Manfredonia
Approvato ieri il Piano di Azione e Coesione Complementare

OK CIPE a 500 milioni di nuovi finanziamenti: Manfredonia c’è

Franceschini: investiamo sul patrimonio per rilanciare l’economia

Di:

Manfredonia. Il CIPE ha approvato ieri il Piano di Azione e Coesione Complementare (Pac 2014-2020) che costituisce l’ultima tranche del Piano operativo nazionale ‘Cultura e sviluppo’ (Pon cultura) del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Presentato nel marzo 2016, per un valore di 133.622.878 euro, il Pac appena approvato completa un intervento strategico di circa mezzo miliardo di euro (i 133 milioni del Pac si sommano infatti ai circa 360 milioni del Pon cultura) con cui si finanziano, nel 2016, 88 cantieri, subito operativi, nelle 5 regioni del Sud: Basilicata Campania, Calabria, Puglia e Sicilia.

“I cantieri della cultura – dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini – sono un’ulteriore dimostrazione di come e quanto il governo stia investendo per la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico-architettonico e archeologico del nostro Paese. Dopo un decennio di tagli, queste scelte confermano che per il governo Renzi la cultura è la chiave per il rilancio economico dei territori e del Mezzogiorno’.

Grazie all’intervento sinergico del Pon Cultura e del Piano d’Azione Comunitario, in Campania vengono finanziati 32 interventi per 137.816.723 euro, in Calabria 6 interventi per 11.088.730 euro, in Puglia 20 interventi per 68.297.141 euro, in Basilicata 9 interventi per 26.448.242 euro, in Sicilia 19 interventi per 57.073.267 euro. Oltre 300 milioni di risorse, circa 90 cantieri di immediata realizzazione a cui si sommano le risorse per favorire la progettazione di qualità, l’assistenza tecnica alle stazioni appaltanti e 33 milioni di euro ancora da programmare.

Gli interventi sono tutti di rilievo, tra gli altri, quelli per il Museo archeologico di Napoli, i parchi archeologici di Cuma, Velia e Paestum, la Reggia di Caserta, la Real Tenuta di Carditello, i musei e i parchi archeologici di Sibari, Locri e Scolacium, Castel del Monte, i Castelli Svevi di Trani e Brindisi, il Castello di Carlo V a Lecce, il parco archeologico di Venosa, il museo archeologico di Metaponto, il parco della Valle dei Templi di Agrigento e il parco archeologico di Gela.

ALLEGATO TABELLE
1

2



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • svolta

    Si vuole sperare che con tali finanziamenti venga messa alla luce parte dell’antica Siponto definita a ragione e a più riprese uno “scrigno sotto terra……”
    Si deve dare merito al Ministro Franceschini, un ministro a mio avviso che ha e sta lavorando molto bene, ad iniziare da Pompei, Reggia di Caserta dove le sue direttive hanno dato i frutti sperati da tante persone che vedendo certi depauperamenti non si spiegava il come e perchè soldi e tanto personale non riuscivano a tenerle in buono stato.
    Ora si vuole sperare che tenga un occhio ben vigile su e per Siponto, in quando nelle acque limitrofe gironzolano tanti……squali.
    A te Giorgio……


  • Army

    Tanti soldi x migliorare le chiese e la gente muore sulle strade orribili e a dir poco vergognose della nostra provincia. Faccio tutti i giorni la strada x margherita e se escludiamo il primo tratto fino allo scalo dei saraceni il resto è del 4 mondo. Pazienza, mi conselero’ con i decori dei castelli di Bari, Andria, Barletta e così via. Se nel cervello dei nostri politici ci fosse un po’ di neuroni probabilmente li spendevono x la sicurezza.


  • Il vaccaro di San Spiriticchio

    Occhi ai finanziamenti per il porto industriale…il mostro sta lavorando molto bene con la politica sipontina tutta.


  • antonella

    Quanti bei soldini tutti per manfredonia, ma allora ci faremo grassi grassi, satolli fino in fondo. Mi piacerebbe proprio vedere progetti finanziati realizzati e messi in funzione nella propria destinazione, ma qui siamo a Manfredonia,treno tram docet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati