Manfredonia
Già noto ai militari dell'Arma

Manfredonia, picchia l’ex e il papà della stessa: arrestato 46enne

E' emersa una situazione di atti persecutori continuata nel tempo, fatta di minacce, insulti ma anche di episodi più gravi già riferiti alle Autorità

Di:

Manfredonia, 11 luglio 2017. I Carabinieri della Compagnia di Manfredonia, nello specifico quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile, hanno tratto in arresto in flagranza di reato per atti persecutori (c.d. stalking) e lesioni personali dolose continuate il 46enne, già noto ai militari, Antonio Sdango.

Una delle pattuglie dei Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del NORM impegnate nel servizio di controllo del territorio, nella tarda serata di venerdi scorso, su disposizione della Centrale Operativa è intervenuta presso un’abitazione di Manfredonia dove era stata segnalata una lite. Immediatamente giunti sul posto, i Carabinieri hanno trovato SDANGO Antonio proprio mentre stava aggredendo un uomo che, alla vista dei militari, ha subito dichiarato di essere stato attaccato così come la propria figlia, ex moglie dell’uomo, addirittura alla presenza della figlia minore dei due ex coniugi. L’aggressione interrotta dai Carabinieri era scaturita proprio dal fatto che l’ex suocero, saputo dell’aggressione subita dalla figlia, si era precipitato per cercare dgi difenderla dall’ex marito. Ex moglie, bambina e anche un’amica che si era ritrovata coinvolta nella violenta aggressione si stavano infatti recando presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Manfredonia.

Antonio Sdango, nel frattempo, noncurante della presenza dei Carabinieri, continuava a minacciare di morte ex suocero e moglie.

CASERMA DEI CARABINIERI - COMANDO COMPAGNIA DI MANFREDONIA (PH STATO QUOTIDIANO)

CASERMA DEI CARABINIERI – COMANDO COMPAGNIA DI MANFREDONIA (PH STATO QUOTIDIANO)

Condotto negli uffici della Compagnia Carabinieri di Manfredonia, sono quindi stati effettuati tutti gli accertamenti del caso e, in particolare, dal racconto delle vittime, è emersa una situazione di atti persecutori continuata nel tempo, fatta di minacce, insulti ma anche di episodi più gravi già riferiti alle Autorità, rivolta nello specifico alla ex moglie che, a causa del comportamento dell’uomo, viveva in uno stato di timore per l’incolumità propria e dei propri congiunti, tanto da essere costretta anche a modificare le proprie abitudini di vita.

Alla luce quindi dell’intervento effettuato poco prima e di quanto emerso in sede di denuncia, oltre alle certificazioni pregresse, al termine degli accertamenti Antonio Sdango è stato dichiarato in arresto per il reato di atti persecutori nonché per quello di lesioni personali dolose continuate e condotto presso il carcere di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • Franco

    Se colpevole va allontanato da Manfredonia e messo in condizioni di non nuocere.


  • verità

    Va va e che c ste con le donne sono buoni a prendersela e poi fanno le pecore vicino………vergogna


  • rosy

    va mandato via,allontanato completamente dal paese,chissà se la legge tutelerà chi in questo caso ha bisogno di protezione e cioè in primis i minori.
    Ormai si vive in un mondo dove devi imparare a difenderti,insegnare ai nostri figli la difesa,l’autodifesa ormai è una necessità sin da piccoli.
    Quando a tradirci è la persona che ci ha messo al mondo,cosa possono conservare dentro di loro questi bambini?
    E’ vergognoso,scandaloso e non voglio continuare…ormai la società è questa!!!
    Una donna supera,va avanti!!! Ma i figli no,porteranno dentro di se sempre quelle orrende scene!
    Rinchiudetelo e buttate le chiavi….VERGOGNA!


  • Commercialista idealista

    Ma perché certa gente viene difesa da avvocati, quando addirittura colta sul fatto. Ma soprattutto perché l’autorità giudiziaria rimette in libertà certa gente? Si spera, forse, che migliorino?


  • The King

    Una bella vacanza da Erdogan di una decina di anni sarebbe una buona soluzione.


  • procura

    come al solito tutti bravi a parlare……senza sapere tutto….. complimenti…. io allontanerei voi capre……….


  • ministero

    Bisogna mettere fine alla violenza sulle donne!


  • Luce


  • verità

    Chi ti picchia non ti ama donne.ricordiamo qursto logo la violenza non è mai amore


  • Immigrato

    Procura, tu che sai qualcosa, racconta.


  • uomo arrabiato

    X procura ti voglio ricordare che qualsiasi cosa sia successo non e consentito a nessun essere umano maltrattare e minacciare di morte una ex moglie e il proprio figlio..in questi casi bisogna arrestare il soggetto pericoloso e quando esce dal carcere mandarlo agli arresti di soggiorno obbligato in una foresta, con gli animali come lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi