Foggia
"Il meetup FoggiAttiVa ha appreso, come il resto della cittadinanza, l’ennesima “macchia” sulla reputazione del Comune di Foggia"

FoggiAttiVa: indagini interne e stop a premi produttività contro lassimo – assenteismo

"Far luce sull’intera vicenda è stato possibile solo grazie alla segnalazione-esposto del consigliere Mainiero"

Di:

Foggia. ”Il meetup FoggiAttiVa ha appreso, come il resto della cittadinanza, l’ennesima “macchia” sulla reputazione del Comune di Foggia. E’ notizia di queste ore, infatti, l’ennesimo scandalo “assenteismo” che esplode nel Comune di Foggia, a brevissima distanza dalle recenti inchieste sugli impiegati “furbetti” della Provincia.
20 unità degli uffici alle attività produttive, sito in Via Sant’Alfonso Maria dei Liguori, stando all’inchiesta, hanno per molti giorni tra marzo e maggio 2015 messo in atto un sistema per assentarsi dal proprio luogo di lavoro con la compiacenza di molti colleghi, a loro volta beneficiari.Il fatto è reso ancora più grave, come se già non lo fosse a sufficienza, dalla collusione del dirigente in capo al servizio, raggiunto dal medesimo provvedimento cautelare, non per “culpa in vigilando”, come avviene il più delle volte, ma per essersi reso anch’egli protagonista di condotte disdicevoli. La vicenda presenta numerosi profili di inosservanza delle leggi vigenti e costituisce uno spaccato disarmante riguardo l’assenza dei controlli sull’operato di dipendenti e dirigenti da parte degli organi preposti. Far luce sull’intera vicenda è stato possibile solo grazie alla segnalazione-esposto del consigliere Mainiero e non grazie ai meccanismi e ai giusti “anticorpi” di controllo e valutazione in capo alla macchina amministrativa.

Dal momento che il dirigente del servizio non svolgeva il suo compito come legge impone, chi sarebbe dovuto intervenire prima delle autorità competenti interpellate dal consigliere? Vorremo saper se le procedure dell’Organismo indipendente di Valutazione della Performance (OIV) che provvede ad analizzare e valutare le performance e il raggiungimento degli obiettivi abbiano mai evidenziato criticità all’interno degli uffici e in capo a determinati dirigenti e se si cosa abbiano dichiarato in merito.Ora come cittadini non vogliamo che, una volta passato il clamore dei giorni dello scandalo e dei riflettori di giornali ed emittenti, si ripiombi nell’ identica situazione poca anzi raccontata.

Per questo motivo come meetup FoggiAttiVa chiediamo espressamente:
una indagine sullo “stato dell’arte” degli uffici e delle pratiche dei cittadini che lamentano disservizi e ritardi nell’esecuzione delle loro richieste;
di riaffermare il principio delle competenze dei dipendenti e assegnare gli stessi secondo le proprie capacità e possibilità affinché la macchina amministrativa risponda efficacemente alle richieste dei cittadini;
di aumentare i controlli sull’operato dei dipendenti con indagini interne per stanare casi simili e intervenire per reprimerli efficacemente con provvedimenti disciplinari e non ultimo i licenziamenti;
di individuare le zone grigie negli uffici grazie a meccanismi di segnalazioni anonime e intervenire su premi di produttività e bonus;
di riaffermare il principio della trasparenza e della legalità completando le parti ancora carenti della sezione “Amministrazione Trasparente” che contano ancora lacune vistose.

Siamo sollevati e soddisfatti che le autorità competenti abbiano individuato e fermato queste situazioni vergognose, che non solo hanno macchiato l’onore dell’intera comunità, ma rappresentano anche un danno economico e patrimoniale ancora da quantificare.Infine sollecitiamo e invitiamo la nostra macchina amministrativa ad individuare e stanare queste situazioni prima ancora dell’intervento delle autorità perché,in questo periodo, assistiamo ad un dispendio di professionalità e di risorse per perseguire tali reati non solo esecrabili dal punto di vista penale ma anche etico, quando potrebbero esser convogliate contro malavita e delinquenza della nostra realtà comunale”.

Meetup “FoggiAttiVa”



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This