Manfredonia
"La preoccupazione dei lavoratori è che colpendo di Biase mirano a smontare la Sanitaservice"

Manfredonia, lavoratori Sanitaservice: “20 anni al servizio dell’ASL/FG”

"Oggi a distanza di sei anni trascorsi con la Sanitaservice questi lavoratori hanno raggiunto quella dignità lavorativa che ogni lavoratore sogna di raggiungere"

Di:

Manfredonia – ”Il 1 Agosto 2015 e’ decorso il ventesimo anno da quando un gruppo di lavoratori fermi in disoccupazione speciale e’ stato assegnato il 1 agosto 1995 ad un progetto di Socialmente utili impiegati nella ASL Foggia distribuiti nei vari presidi Ospedalieri tra Cerignola e Manfredonia . Oggi questi lavoratori dopo un travagliato percorso di riqualificazione e una difficile integrazione nelle strutture sanitarie vogliono con questo comunicato ricordare anche la scomparsa di colleghi venuti a mancare prematuramente e con l’occasione citano alcuni nomi tra cui Giovanni Scuro , Francesco Bottalico , Tommaso Mastropasqua , Domenico Guerra , Giacomo Di Iasio e Raffaele Grasso. Durante questo periodo un gruppo di lavoratori fu assegnato ad alcune cooperative di privati che avevano ottenuto degli appalti di pulizia e manutenzione nella ASL foggia e per più di nove anni hanno subito il dominio dei padroni di queste cooperative dove sono stati maltrattati e malpagati mentre un’altra piccola parte di questi lavoratori nel 2008 venne assunta direttamente dalla ASL Foggia in seguito nel 2009 è arrivata la Sanitaservice che ha poi internalizzato tutti questi lavoratori che stavano nelle cooperative.

Oggi a distanza di sei anni trascorsi con la Sanitaservice questi lavoratori hanno raggiunto quella dignità lavorativa che ogni lavoratore sogna di raggiungere, ossia professionalità contratto a tempo pieno e indeterminato puntualità nel ricevere lo stipendio rapporto diretto con l’amministratore unico Antonio di Biase persona professionalmente preparata disponibilissimo. Basta una telefonata o un appuntamento e riceve chiunque compresi i sindacati cosa che con altre aziende sia pubbliche che private tutto questo non esiste. Con questo comunicato i lavoratori intendono manifestare solidarietà all’amministratore unico Antonio di Biase che giorni fa ha subito accuse e attacchi dal segretario della Usppi Massimiliano Di Fonso e dal neo consigliere regionale Giannicola De Leonardis. La preoccupazione dei lavoratori è che colpendo di Biase mirino a smontare la Sanitaservice e nessun lavoratore intende tornare indietro con le cooperative e quindi pronti a dare battaglia e a non arrendersi di fronte a niente e a nessuno”.

(Comunicato stampa, Associazione ‘Libero Impegno’ di Manfredonia, 11 agosto 2015)



Vota questo articolo:
16

Commenti


  • Il giusto

    Niente concorsi, niente graduatorie e criteri di internalizzazione tutti da capire.

    Complimenti a chi si è trovato nella confusione delle ASL e si è ritrovato un posto di lavoro a tempo indeterminato… Davvero complimenti, tanto paga pantalone.

  • Piena solidarietà a questi lavoratori che difendono i loro diritti a qualsiasi costo e fanno bene come dargli torto coi tempi che corrono oggi un posto di lavoro così si farebbe di tutto bravi anche nel ricordate gli amici che non ci sono più . COMPLIMENTI PER L’ARTICOLO.

  • Complimenti per l’articolo va molto aldilà delle invidie e delle calunie ragazzi andate avanti difendete i vostri diritti che con i tempi che corrono oggi ad averlo un lavoro così .


  • Freccino

    È questo mecenate e buon sammaritano e’ anche lui un ex socialmente utile oppure è stato sistemato da qualche politico di turno? È se i dipendenti della Sanitas venissero assunti dalla Asl non avremmo l’eliminazione di qualche caporale?


  • Lui

    Bisognava dare una stabilizzazione a tutti i precari che lavorano per le Asl e non solo per partiti politici presi ed inoltre penso sia giusto dare un minimo di controlli sull operato del personale.


  • orazio

    non ho niente contro quelli che lavorano in questa cooperativa, sarei stato contento anche io, se mi ci sarei trovato dentro, anche senza concorso, e per tutti gli altri che sta per scadere la cassa integrazione o la disoccupazione speciale, chi li tutelera, , lavoro non ce, come si fara, sarano figli di un dio minore, ?prego al sindaco e gente politica che abbiamo a roma, che si dessero da fare per garantire , non dico il lavoro , perche e tutto bloccato, ma un sostegno per tirare avanti, e perche no, altre cooperative per assorbire tutta questa gente, manfredonia ha bisogno di molta manuntenzione, altra gente per pulire le strade, strade tutte rotte dai rami degli alberi , piu i marciapiedi adiacenti, strisce pedonali cancellate da anni, vegetazione lasciata a se stessa, dai sindaco , non ci vuole molto, lo so che non hai la bacchetta magica, pero per queste cose ,, gia ci dovevi pensare prima, spero di aver acceso un po di buon senso , nella gente politica che ci governa, un altro detto molto antico diceva, ,,,ama il prossimo come te stesso, ci sara un senso a queste frasi, speriamo,,,


  • mimmola

    Caro amico…il giusto. Sono uno della Sanitaservice di 20 fà. Battete sempre su di che non abbiamo fatto nessun concorso,noi socialmente utili. Altri sono stati assunti dall’ asl senza concorso a quelli non guardate …. Comunque noi questo posto c’è l’ho siamo guadagnati al contrario di quello che dite voi .Inizialmente abbiamo lavorato con poco stipendio però abbiamo tenuto duro grazie alla nostra volontà di lavorare al contario di altri che piace stare davnti ai Bar.


  • Jonny

    La sanità Service non ha trasparenza…se deve continuare a esistere bisogna cacciare prima tutto il personale assunto senza concorsi ( quasi TUTTI).
    Far pagare tutto a chi ha utilizzato soldi pubblici per scopi privati e elettorali e togliendo possibilità ad altri di partecipare a qualsiasi concorso ….
    La sanità Service è una furbata esagerata.
    Basta .
    La Puglia è arretrata su tutto ma su queste cose di nascondere la trasparenza è numero 1. ..
    Complimenti a chi l ‘ha inventata
    E chi continua a tenerle in vita queste assurdità

  • Cacchio allora l’articolo non l’a capito nessuno sono 20 anni che buttiamo il sangue in questi Ospedali altro che raccomandati dalla politica casomai danneggiati dalla politica poi ci alcuni tra gli ultimi entrati dalla finestra che hanno avuto la STAMPATA.


  • agguerrito

    Baraccone politico…….
    Società nata per eludere i concorsi pubblici e sistemare i “vicini”di partito.


  • santino

    c’è molta confusione! i Lavoratori sanitaservice sono diventati tali perchè nell’affidamento del servizio (sia esso di pulizia piuttosto che ausiliaritao) a Sanitaservice, per LEGGE, nel cambio di gestione del servizio, chiunque subentrava (nel caso Sanitaservice) doveva prendersi i Lavoratori (sono le c.d. clausole di salvaguardia). quindi chi parla di concorsi non sa di che parla. è anche vero che i concorsi si dovranno attivare nel momento in cui si dovessero fare nuove assunzione (e questo si chiama controllo analogo da parte della committente). tutti i Lavoratori in generale, ma nel nostro caso i Lavoratori Sanitaservice, avrebbero il diritto di essere lasciati in pace e nessuno può far tornare indietro l’orologio della storia (una storia scritta solo dai Lavoratori).


  • Jonny

    I socialmente utili non si son guadagnati niente … altro che’..
    Come cita qualche commento.
    Il modo parassita dei socialmente utili non significa che adesso dopo vent’anni di stipendi a vuoto l asl dovrebbe dare a loro una garanzia …prima fare il disoccupato speciale era un trucchetto per prendere sussidi dal comune. . A lire era un discorso ….poi a euro si sono resi conto della miseria che avevano in compenso. ..(quanto lavori tanto ti pagano).
    Quindi SOCIALMENTE UTILI Niente pretese .
    QUELLA ERA UNA COSA PROVVISORIA NO PORTARE SANGUISUGA FINO AL INFINITO.


  • vincenzo

    Ancora una volta la Sanitaservice viene chiamata in causa ,tra l’altro da un sindacalista che stimo è rispetto Massimiliano Di Fonso il quale fa affermazioni pesanti sull’Ammistratore Unico Antonio Di Biase;e da un consigliere Regionale Giannicola De Leonardis che guarda caso era interno a questo sistema essendo stato Presidente di ConfCooperative,credo che con questo abbia detto tutto.Con la sua forza ,tenacia,ed bontà d’animo e con l’aiuto di tutti noi che ci lavoriamo diciamo con FORZA ANTONIO DI BIASE SIAMO TUTTI CON TE

  • Ci vorrebbe un Di Biase in tutte le aziende Italiane.


  • Michele

    Di Biase Santo subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi