CulturaManfredonia
A cura di Pascalonia

Manfredonia. “U serpènde a sètte chépe”


Di:

Mo ve parle e ve scrive a bbriglja scjolte
ne nve diche de lli storje ca cj’accundavene
nda llu bbaraccone, a ll’opere i pupe.
Tanne stévene i pupe llu vere
de lli vicchje andiche,
no accume e mo
ca stanne i pupe de pèzze,
ca schitte ca lli vide, na schefèzze:
u duche de Rome, u marchese de Bbère
e… llu conde de Seponde,
à fusse arrijuscite june mbére.
Ne nv’acconde de Carlo Magne
ca ji scennute abbasce nda ll’Italie,
pe tutte lli bbattaglje a camb’apirte,
rutte de panze nd’u velluche
e de lli turche c’a Macchje e Calafiche
ll’atturrande purtavene a bburde.
E né v’acconde de Reccarde,
llu granne… core de llejone,
de llu lejone de Damasche
p’u scude a cinghe stèlle d’orjènde.
Né de lli paladine de Frange
d’Orlande e de Melone
pe tutt’a razze d’i Malagige,
e manghe de lli cavalire de Spagne.
Ve parle de Guèrrin Meschine
c’ò ccise u serpènde a sètte chépe.
Avita sapì ca na volte, cum’e mo,
ce stévene lli serpinde,
pe sott’i pide lli carogne,
e, a tturn’atturne, lli scjacalle
pronde a mangé ll’avanze.
Llu serpènde jeve asséje putènde
grusse grusse, pe sètte chépe,
ne nfaceve spècje de ninde
a chi cj’avveceneve, nu crepinde.
Schjitte june ò avite llu curagge
d’affrundarle: Guèrrin Mèschine.
Lla lotte ji stéte trèmènde.
Jisse p’a spéde i tagghjeve lli chépe,
ma quidde doppe nu poche
turnavene a llu poste lore.
Guèrrin a ffurje de cumbatte
ce sendeve gjà tutte stracque
quanne ll’ji cumbarse u méghe Merline
e ll’ò ditte: “Acchessì ne ll’accide!
Ji stéte e sarrà sèmbe u stèsse,
sti mostre ne ngj’affrondene de pitte
janne tande mode pe farle franghe,
nu ngandèseme, so’ ngatenète p’i putinde
sanne lluvarce da lli mbicce lli fetinde.
Sind’a mmè ca lli canosce,
livele da sotte, tutte lli carogne,
e atturne livele lli scjacalle:
senza mangé, descjune,
cj’uà sènde ddèbbele e sule,
e tu, subbete, da sotte,
lli tagghje u cudde a cetrule”.
Acchessì fece llu Guèrrine
p’u serpènde a sètte chépe.
E pure mo… s’avèssa capetè…
s’a lli putinde lli live tutt’a servetù,
u cumanne ne nzèrve cchjù.
E se lli llive u vuccone da mmocche
nda nu ninde a chelonne cj’ammocche!

Pascalonia

Il serpente con sette teste
Ora vi parlo e vi scrivo a briglie sciolte,/ non vi dico delle storie che si recitavano/ nel baraccone, dell’opera dei pupi./ Allora c’erano i pupi veri,/ dei vecchi antichi,/ non come adesso/ che ci sono i pupi di stracci,/ che solo a vederli (è) una schifezza:/ il duca di Roma, il marchese di Bari/ ed… il conte di Siponto,/ fosse riuscito uno pari (sano ed intero)./ Non vi racconto di Carlo Magno/ che è sceso giù in Italia,/ con tutte le battaglie in campo aperto/ rotti di pancia nell’ombelico/ e dei turchi che a Macchia e a Calafico/ i malfattori portavano a bordo./ E né vi racconto di Riccardo/ il grande…cuore di leone/ del leone di Damasco/ con lo scudo dipinto a cinque stelle d’oriente./ Né dei paladini di Francia,/ di Orlando e di Melone,/ con tutta la razza dei Malagigi (demoni),/ e nemmeno dei cavalieri di Spagna./ Vi parlo di Guerrin Meschin,/ che ha ucciso il serpente con sette teste./ Dovete sapere che una volta, come ora,/ c’erano i serpenti,/ con sotto i piedi le carogne/ e, tutt’attorno gli sciacalli,/ pronti a mangiarne l’avanzi./ Il serpente era molto potente./ grosso grosso, con sette teste,/ non faceva specie di niente (senza riguardi)/ a chi si avvicinava l’annullava./ Solo uno ha avuto il coraggio/ d’affrontarlo, Guerrin Meschin,/ La lotta è stata terribile./ Lui, con la spada gli tagliava le teste,/ ma quelle dopo un po’/ tornavano al loro posto./ Guerrin per la foga di combattere/ si sentiva già stanco,/ quando gli è apparso il mago Merlino/ e gli ha detto: “Così non lo uccidi,/ è stato e sarà sempre uguale,/ questi mostri non si affrontano di petto,/ hanno molti modi per farla franca;/ un incantesimo, sono concatenati con i potenti, /sanno togliersi dagli impicci, i fetenti./ Ascolta me che li conosco,/ toglili di sotto tutte le carogne/ ed attorno gli sciacalli./ Senza mangiare, digiuno,/ si deve sentire debole e solo,/ e tu, subito, di sotto,/ gli tagli il collo a mo’ di cetriolo (rugoso)!”/ Così fece il Guerrin/ con il serpente dalle sette teste./ E pure adesso… se dovesse accadere,/ se ai potenti togli tutta la servitù/ il comando non serve più./ Se gli togli il boccone dalla bocca,/ in un niente la colonna si rovescia”.

Manfredonia. “U serpènde a sètte chépe” ultima modifica: 2017-06-11T21:14:20+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi