Cronaca

Crisi SIA, Pezzano: “Società a un passo dal fallimento”

Di:

Rino Pezzano attacca la Destra di Capitanata

Rino Pezzano (Pd)

Foggia – “PREFETTO di Foggia e Regione Puglia devono intervenire per evitare che la crisi operativa e finanziaria di Sia degenerino fino all’emergenza ambientale e al fallimento societario”. A chiederlo e’ il consigliere provinciale Rino Pezzano più volte intervenuto in passato per segnalare “difficoltà e anomalie di una gestione molto ‘politica’ e poco ‘manageriale'” dell’ex Ato Fg/4, che raggruppa 9 Comuni del Basso Tavoliere e della BAT, e della società, la SIA, che gestisce il ciclo integrato dei rifiuti in house.

L’esistenza di un debito milionario del Comune di Cerignola, capofila delle Amministrazioni consorziate, nei confronti di SIA “esprime perfettamente quale circuito finanziario vizioso sia stato alimentato da Giannatempo e dalla destra: sulla società sono stati scaricati i problemi di bilancio di alcuni Comuni consorziati con la convinzione che gli introiti derivanti dal conferimento dell’immondizia prodotta in quelli extra ATO avrebbero coperto il buco. Così non e’ stato, aggiungendo la beffa finanziaria al danno ambientale”.

L’incendio del quinto lotto della discarica “evidentemente sottovalutato dal presidente del consorzio, ha determinato l’amministratore a compiere il gesto estremo delle dimissioni per imporre ai sindaci una discussione che avrebbe dovuto svolgersi qualche anno fa e che solo in pochissimi hanno testardamente ed inutilmente tentato di provocare. Giannatempo ha, invece, preferito occuparsi dell’assunzione del direttore formalizzata dopo la messa in liquidazione dell’ATO. L’esperienza vissuta dal Comune di Foggia, con i drammatici risvolti sociali e le complesse conseguenze finanziarie, deve essere di monito ai sindaci del consorzio come al Prefetto di Foggia e al presidente della Regione Puglia – conclude Rino Pezzano – affinché siano scongiurate ulteriori emergenze ambientali e occupazionali all’intera Capitanata”.


Redazione Stato@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Daniele

    Anche un opera che eroga servizi di assistenza da circa 90 anni sul territorio di Foggia alle persone più emarginate ed abbandonate rischia la chiusura. Nessuno ci tiene in considerazione ci sono circa 1000 famiglie che non percepiscono stipendi da 2 mesi …… Ma nessuno ne parla nessuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi