Manfredonia
A cura di Pascalonia

U poste prunutéte

U poste prunutéte

Di:

Me so’ truvéte a ji a lla chjise,
è viste nu poste e me vulètt’assetté.
Ò ditte june ca steve a llà:
“No, ne mbute, sté prunutéte”.
Vè bbune, e so’ jite cchjù nnanze.
Pure a llà, u stettè fatte:
“Prunutéte”. Chjù nnanze angore
sèmbe llu stèsse cummatte.
Nzomme ije à va sté a lli mbide.
È ditte a na cummére ca canusceve.
“Scuse cummé, che ji sta nove?!”
“Si! cumbé, a qquà custe ji ll’use.
agnune ò prunutéte u poste suve!”
Sarrà a cchessì, ma ne nvurrije,
ca nda lli cchjise, ogne bbezzoche
llu tene stupéte pure mBaradise
.

Pascalonia

Il posto prenotato
Mi son trovato ad andare in chiesa,/ ò visto un posto e mi son voluto sedere./ Ha detto una che stava lì:/”No, non puoi, è prenotato!”/ Va bene, e sono andato più avanti./Pure lì, lo stesso fatto. / ”Prenotato”! Più avanti ancora,/ sempre lo stesso andazzo./ Insomma, io dovevo restare in piedi./ Ho detto a una comara, che conoscevo:/ “Scusa, comara, che cosa è questa nuova (novità)?”/ “Si!, compare, qui, questo è l’uso,/ ognuno ha (tiene) prenotato il suo posto!”/ Sarà così, ma non vorrei,/ che nelle chiese, ogni bigotta (donna pia)/ lo tiene (il posto) conservato (prenotato) pure in Paradiso.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi