Regione-Territorio

Cian BA, denaro da Italia in Cina; sequestri anche a Foggia (VIDEO)

Di:

Lista traferimenti denaro, operazioni (st)

Roma/Firenze – OLTRE 400 finanzieri dei Comandi Provinciali di Firenze e di Roma, con il supporto del Servizio Centrale Investigazioni Criminalità Organizzata e del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria, hanno eseguito centinaia di perquisizioni e sequestri di beni ordinati dal G.I.P presso il Tribunale di Firenze – Dott. Michele Barillaro-, su richiesta del P.M. della Procura Distrettuale Antimafia – Dott. Pietro Suchan.

Le perquisizioni locali e domiciliari sono 111 in tutto, di cui 55 a Roma, 25 a Firenze, 21 a Prato, 2 ad Arezzo, 2 a Brescia, 1 a Livorno, 1 a Foggia, 1 a Verona, 1 a Mantova, 1 a Reggio Emilia e 1 a Bergamo.

Contemporaneamente, i sequestri di beni, eseguiti fino a copertura del valore di 47.567.000 euro, hanno riguardato:
– 52 imprese cinesi (21 a Roma, 18 a Prato, 11 a Firenze, 1 a Brescia e 1 a Livorno),
– 22 appartamenti e 4 immobili commerciali (14 a Prato, 8 a Roma, 3 a Bologna e 1 ad Arezzo);
– 103 autovetture e 183 conti correnti bancari.

Si conclude così la terza fase delle indagini antiriciclaggio sviluppate dal Nucleo di Polizia Tributaria di Firenze nei confronti della società “Money2Money” (M2M) e delle 14 agenzie di money transfer ad essa affiliate, che risultano utilizzate dal gruppo criminale italo-cinese “Cai-Bolzonaro” come canale per la ripulitura ed il trasferimento in Cina di grosse somme di denaro accumulate illecitamente da società ed imprese cinesi operanti in Italia, nel periodo da ottobre 2006 a giugno 2010. La prima fase delle indagini, denominata “CIAN LIU” (“fiume di denaro”), condusse due anni fa, il 28 giugno, all’arresto di 24 persone ad alla chiusura delle 14 agenzie “M2M” per associazione per delinquere, riciclaggio ed altri reati aggravati dal metodo mafioso, con il coinvolgimento di 85 aziende cinesi ubicate prevalentemente in Toscana.

L’anno scorso, il 21 giugno, l’operazione “CIAN BA” (“diga sul fiume”) fece luce su 2 agenzie “M2M” di Prato e Firenze che avevano effettuato 242.000 trasferimenti illeciti di denaro, inclusi quelli per conto di 318 imprese cinesi che avevano occultato e inviato all’estero 238 milioni di euro. Oggi si conclude il troncone investigativo riguardante le altre 12 agenzie “M2M” ubicate a Firenze (2), Prato (2), Roma (4), Milano (2), Padova (1), e Napoli (1), che stanno dietro 1.514.000 rimesse di denaro frazionato in tranches da 1.999 euro ciascuna, effettuate nascondendo i reali mittenti dietro i nominativi di prestanomi consapevoli (dipendenti o familiari) o di cittadini cinesi completamente ignari o inesistenti.

Con “CIAN BA 2012” le Fiamme Gialle sono riuscite a risalire mediante indagini finanziarie ed informatiche ai flussi di riciclaggio originati da 155 altri imprenditori cinesi-reali mittenti, i quali avvalendosi di 58 “teste di legno” hanno ripulito 50 milioni di euro con la solita tecnica dello smurfing, al fine di far perdere le tracce dei capitali accumulati grazie alle vendite in nero di prodotti tessili (capi di abbigliamento e “pronto moda”), borse e pelletterie, stamperie di stoffe, bar, pasticcerie e ristoranti, import-export ecc., esercitate a Prato (41), Firenze (26), Roma (36) ed altre province (21).

I casi più rilevanti sono quelli di:
– 6 imprenditori cinesi che non hanno presentato nessuna dichiarazione dei redditi, a fronte di trasferimenti di denaro all’estero per 6.088.000 euro;
– 21 altri operatori sinici che avevano presentato dichiarazioni dei redditi ed IVA per importi esigui, del tutto incongrui rispetto a 22.293.000 euro spediti in Cina;
– 19 amministratori di società di capitali che si sono appropriati di denaro sottratto alle casse aziendali per 3.808.000 euro;
– 14 titolari di laboratori ed aziende commerciali cinesi già denunciati più volte dalla Guardia di Finanza e dalle altre Forze di Polizia per reati di contraffazione, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, contrabbando e ricettazione, commessi negli anni degli illeciti trasferimenti verso la madrepatria di 2.591.000 euro di origine non giustificabile.

Le ricchezze reali ricostruite in capo a ciascun indagato sono basate su fonti di prova assolutamente certe, costituite dalle tracce di nominativi e numeri telefonici segnati su “ricevute di versamento” informali, su agende ed estratti conto, nonché all’interno di 92 archivi informatici (hard disk, pen drive, personal computer) sequestrati nel 2010 presso le agenzie M2M.
Tutto il materiale è stato esaminato con incroci e tecniche di computer forensics da parte di 5 team di investigatori, i quali hanno infine acquisito riscontri precisi tramite interrogatori dei gestori delle agenzie e dei loro dipendenti.

Parallelamente, i Nuclei di Polizia Tributaria di Prato e Firenze hanno sviluppato verifiche fiscali più approfondite nei confronti di 16 imprese cinesi già coinvolte nell’operazione “CIAN LIU”, acquisendo così le conferme probatorie di gravi reati fiscali per omesse o infedeli dichiarazioni dei redditi ed IVA. In base a ciò, il G.I.P. ha disposto il sequestro di beni di valore corrispondente alle imposte evase, pari a 12.787.000 euro.

In conclusione, tirando le fila delle tre operazioni “CIAN LIU”, CIAN BA 2011” e “CIAN BA 2012” i risultati complessivi sono così riassumibili:
– 4,5 miliardi di euro illecitamente trasferiti in Cina;
– 558 imprese cinesi che hanno accumulato e spedito all’estero proventi occulti pari a 300 milioni di euro;
– 24 persone arrestate;
– 581 persone denunciate;
– 14 agenzie di money transfer bloccate;
– 207 aziende cinesi sequestrate, unitamente a 283 beni immobili e 471 automezzi, per un valore complessivo di 152 milioni di euro.


Redazione Stato@riproduzione riservata



Slide



VIDEO



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi