Capitanata

Orta Nova in… Progress: tra luci e ombra

Di:

Orta Nova. ”E come dentro un film nelle settimane scorse si sono susseguite nuove scene nell’ideale “set” di Orta Nova, paese della provincia di Fg che conta circa 20 mila abitanti.
Scena prima. La regione Puglia ha indetto per il 24.05 la “Giornata Regionale del Diversamente Abile 2016”. Così la Cooperativa SocialService ha organizzato a tal proposito la terza edizione della manifestazione “Noi come Voi”, distribuendo la stessa in due giornate, quelle del 24 per l’appunto e del 28 Maggio.
L’evento è stato incentrato sul teatro, da sempre considerato strumento utile a favorire la socializzazione, l’integrazione, l’affermazione del proprio io e delle qualità personali talvolta soffocate dall’insicurezza.
Esso si è sviluppato secondo tre direzioni:
• Laboratorio teatrale presso il Centro Sociale Polivalente per diversamente abili “Mons. Michele Ventrella” tenuto dal prof. Vincenzo Toma, regista apprezzato in laboratori e spettacoli teatrali con diversamente abili;
• Concorso e mostra fotografica;
• Spettacolo teatrale “Frammenti” con la regia di Vincenzo Toma e la partecipazione straordinaria di Michele Placido presso il Largo ex-Gesuitico.
Il tutto ha visto come protagonisti i ragazzi diversamente abili e i volontari quotidianamente impegnati nelle attività del Centro “Mons. M. Ventrella” di Orta Nova.

Scena seconda. Nella mattinata di mercoledì 25 Aprile le strade di Orta Nova erano in fermento: primo “Ciak, si gira!” per il cortometraggio intitolato “La Fuitina” interamente ambientato ad Orta Nova e nei comuni limitrofi.
Il progetto di riferimento, per la sua valenza storica, è stato finanziato dal Ministero dei Beni Culturali e dal nuovo IMAIE per una somma di € 20 mila ed è curato dalla Master Five Cinematografica, la produzione romana di cui è socio Giuseppe Manzi, originario di Orta Nova e ideatore del progetto.
La “Fuitina” parla dell’amicizia tra due ragazzi, nei primi anni del dopoguerra, che si ritrovano improvvisamente ad affrontare il pregiudizio e le dicerie della gente del posto.
All’interno del cast, interpreti di fama nazionale e comparse selezionate durante i provini tenutisi ad Orta Nova, Taranto e al Cineporto di Fg. Tra questi: Ivana Lotito, che ha preso parte alla seconda stagione di Gomorra-la serie; Fabrizio Ferracane, che ha lavorato anche nel film RAI “Felicia Impastato”; Nicola Rignanese.
L’obiettivo del cortometraggio e del progetto è da inquadrarsi nell’ottica dell’iniziazione del territorio all’arte cinematografica di un certo livello.

Scena terza. Un uomo con indosso abiti molto poveri. Rovista in un cassonetto per la spazzatura intento a cercare oggetti o cibo ancora utili e sfruttabili.
Non si tratta di uno spettacolo teatrale. E nemmeno di un cortometraggio.
Scene di vita vissuta. Frequenti. Ripetute.
Nelle strade di un paese che sta compiendo lo sforzo di crescere sul piano culturale ed il cui benessere dovrebbe essere possibilità consentita a tutti…”

Daniela Iannuzzi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati