Politica

Alfarano: UTIC, appena 6 posti letto nella ASL BT

Di:

Giovanni Alfarano (Pdl) (ST)

Barletta – “APPENA sei posti di Unità di terapia intensiva coronarica (UTIC): nella Provincia di Barletta-Andria-Trani, il servizio d’assistenza al malato è sempre più a rischio. Il Piano di rientro va rielaborato”. Nuovo intervento del consigliere regionale Pdl Giovanni Alfarano a seguito del via della Regione Puglia alla seconda fase del Piano di rientro sanitario. “Nei giorni scorsi avevo già denunciato la situazione di precarietà che si vive nel nostro territorio. La sesta Provincia viene continuamente discriminata ma soprattutto conta un numero di posti letto nettamente inferiore rispetto alle altre cinque province pugliesi. Un numero più che dimezzato e che non rispetta affatto gli indici minimi dettati dal Ministero della Salute e dalla Conferenza Stato-Regioni. Chiusi gli ospedali di Minervino Murge e di Spinazzola, ridimensionati quelli di Trani e di Canosa, si va verso l’interruzione di quello che dovrebbe essere un servizio pubblico da rendere ai cittadini. Alle chiusure poi, alcun servizio alternativo è sopraggiunto. Guardando i numeri, veniamo a conoscenza di situazioni eclatanti”.

E’ il caso degli appena 6 posti letto di Unità di terapia intensiva coronarica (UTIC), rimasti funzionanti nel solo ospedale Bonomo di Andria, dopo le chiusure operate di recente nelle città di Barletta e di Canosa. Come si fa a soddisfare 393mila abitanti con appena sei posti letto a disposizione? Potrei continuare all’infinito con l’elencazione dei tanti casi strani che comportano il mal funzionamento della sanità pugliese ma mi fermo qui. La maggioranza di centro-sinistra Vendola ha il dovere di rivedere un Piano che non rispetta il principio di garanzia dei cosiddetti Lea (i livelli essenziali d’assistenza), che è redatto senza che via sia stata attività alcuna di partecipazione e concertazione e che va a penalizzare in maniera inappropriata una Provincia di Barletta-Andria-Trani già fortemente messa all’osso”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi