Stato prima
Ammonta a 4490 il totale delle persone assistite nei campi e nelle strutture allestite

Terremoto centro Italia: verifiche di agibilità

A ieri 1393 sopralluoghi effettuati

Di:

Roma. Sono 103 le squadre di tecnici abilitati Aedes (Agibilità e danno nell’emergenza sismica) e di esperti impegnate oggi nelle verifiche di agibilità post-sismica sugli edifici dei comuni interessati dal terremoto del 24 agosto. Per quanto riguarda gli edifici privati, per i quali le verifiche sono iniziate questa settimana, sono già 756 i sopralluoghi effettuati. Di questi, 458 sono stati dichiarati agibili (il 60,5%) ai quali se ne aggiungono 33 che non risultano danneggiati ma sono inagibili per rischio esterno. Sono 168 gli esiti di inagibilità (circa il 22%), mentre i restanti 97 sono temporaneamente o parzialmente inagibili.

I sopralluoghi, iniziati già a pochi giorni dal terremoto per verificare prioritariamente l’agibilità delle scuole e consentire di definire un piano degli interventi laddove le strutture non siano agibili, hanno riguardato finora 637 edifici pubblici, di cui 538 plessi scolastici: tra questi ultimi 374, pari a quasi il 70% del totale, sono stati ritenuti agibili, mentre altri tre pur non essendo danneggiati risultano al momento inagibili a causa di un rischio esterno. Sono 106 gli edifici temporaneamente inagibili – in tutto o solo in parte – che grazie a provvedimenti di pronto intervento tornerebbero agibili; a questi se ne aggiungono venti parzialmente inagibili e tre da rivedere per un’ulteriore valutazione. Sono 32 gli edifici scolastici inagibili, meno del 6%, e concentrati nei comuni più colpiti.

Tra gli altri edifici pubblici oggetto di verifica, infine, sono 69 quelli agibili, 18 quelli che risulterebbero agibili con provvedimenti e tre quelli parzialmente inagibili. Una struttura necessita di essere rivista, mentre sono otto su 99 totali quelli risultati inagibili.

Terremoto centro Italia: assistenza alla popolazione. Ammonta a 4490 il totale delle persone assistite nei campi e nelle strutture allestite allo scopo o presso gli alberghi. In particolare, nella Regione Lazio 959 persone sono ospitate in 14 campi, mentre altre 59 sono alloggiate in tende distribuite in modo diffuso tra i comuni colpiti; nelle Marche sono alloggiate 1958 persone di cui 858 sono accolte in 11 campi. In Umbria sono assistite 1080 persone, mentre 274 sono le persone che risultano accolte in Abruzzo. Sono 160, infine, le persone alloggiate presso gli alberghi messi a disposizione a San Benedetto del Tronto (AP).



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati