CronacaCultura
"Nel 1993 fondò e diresse insieme a Sergio D'Elia Nessuno tocchi Caino, lega per l'abolizione della pena di morte nel mondo"

Foggia. 23 anni dalla morte di Mariateresa Di Lascia

"Fu promotrice di battaglie ambientaliste, ad esempio contro il nucleare in Italia"


Di:

Foggia. SONO passati 23 anni dalla prematura scomparsa di Mariateresa Di Lascia, politica e scrittrice italiana, nata a Rocchetta Sant’Antonio il 3 gennaio 1954.

Dopo essersi iscritta all’Università di Napoli alla facoltà di Medicina con lo scopo di diventare missionaria laica, Mariateresa Di Lascia “abbandonò tre anni dopo questa attività perché assorbita dall’impegno politico all’interno del Partito Radicale, a cui aderì nel 1975”.

Come riporta wikipedia “Nel 1982 fu eletta vicesegretario nazionale del partito, durante la segreteria di Marco Pannella, e deputata durante la IX legislatura. Il 10 settembre 1994, all’età di 40 anni, morì a Roma per un tumore, pochi mesi dopo aver sposato Sergio D’Elia, ed aver pubblicato il romanzo Passaggio in Ombra, vincitore del Premio Strega nel 1995”.

“Fu promotrice di battaglie ambientaliste, ad esempio contro il nucleare in Italia”. “Convinta che l’aborto sia per la donna una scelta dolorosa, la Di Lascia ha sostenuto comunque all’inizio della sua attività politica la possibilità per ogni donna di scegliere liberamente”. “Nel 1990 fu tra coloro che proposero la difesa della legge Gozzini sulla riforma penitenziaria”.

“Nel 1993 fondò e diresse insieme a Sergio D’Elia Nessuno tocchi Caino, lega per l’abolizione della pena di morte nel mondo”.

«Quando aveva pensato a cosa sarebbe stata la sua vita, a quale forma si sarebbe piegata ad avere, se mai ne avesse avuta una, aveva sentito qualcosa ribellarsi dentro sé, come per una insopportabile imposizione. Allora aveva avuto un solo desiderio: conservare il più a lungo possibile, forse per sempre la libertà di non avere nessuna forma. » (Passaggio in Ombra)

Foggia. 23 anni dalla morte di Mariateresa Di Lascia ultima modifica: 2017-09-11T19:15:23+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi