Cronaca

Ospedale Brindisi nord, Curto: “Dietro lo scippo grandi interessi economici”

Di:

Curto

Il consigliere regionale Udc E.Curto (image: www.senzacolonne.it)

Bari – “SONO convinto che i sindaci della provincia di Brindisi convocati per domani, insieme a quelli della provincia di Bari, dall’assessore regionale alle Politiche della salute, Ettore Attolini , coglieranno l’occasione per denunciare con forza l’ennesimo scippo subito dal nostro territorio, esprimendo un parere contrario al Piano d’investimenti sanitari per la costruzione di nuovi ospedali”. A dichiararlo è stato il consigliere regionale di Futuro e Libertà, Euprepio Curto, al termine della seduta della III Commissione consiliare nell’ambito della quale l’assessore Attolini aveva sostanzialmente confermato che la localizzazione del cosiddetto Ospedale Nord della provincia di Brindisi, inizialmente allocato tra Ostuni e Fasano aveva subito una modifica sostanziale essendo stato programmato in un’area quasi interamente ricadente in territorio monopolitano.

“Nessuno sterile campanilismo – ha aggiunto Curto -, ma siccome la previsione della realizzazione dell’ospedale nord brindisino costituiva la naturale conseguenza della soppressione dei due nosocomi di Ostuni e Fasano, non sono comprensibili i motivi per i quali a Brindisi si sottraggono due ospedali per darne uno in più all’area barese. Probabilmente – ha proseguito Curto – la ragione sta nel fatto che molte città della provincia di Bari sono ormai stanche delle continue cannibalizzazioni subite dal capoluogo, motivo per cui la concessione fatta alla città di Monopoli potrebbe costituire una sorta di risarcimento politico per ciò che alla provincia era stato tolto dalla futura città metropolitana”.

“Tutto giusto – ha concluso Curto – se non fosse per due fattori importanti e, al contempo, inquietanti : innanzitutto, il fatto che il prezzo in termini sanitari ancora una volta vien scaricato sul contraente più debole (in questo caso la provincia di Brindisi ); e, in secondo luogo, la possibilità che, almeno stando ad alcune autorevoli indiscrezioni, cordate di grandi costruttori baresi abbiano fatto pesare la loro influenza al fine di poter meglio osservare le fasi che condurranno all’assegnazione del lucroso appalto. Ma su quest’ultimo argomento ritornerò”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi