25 luglio 2014 - Aggiornato alle

Stato Quotidiano

“Reddito minimo (600 euro)”, raccolta firme Rifondazione

“Reddito minimo (600 euro)”, raccolta firme Rifondazione
11 ottobre
13:42 2012
condividi
Lavori e precari (immagine d'archivio)

Lavori e precari (immagine d'archivio - PH: lisoladeicassintegrati)

Manfredonia – IL Partito della Rifondazione Comunista di Manfredonia comunica che sabato 13 ottobre 2012 sarà in Piazza del Popolo la Raccolta di sottoscrizioni alla proposta di legge di iniziativa popolare sul reddito minimo.

“In quanto oggi le disuguaglianze nel nostro paese hanno assunto livelli insostenibili. Il 10% delle famiglie italiane più ricche possiede quasi la metà della ricchezza complessiva, mentre il 50% della popolazione meno abbiente ne detiene una quota inferiore al 10%. Inoltre un altro dato ancor più sconcertante e che l’ 1% della popolazione ricchissima da sola detiene il 14,8% della ricchezza complessiva, la stessa quota posseduta dal 60% meno abbiente delle famiglie italiane”.

“La crisi e le politiche di questo governo stanno aggravando sempre di più la precarietà del lavoro e della vita(la povertà in Italia ormai colpisce più di 8 milioni di persone),aumentando la disoccupazione,distruggendo i diritti sociali e del lavoro, trascinando il paese in una recessione sempre più dura. Per questo si deve radicalmente cambiare politica. Va contrastata la precarietà e creata nuova occupazione, con un piano per il lavoro e per la riconversione ecologica dell’economia. Bisogna redistribuire la ricchezza,togliendo a chi ha, con un imposta patrimoniale sulle grandi ricchezze immobiliari, finanziare il welfare e istituire il reddito minimo”.

“Noi siamo il solo paese europeo, assieme alla Grecia e all’Ungheria ,che non ha uno strumento di protezione di questa natura. Per questo chiediamo che venga istituito e che tutte le persone inoccupate,disoccupate,precarie che non superino gli 8000 euro di reddito annuo e siano iscritte alle liste di collocamento dei centri per l’impiego, possano ricevere un reddito di 600 euro al mese e accedere ad una serie di beni e servizi”.


“Perché il reddito minimo è uno strumento di contrasto all’esclusione sociale, alla precarietà e alla ricattabilità del lavoro, al ricatto delle mafie; uno strumento di contrasto alla crisi e di redistribuzione delle ricchezze; è un sostegno alla dignità della persona, al suo diritto di vivere una vita autonoma”.

Locandina

Tags
Vota questo articolo  

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Dony
    Dony ottobre 12, 08:49

    Ho letto male???…
    quelli di Rifondazione Comunista dicono:

    “tutte le persone inoccupate,disoccupate,precarie che non superino gli 8000 euro di reddito annuo e siano iscritte alle liste di collocamento dei centri per l’impiego, possano ricevere un reddito di 600 euro al mese e accedere ad una serie di beni e servizi”…

    INCREDIBILE!!!

    E dove li dovrebbero prendere i soldi per pagare 600 euro a tutti disoccupati che ci sono in Italia?

    Inziando a non pagare i mega stipendi ai politici regionali, provinciali e comunali di Rifondazione Comunista?

    Non c’è trippa per gatti, i soldi non ci sono, i politicanti se li sono magnati tutti.

    Già hanno fatto manovre e manovrine per far tornare i conti di stato, adesso per trovare questi altri soldi cosa dovrebbe fare lo stato? Chiederci un prelievo di sangue?

    Io lavoro in capagna 8 ore al giorno per 30 euro…altro che 600 euro gratis…

    A queste campagne (pre elettorali) (simili a delle favole per bambini dai 5 anni in giù) non ci credono più neanche i fessi.

  2. angelo
    angelo ottobre 12, 12:10

    ma come fanno le altre nazioni

Scrivi un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi richiesti sono evidenziati *