Stato prima
La notizia è stata rivelata agli inquirenti della Dda di Bari

Tritolo per uccidere procuratore Napoli

E' quanto si legge in un tweet del presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo, del Pd


Di:

(ANSA) – BARI, 11 MAG – Sarebbe stato usato per uccidere il procuratore di Napoli, Giovanni Colangelo, il tritolo sequestrato a Gioia del Colle (Bari) lo scorso 29 aprile dalla polizia. La notizia è stata rivelata agli inquirenti della Dda di Bari da un collaboratore di giustizia vicino alla Sacra corona unita ma originario del napoletano il quale in cella, alla fine del 2015, sarebbe entrato in contatto con uomini della camorra che parlavano di un agguato al magistrato. L’attentato doveva essere compiuto a Gioia del Colle, residenza di Colangelo.

Mafia. Bordo (Pd): Indagini Bari risposta forte Stato contro buio stragi. “Solidarieta’ al procuratore Colangelo, indagini pm Bari sono la risposta forte dello Stato per non ripiombare nel buio delle stragi di mafia”. E’ quanto si legge in un tweet del presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo, del Pd.

Tritolo trovato in Puglia: Stefàno, “Mettere in condizioni la giustizia di operare con strumenti idonei”. “E’ un fatto grave che deve preoccupare tutti. Al Procuratore Giovanni Colangelo va la mia piena solidarietà e la mia rinnovata stima per l’azione che quotidianamente è chiamato a svolgere. Occorre sostegno maggiore da parte del Governo e di tutte le Istituzioni nei confronti di chi ogni giorno è impegnato a contrastare alla criminalità. Chi opera nella giustizia deve essere messo nelle condizioni di farlo con massima efficienza e efficacia, ma anche tutela”. Lo afferma, a seguito della notizia sul ritrovamento di tritolo in Puglia destinato al magistrato della Procura di Napoli, il senatore Dario Stefàno, Presidente della Giunta Elezioni e Immunità di Palazzo Madama, che poco fa è anche intervenuto in Aula al Senato per chiedere al Ministro di riferire su questi gravi fatti.

“Da tempo – continua Stefàno – chiedo al governo di rivedere la programmazione rispetto alla riforma della geografia giudiziaria perchè lo Stato deve garantire la sua presenza sul territorio in maniera capillare e offrire un servizio efficiente ai cittadini. In più, occorre assicurare alle Procure strumenti e risorse idonei per far in modo che il loro complesso lavoro venga espletato a dovere”.

“Far lavorare le Procure in carenza di organico, come ha denunciato nelle scorse ore anche il Procuratore distrettuale di Bari, Volpe, è un handicap che non possiamo continuare a sostenere. Soprattutto in considerazione del fatto che la criminalità continua a far sentire la sua presenza sul territorio. E Bari – conclude Stefàno – in questo momento sembra rischiare seriamente di poter assumere anche il ruolo di snodo per il traffico terroristico”.

Tritolo per uccidere procuratore Napoli ultima modifica: 2016-05-11T12:54:42+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    SOLIDARIETA’ A COLANGELO, FITTO: NON LASCIAMO SOLI CHI LOTTA CONTRO LE MAFIE

    Dichiarazione del leader dei Conservatori e Riformisti, Raffaele Fitto

    Sono sinceramente vicino al procuratore di Napoli, Colangelo. Sono certo che la notizia di un attentato alla sua vita e a quella della sua famiglia non lo faranno arretrare nella lotta alla camorra.

    Compito delle Istituzioni, della politica, ma soprattutto della società, è non lasciare mai soli i magistrati che lottano contro le mafie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi