corretto
    in nome di uno pseudobuonismo..che in pratica è solo clientelismo…elettorale…
    LUIS…tieni duro…qui tra poco salta tutto il banco…ci sarà bisogno di gente come te per ricordare a tutti chi sono i veri responsabli di questa disfatta…
    buona vita..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This