GarganoManfredonia
Nota stampa

103 idee per il futuro del Gargano

Il GAL Gargano conclude l’attività di ascolto del territorio e si prepara a presentare il Piano di Azione Locale

Di:

15 comuni, 25 incontri, migliaia di chilometri percorsi tra i suggestivi paesaggi del Gargano, migliaia di questionari somministrati, quasi 1000 stakeholders incontrati tra rappresentanti di enti, consorzi, associazioni, mondo dell’imprenditoria garganica e 103 idee, senza contare le migliaia di visualizzazioni ottenute online grazie all’utilizzo dei canali social. È questo il bilancio di #FacciamoFuturo, il percorso partecipativo e di animazione territoriale che il GAL Gargano ha intrapreso a maggio per andare incontro alla programmazione 2014-2020, un percorso di coinvolgimento totale delle popolazioni del promontorio al fine di elaborare la Strategia di Sviluppo Locale di tipo partecipativo e quindi il PAL (Piano di Azione Locale), lo strumento che guiderà le azioni del GAL nei prossimi anni. Al fine di massimizzare i risultati nel recepire informazioni dal territorio, l’attività del GAL ha visto anche l’utilizzo massiccio degli strumenti web, dal sito, adattato ad hoc con varie sezioni dedicate, ai social network, grazie ai quali si è raggiunta una copertura di circa 60.000 utenti.

Gli stakeholder dei centri del Gargano hanno contribuito con interesse alla discussione intorno agli indirizzi strategici dello sviluppo del Gargano dei prossimi anni. Nella popolazione garganica si avverte un forte bisogno di fare comunità e andare in un’unica direzione per creare opportunità sul territorio. La volontà di ingresso del comune di Lesina nella compagine sociale del GAL Gargano è un ulteriore segnale dell’apprezzamento da parte dei territori del lavoro intrapreso dal GAL oltre che un fattore importante che enfatizzerà ancora più il ruolo delle due lagune nella programmazione futura.

Le parole del presidente Di Iasio: “Un buon Piano di Azione Locale significa azioni strategiche per il territorio e per questo abbiamo concentrato tutti gli sforzi e le competenze per fare un lavoro di qualità. Crediamo molto nelle capacità del territorio e in questa fase di costruzione della Strategia di Sviluppo Locale siamo supportati dalla Tinada srl, spin-off dell’Università degli Studi di Foggia. Nelle prossime settimane saranno organizzati ulteriori tre incontri, occasioni per presentare alle comunità del Gargano un riepilogo delle proposte giunte sino ad ora in modo da poter fare le ultime integrazioni prima della stesura finale del PAL.”



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati