Ricordi di storia
Ricordi e memorie a cura di..…Salvatore AIEZZA

La “Ginnastica” (ma non solo) negli anni ’70

Di:

Foggia. La casuale lettura, qualche giorno fa, di un articolo sulle sempre maggiori difficoltà che si riscontrano tra i giovani di oggi nell’affermarsi in molte discipline sportive, in particolare dell’atletica e una successiva chiacchierata sull’argomento, tra coetanei,mi ha fatto tornare alla mente ricordi, riposti in un cassetto, ma mai rimossi, legati alla nostra gioventù ed, in particolare, al binomio sport- scuola negli anni 70.

Ai nostri tempi, esisteva una disciplina scolastica molto importante, soprattutto per l’attività fisica e il benessere dei ragazzi e studenti dell’epoca: L’educazione fisica. Disciplina che esiste ancora oggi ma ha perso gran parte della sua funzione, anche educativa, per taluni aspetti. L’orario settimanale scolastico prevedeva ben due ore di ginnastica, obbligatoria. Le ore erano programmate,generalmente,all’inizio o al termine della giornata, ma non mancavano scuole che inserivano questa disciplina al centro della mattinata scolastica: cosache faceva molto piacere agli studenti specie se serviva per interrompere un orario “pesante“(per es tra due ore di italiano e altrettante di matematica). In tali casi, anzi, la ginnastica, oltre a far bene al corpo, faceva bene anche alla mente, perché si rientrava in classe e si affrontavano le ultime, impegnative, ore, con più attenzione e meno “stanchezza psichica”. Ai nostri tempi, in città, erano poche le scuole che disponevano di una palestra e la maggior parte degli studenti doveva spostarsi presso palestre di altre strutture, a volte distanti qualche centinaio di metri.

A Foggia, molte scuole andavano all’ex palestra della GIL: la Gioventù Italiana del Littorio, ubicata su Viale G. Matteotti. Ripensando a quegli anni, ed a come si vivevano questi momenti scolastici legati alla educazione fisica, è anche un modo per rendersi conto di come sono cambiati i nostri costumi e i comportamenti sociali, rispetto ad oggi. Le nostre mamme, per esempio, quando avevamo “palestra”,perché così chiamavamo l’ora di ginnastica: tipica la frase, “ Mà! Oggi tengo palestra”,al mattino ci davano il sacchetto di stoffa contenete le scarpe da ginnastica perché, all’epoca, di scarpe da ginnastica la maggior parte degli studenti ne aveva solo uno: le mitiche scarpette blu o bianche, spesso di tela, poi di gomma. Basse, oppure a mezza caviglia, costavano poche decine di migliaia di lire, si comperavano al mercato Rosati o del venerdi, alla standa e, i più fortunati, in uno dei due-tre negozi di sport che esistevano in città dove potevi trovare le “Lotto” o le “Puma”, che allora avevano prezzi , quasi, popolari. Le scarpe da ginnastica servivano solo e soltanto per essere usate in palestra. Non esisteva che si potessero indossare, come avviene oggi (e con scarpe molto più costose), per uscire, in sostituzioni delle “normali” scarpe che oramai tra i giovani non sono nemmeno più conosciute. E nemmeno potevamo usarle per farsi la consueta, sana, “scartatella” sulla strada o nel cortile sotto casa: per questo si dovevano utilizzare, magari, vecchie scarpe ginniche o vecchie comuni scarpe tipo mocassini. Le disponibilità economiche e i vizi di noi ragazzi di allora, non erano quelle di oggi e, di conseguenza, anche l’abbigliamento doveva essere salvaguardato: così la “tuta” blu o bianca, da indossare in palestra veniva usata solo per questo scopo.

Anche il completo ginnico doveva essere indossato quando si arrivava in palestra, negli spogliatoi, stando attenti a non rovinarla e, men che mai, sbucciarsi le ginocchia: segno inequivocabile che avevamo usato la tuta per altre attività…non “istituzionali!” per poi rivestirci con i nostri abiti per il rientro a scuola. La “tuta” infatti, era di solito una per ogni figlio e veniva acquistata all’inizio dell’anno scolastico, spesso alla Standa, insieme a tutto il completo composto da quaderni, astuccio, compasso, album … che dovevano servire per tutto l’anno. Una figura, ovviamente fondamentale era Il Professore di ginnastica. Per noi, al pari di quello di religione, era una sorta di icona al quale confidare segreti, chiedere consigli e, perché no, conquistarci la sua indulgenza nel caso potesse servire per gli scrutini di fine anno. Lo volevamo con noi alle gite ed anche ai colloqui non andavamo via se prima non avessimo “fatto” anche il “Maestro” di ginnastica. Da parte sua, il Professore aveva molta pazienza perché non era facile dover seguire intere classi nelle varie attività ginniche e gli impegnativi esercizi. A cio’ si aggiungeva anche il delicato e responsabile compito di “accompagnatore” che consisteva nel “trasferimento” di intere classi di studenti (e spesso si parla di ragazzini delle scuole medie che avevamo 11/ 12 anni), dalla scuola alla palestra la quale ,come detto, poteva trovarsi anche ad una certa distanza. A quei tempi capitava spesso di incontrare, in città, professori a capo di studenti, incolonnati e che procedevano ordinatamente, attraversavano strade e incroci, cosi’ l’educazione fisica finiva per diventare anche insegnamento e apprendimento delle basilari regole di educazione civica stradale.

In primavera non mancavano, talvolta, le uscite sino al bellissimo campo giochi del CONI, su Via Ascoli, adiacente all’oramai abbandonato campo di calcio della FIGC, una volta fiori all’occhiello, in ambito sportivo, per la nostra città edove , all’aria aperta, i professori ci insegnavano i fondamentali dell’atletica leggera. La corsa, il salto in lungo, il salto in atto ecc.
Le attività ginniche e gli esercizi ai quali venivamo invece sottoposti in palestra, erano ben lungi dalle partite di calcetto a cui si è ridotta oggi l’ora di ginnastica, gli “attrezzi” che si dovevano fare a volte erano difficili e anche pesanti: basti ricordare la pertica, incubo di tutti, oppure il quadro svedese, la cavallina, le corsette e tanti altri. Al termine dell’ora in palestra ci sentivamo davvero stanchi, ma rinfrancati e pronti a proseguire la lezione. Oggi, purtroppo, l’educazione fisica è relegata,come detto e quanto va bene, alla “strazzatella”. I risultati, purtroppo, si vedono. Tantissimi bambini e ragazzi non conoscono e non sanno le regole degli sport che si praticano; non riescono a fare semplici esercizi ginnici equesto si riflette anche sulla nascita di nuovi campioni. Quante“nuove leve” di uomini e donne affermatesi nei vari sport, venivano fuori proprio dalle scuole e dallo svolgimento dell’educazione fisica.

I professori si accorgevano di chi aveva talento e poteva diventare un piccolo, grande campioncino: lo spronavano, seguivano, incitavano. Ma, tant’è, oggi la scuola si è adeguata ai tempi, così dicono, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Magari i nostri figli saranno più bravi a parlare inglese, francese o spagnolo ma non sapranno saltare una corda su due piedi, oppure “sporcarsi” di terra rossa percorrendo le piste di atletica ( a meno che non siano “virtuali”, beninteso…) così come non sapranno, chi è e come si elegge il Presidente della Repubblica; come si fanno le Leggi o più semplicemente quali sono i nostri diritti e doveri fondamentali, grazie all’abolizione della educazione civica, altra importante fonte di apprendimento del passato, oppure non sapranno mai com’ è fatto un oggetto o il suo funzionamento oppure l’applicazione, pratica, degli studi di scienze e fisica, grazie all’abolizione della disciplina delle “applicazioni tecniche”.
Quanta nostalgia, dunque, per la cara, vecchia scuola che, forse, non ha fatto di noi esperti conoscitori e traduttori di lingue straniere ( meno di quella italiana, ma non importa…) o “capaci” utilizzatori di sistemi informatici e applicazioni che, a tanti, non serviranno mai nella loro vita, ma, in compenso qualcuno di noi , studenti del passato, trovandosi su un autobus, sentirà ancora forte, quella voce provenire dalla nostra coscienza che ci permetterà di rivolgerci ad un anziano o una donna, per dirgli, semplicemente: “Prego signore, si segga al mio posto”…..

Era, la “Scuola”, anche “Maestra” di vita!

(A cura di Salvatore Aiezza, Foggia)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This