Politica

Arresti Asl, Tatarella: truffa fotocopia, giusto il risarcimento

Di:

Il coordinatore provinciale di Fli Fabrizio Tatarella (ST)

Cerignola/Foggia – “L’INCHIESTA che ha portato all’arresto di una decina tra funzionari della Asl, medici e imprenditori segue un copione così risaputo che è quasi noioso ripeterlo. La scienza medica e la tecnologia producono il portentoso macchinario Tal dei Tali, perfetto per la diagnosi precoce della ciribiricoccola. In sede locale i distributori del portentoso macchinario “convincono” i funzionari della Asl che il non plus ultra della ciribiricoccolologia mondiale non può mancare nell’ambulatorio di Valligaccia di Sotto“. A dirlo in una nota il coordinatore provinciale di Fli Fabrizio Tatarella.

Per la bisogna vengono aggiudicate a tamburo battente forniture per un milione e mezzo di euro; le macchine, causa mancanza di ciribiricoccoliatri rimangono inutilizzate e imballate. Ciò malgrado diventa necessario ed impellente acquistare materiali di consumo: siccome costano troppo poco, per esempio un euro e 92 centesimi, li si acquista per signorilità con un modesto rialzo del prezzo, portato a 463 euro. Tutte accuse da provare, naturalmente, ma tutte tragicamente uguali, come repliche o fotocopie di un’unica pluriennale truffa. È questo che autorizza, anzi impone la domanda: i controlli dove sono? Queste ruberie seriali, incallite, apparentemente inestirpabili, sono il frutto di quattro gaglioffi approfittatori, che hanno l’aggravante di speculare sciacallescamente su una cosa seria come la salute? O dipendono da un sistema in cui chi non è connivente è omertoso? La Asl di Foggia (ma non crediamo che nelle altre Asl le cose vadano meglio) ha un sistema di controllo sui costi, un apparato di vigilanza interna? Immaginiamo di sì, ed immaginiamo anche che non costi due lire. Perché allora devono arrivare sempre i Carabinieri? Possiamo chiedere il risarcimento dei danni a chi doveva vigilate e non ha vigilato? O almeno possiamo sbatterlo fuori? Vendola, se ci sei batti un colpo”, termina Tatarella.


Redazione Stato@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi