Economia
L'inflazione del mese di luglio, stabile allo 0,2%, è un dato insufficiente ai fini della ripresa dei prezzi al dettaglio

Inflazione stabile a luglio: malissimo carrello della spesa in forte calo

Serve un serio incentivo ai consumi delle famiglie, perché solo un aumento della spesa collettiva consentirà una ripresa dei prezzi al dettaglio e l'uscita definitiva dalla crisi per l'industria italiana e per migliaia di negozi e piccole imprese" - conclude Rienzi

Di:

Roma – L’inflazione del mese di luglio, stabile allo 0,2%, è un dato insufficiente ai fini della ripresa dei prezzi al dettaglio, soprattutto alla luce del forte calo del carrello della spesa, sceso dello 0,9% su base mensile. Lo afferma il Codacons, commentando i dati diffusi oggi dall’Istat. “E’ evidente come, seppur usciti dalla deflazione, la crescita dei prezzi in Italia sia ancora troppo lenta – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Con incrementi dello 0,2% non si va da nessuna parte e preoccupa il dato negativo dei beni a più elevato consumo inseriti nel “carrello della spesa”. Serve un serio incentivo ai consumi delle famiglie, perché solo un aumento della spesa collettiva consentirà una ripresa dei prezzi al dettaglio e l’uscita definitiva dalla crisi per l’industria italiana e per migliaia di negozi e piccole imprese” – conclude Rienzi.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi