Manfredonia

Zadra Vetri, Sangalli: Cigs dal 1 ottobre per 80 lavoratori

Di:

Gli operai della Zadra Vetri srl fuori lo stabilimento. Lo sciopero del 26 ottobre 2011 (ST)"

Foggia/Manfredonia – ZADRA Vetri SpA: domanda per la Cigs, da Sangalli Vetro, per i 78 (80) lavoratori attualmente sospesi a zero ore. E’ quanto risulta dal verbale di accordo sottoscritto in Provincia a Foggia, il 2 ottobre 2012, alla presenza di responsabili dell’azienda, di Confindustria e delle parti sindacali: Luigi Lauriola, segretario generale Filctem Cgil e Egidio Ondretti, segretario generale Femca Cisl. Presente anche la dr.ssa Leondina Marozzo in rappresentanza del Settore Politiche Lavoro e Statistica della Provincia.

FOCUS ZADRA VETRI: DALLO SCIOPERO NELL’OTTOBRE 2011 ALLA CHIUSURA DELL’AZIENDA FINO AL RIENTRO IN FABBRICA PER EVITARE UNA “PENALE” CON SUCCESSIVA CIG ORDINARIA – “DISAVANZO PARI A 3,5 MILIONI” e SANGALLI NON ESERCITA DIRITTO DI ACQUISTO DEL RAMO D’AZIENDA

La richiesta per la Cigs è stata determinata dalla chiusura dell’unità produttiva nell’area ex Enichem, di proprietà della Sangalli Vetro, “per crisi aziendale”.


Focus.
La Sangalli Vetro Spa di Manfredonia (sede principale a Susegana – TV – Focus sangalligroup) è un’azienda del CdA, ad oggi presente nell’area ex Enichem e – come evidente dalla Relazione 2011 – la società è rientrata tra le aziende del 1° Prot.llo aggiuntivo del CdA “con investimenti ammessi a contributo (In migliaia di euro) pari a 98.644, contributi pubblici assegnati per 70.048, 206 iniziali dipendenti (ai quali oggi vanno eliminati quelli della Zadra, in Cigs) 199 a tempo indeterminato. Sangalli Vetro Satinato, recente l’autorizzazione di 15 anni dalla Provincia per emissioni impianto


Il fitto del ramo d’azienda (01.11.2005-31.12.2011).
Dal primo novembre 2005 l’unità produttiva di Monte Sant’Angelo della Sangalli era stata interamente ceduta (strutture, immobili, attrezzature, personale) alla Zadra Vetri Spa mediante il “fitto di ramo d’azienda preliminare di compravendita (..)”. Così fino al 28.02.2010. In seguito alle vicissitudini della Zadra il primo marzo 2010, “e quindi senza soluzione di continuità”, la stessa unità produttiva era stata interamente ceduta, tramite il fitto del ramo d’azienda, alla Zadra Vetri srl. Questo fino al 31.12.2011. Al termine del periodo di fitto la Zadra “non ha esercitato – per la crisi – l’opzione per l’acquisto del ramo aziendale (..) pertanto rientrato alla Sangalli Vetro spa, come i 78 (80) dipendenti”.

Come risulta dal verbale del primo ottobre 2012 in Provincia, “la Zadra Vetri srl non ha reso note le proprie intenzioni – di non esercitare l’acquisto – in tempi utili per consentire alla Sangalli Vetro Spa di verificare la funzionalità dei macchinari e dell’opificio in generale (..) come di ricercare commesse (…)”. Da qui il periodo di Cigo disposto dalla Sangalli per i 78 (80) lavoratori ex Zadra (01.01.2012 a 30.09.2012).

Dopo la conferma della chiusura dello stabilimento e causa ultimi esercizi non positivi per la Sangalli Vetro, si è stabilito di ricorrere alla domanda per la concessione della Cigs – in favore degli 80 lavoratori ex Zadra – per un periodo di 24 mesi.

Cigs. Le disposizioni per i lavoratori. Per i primi 12 mesi di Cigs la Sangalli si è impegnata ad “attivarsi fattivamente” per “ricollocare parte del personale in esubero presso altre aziende del territorio interessate ad acquisire alcune delle figure professionali coinvolte nel percorso della Cigs”. Inoltre, la stessa Sangalli Vetro darà mandato ad una società specializzata in ricollocazione e formazione per realizzare un programma finalizzato alla ricollocazione esterna del personale ex Zadra sospeso per Cigs. Per il secondo anno di Cigs si confermeranno “tutti gli strumenti già evidenziati per la gestione degli esuberi per il primo anno”. Dunque primi 12 mesi di Cigs per 80 unità in attesa della ricollocazione di parte dei lavoratori con possibilità del rinnovo dell’ammortizzatore sociale.


“Requisito indispensabile per il secondo anno di Cigs la gestione positiva del 30% dei lavoratori in esubero”.
Per le parti che hanno sottoscritto il verbale di accordo le misure stabilite saranno idonee per consentire, entro il termine dei primi 12 mesi di Cigs (01.10.2012/30.09.2013), la gestione positiva di almeno 24 unità lavorative (30%) del personale dichiarato in esubero. Questo risultato dovrà essere raggiunto necessariamente da Sangalli costituendo “requisito indispensabile” per l’accesso al secondo anno di Cigs.

g.defilippo@statoquotidiano.it


FOCUS CONTRATTO D’AREA MANFREDONIA-MONTE SANT’ANGELO- MATTINATA

RELAZIONE R.U.2010
RELAZIONE R.U. 2011

“Dalla Relazione 2011 (a dicembre) dell’Ufficio del Responsabile unico (ovvero il sindaco) del Contratto d’Area di Manfredonia-Monte e Mattinata” risultano:
40 aziende in attività, 1.257 occupati, 1079 a tempo indeterminato, 101 occupati in Cig.

40 aziende tra iniziale sottoscrizione del Patto (sindaco G.Prencipe, poi doppio mandato P.Campo e A.Riccardi), primo, secondo e terzo protocollo aggiuntivo)

A dicembre 2011:
314.393 in migliaia di euro INVESTIMENTI ammessi a contributo
212.387 – CONTRIBUTI pubblici assegnati (migliaia €)

7 sottoscrissero il primo patto;
8 il primo protocollo aggiuntivo;
66 il secondo protocollo agg. (ovvero il cuore del CdA);
35 il terzo, primo modulo;
12 il terzo protocollo, secondo modulo.

Da qui 40 aziende ad oggi attive, da relazione 2011, 128 presentanti la domanda per i contributi, chiuse o comunque non attive 88.

Casi emblematici di cessazione produttività nel 2012:
Rotopack (doppio fallimento), Imar, Zadra Vetri, Inside.

Nonostante tutto, in corso investimenti di 7 società
Per 61.144 migliaia euro investimenti
28.547 contributi pubblici assegnati

VIDEO – LO SCIOPERO DEI LAVORATORI PRIMA DELLA CHIUSURA (26.10.11)



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Sissi

    andate al nord a fatigare raccomandati che non siete altro!…le valigie còcò ……………


  • antonio

    avete visto che avevo ragione …tempo fa con la storia dell’inside vi avevo detto che la prossima ditta sarebbe stata quella del vetro. il contratto d’ARIA ha bene solo ad altri non certo ai giovani di questa città


  • Redazione


  • istruito

    sissi … raccomandati o non … è comunque gente che la mattina si alzava per andare a lavorare … non a rubare … vogliamo dare la colpa alla gente che se per lavorare si deve raccomandare a qualcuno? … non faccio parte di loro però mi metto nei loro panni … è dura!!!


  • Antonio@hotmail.com

    La grande anomalia e’ il regalo dei soldi pubblici ai privati.


  • Mario

    Che peccato…..mi dispiace che Giorgio San galli si sia fatto prendere in giro in questo modo…..ancora una volta siamo stati incapaci di gestire il lavoro…..ora tutti a Palazzo San Domenico!


  • gino

    Si chiama SANGALLI tutto attaccato,ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi