Cronaca

M5S: edlizia scolastica, il trucco dei ‘provvedimenti spot”, ma scuole a pezzi

Di:

(Ph: shutterlk@)

Roma – MOLTI degli interventi del Decreto del Fare sarebbero dei “provvedimenti spot, utili per la campagna elettorale ma che non possono di fatto avere riscontro pratico.” A denunciarlo è il deputato pugliese M5S Giuseppe Brescia che questa mattina (11/09) ha presentato una interpellanza al MIUR firmata da tutti i componenti pentastellati della Commissione Cultura: “Molti finanziamenti vengono stanziati ma accedervi è pressochè impossibile. Si pensi al finanziamento di 150 milioni per l’edilizia scolastica: un decreto che è stato emanato in molte regioni la prima settimana di settembre e che richiede agli enti locali di inviare progetti complessi e strutturati di ristrutturazione entro il 15 dello stesso mese, pena il mancato accesso ai finanziamenti. Ad esempio in Sardegna, dove il decreto è stato emanato il 12 settembre, gli enti locali avrebbero solo 3 giorni di tempo per consegnare la documentazione alla Regione.”

A rispondere in aula è stato il Sottosegretario Rossi-Doria che ha parlato di problematiche dovute a “complessità del provvedimento” e di “necessità di coordinamento con il Ministero delle Infrastrutture”, ma che ha comunque rifiutato la richiesta dei cinquestelle di derogare i termini di consegna delle domande per permettere l’accesso al finanziamento al maggior numero di enti locali

Dura la replica di Brescia: “In Italia il 50% degli istituti non è a norma, creando gravi problemi di sicurezza per i nostri studenti. 10.000 edifici sarebbero addirittura da abbattere ed a peggiorare la situazione c’è la problematica delle classi “pollaio” sovraffollate a causa dalla riforma Gelmini. Anche contro questa problematica è passata una risoluzione M5S al Senato ma il Governo non ha ancora preso provvedimenti. Non aspettiamo che arrivi la tragedia per poi piangere lacrime di coccodrillo.”

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi