CapitanataCerignola
"Metta sindaco inutile, città dimenticata"

Sgarro “Cerignola cancellata dal Patto per la Puglia”

«636,3 MILIONI DI EURO in infrastrutture per la Capitanata. CERIGNOLA NON C'E'

Di:

Cerignola. 40 MILIONI destinati alla piattaforma logistica dell’Incoronata da dare a un privato, per un’opera a cui mancano ancora i progetti esecutivi, mentre l’Interporto di Cerignola è lì a morire e con questa Amministrazione che ha deliberato lo scioglimento di Ofanto Sviluppo, la società di gestione. Perché non rilanciare quella struttura? Non lo dico per sterile campanilismo, ma perché sarebbe stato un investimento pubblico, con meno risorse da impegnare, e che ne avrebbe liberate altre per ulteriori interventi. Lo abbiamo detto più di due mesi fa!» Così commenta il segretario del PD Cerignola e consigliere comunale, Tommaso Sgarro, a margine della firma tra Renzi ed Emiliano sul Patto per la Puglia.

«Grazie al governo nazionale arriva sicuramente una boccata di ossigeno per la Capitanata e importanti interventi saranno realizzati a beneficio dell’intera comunità, e di questo non possiamo che compiacerci, ma per Cerignola e per il territorio è un occasione persa per rilanciare la struttura interportuale mai entrata in funzione. Ci vuole un’idea di sviluppo per questa città oramai al collasso. Viene da chiedersi cosa vada a fare Metta ai tavoli provinciali se non scena muta? Cerignola viene totalmente dimenticata dagli interventi del master plan regionale. Si rafforzano comunità come Manfredonia, Foggia, San Severo, Lucera, i Monti Dauni, noi non ci siamo» continua Sgarro.

«Pesa l’assenza di un dibattito politico. Pesa l’assenza di una maggioranza politica vera. Non si può pensare di amministrare tra feste e festicciole come se fossimo all’asilo Mariuccia, vessando qua e la i cittadini tra aumento dei grattini e istallazione di 10 autovelox ed essere fuori dai tavoli che contano, dove serve difendere il nostro territorio e lanciare idee di sviluppo. Non si può gestire una comunità con sole mance elettorali. Metta è un inutile sindaco per una città che sprofonda giorno dopo giorno nell’oblio» conclude Sgarro.

FOCUS
Di seguito la tabella concernente l’elenco dei progetti proposti sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione nel periodo di programmazione 2014-2020:

INTERVENTO STRATEGICO (titolo del progetto) – COSTO (M€)
SS 16 Adriatica. Lavori di ammodernamento, adeguamento alla sezione C1 e messa in sicurezza del tratto Foggia-S. Severo 128,5
SS 16 Adriatica. Lavori di ammodernamento, adeguamento alla sezione C1 e messa in sicurezza del tratto Foggia-S. Severo (Progettazione) 1,5
A14_Realizzazione antenna autostradale a pedaggio diramazione Brindisi-Lecce, con contestuale arretramento della barriera A14 da Massafra a San Basilio 250,0
SS 7 ter_Itinerario Bradanico‐Salentino Tratto compreso tra la S.S.V. Taranto‐Grottaglie e Manduria Lavori di completamento funzionale del Lotto 3° ‐ stralcio 2° e 3° 54,7
SS 7 ter_Itinerario Bradanico‐Salentino. Ammodernamento del tronco Manduria ‐ Lecce. Completamento funzionale della Variante di S. Pancrazio Salentino ‐ Lotto 1° ‐ 2° Stralcio 50,4
SS 16 – Bari-Brindisi-Lecce – Riqualificazione tratte prioritarie 250,0
Linea ferroviaria Barletta-Spinazzola. Elettrificazione Barletta-Canosa 26,0
Raccordo ferroviario nuova stazione elementare “Brindisi Intermodale_direzione nord” 25,0

Linea Foggia-Manfredonia. Penetrazione urbana nella città di Manfredonia con caratteristiche tramviarie e introduzione tecnologia Treno-Tram su tutta la linea. 50,0
Linea Bari-Altamura-Matera. Raddoppio selettivo tra Palo del Colle ed Altamura, straordinaria manutenzione e completramento del raddoppio di binario tra nuova fermata Libertà e inizio interramento Modugno incluso rinnovo e potenziamento piano del ferro del deposito officine di Bari Scalo 44,0
Materiale rotabile ferrovie concesse 50,0
Interventi per il miglioramento della sicurezza nelle linee ferroviarie a binario unico e delle ferrovie concesse 50,0
Linea ferroviaria Taranto-Brindisi. Adeguamento stazione di Francavilla Fontana 7,0
Adeguamento interoperabilità stazione di Taranto 3,0
SS 7_Lavori di completamento del tronco Matera‐Taranto: Lotto 1° Taranto‐Massafra, con sezione tipo C2. 72,0
SS 89_Lavori di razionalizzazione della viabilità di S. Giovanni Rotondo e realizzazione dell’asta di collegamento da San Giovanni Rotondo al capoluogo dauno ‐ 1° stralcio 68,0

SS 16_Tangenziale ovest Foggia. Recupero funzionale – Lotto 3° dal km 683+700 fino all’innesto la SS 16 in direzione Bari 44,0
SS 16_Tangenziale ovest Foggia. Recupero funzionale del tratto dal casello autostradale fino al km 684+000 ‐ Lotto 2° (dal casello autostradale fino al km 676+700) 87,5
SS 16_Tangenziale ovest Foggia. Recupero funzionale del tratto dal casello autostradale fino al km 684+000 ‐ Lotto 1° (dal km 676+700 al km 683+700) 54,8
Metropolitana di Bari, quartiere San Paolo, tratta Cecilia-Regioni 36,0
Dighe uso irrigue 4,0

TOTALE 1.356,4

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • ilproletario

    Forse perché non avete ancora imparato a votare e non conoscete il sistema dell’inchino a 90° praticato dagli amministratori di Manfredonia!!!!


  • Alfredo

    Se la prenda con chi l’interporto decise di realizzarlo in quella posizione per intercettare le merci dell’intera capitanata e portarle a Bari, non fu pensato per lo sviluppo di questa provincia ma solo per Cerignola e Bari. Oltretutto costruito dopo la dimissione di uno dei più importanti scali merci d’Italia, quello di Foggia, voluta da qualche dirigente di RFI , se mai di origine barese. Lo scalo Lotras riporta in parte, finalmente la provincia e territori circostanti a gestire le proprie merci, guardando e dando speranze per i l futuro, più che al porto di Bari a quello di tutta la Capitanata, quello di Manfredonia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati