CronacaManfredonia

Manfredonia, Capitaneria-carabinieri: sequestrati 2 quintali prodotti ittici

Di:

Sequestri pesce, Capitaneria e Carabinieri (statoquotidiano)

Manfredonia – NELLA giornata di ieri il nucleo di Polizia Giudiziaria della Capitaneria di Porto di Manfredonia congiuntamente ad un’aliquota del Comando Stazione Carabinieri di Zapponeta, messa a disposizione dalla locale Compagnia CC, hanno condotto una operazione tesa al contrasto del fenomeno della commercializzazione abusiva di prodotto ittico non conforme alle vigenti normative, destinato ad essere venduto ad ignari consumatori.
Durante appositi posti di controllo, volti ad accertare illeciti relativi alla pesca e al Codice della Strada, sono stati ispezionati diversi veicoli adibiti al trasporto di prodotto ittico, ponendo sotto sequestro quasi due quintali di prodotto ittico di varie specie, ( triglie sotto misura, seppie, lacerti, pannocchie ecc.), in quanto detenuti e commercializzati in cattivo stato di conservazione in dispregio alle più comuni norme igienico-sanitarie vigenti in materia. Infatti tale prodotto ittico era trasportato in autoveicoli in assenza di refrigerazione, e, relativamente alle triglie, al di sotto della taglia minima consentita dalle disposizioni vigenti.

Inoltre, a cura dei militari dell’Arma, sono state accertate diverse violazioni al Codice della strada, in particolare sono state ritirate tre patenti, di cui due scadute ed una in virtù di certificato assicurativo falso, una denuncia a piede libero per violazione dell’art. 489 c.p., ed una ulteriore contestazione per presenza di passeggeri in soprannumero.

Al termine del blitz tre soggetti venivano deferiti alla competente Autorità Giudiziaria per violazione dell’art. 5 lett. b) Legge 283/62 e art. 7, 1° comma, lett. a) e b) del D.Lgs. 04/2012.
Sul posto è stato poi fatto confluire personale del Servizio Veterinario Area B – Distretto di Manfredonia che, dopo aver esaminato il prodotto ittico ha confermato l’insalubrità della merce sequestrata e pertanto la distruzione a mezzo di rigetto in mare, disposta altresì dal Sostituto Procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Foggia.

L’attività di repressione posta in essere dagli uomini della Guardia Costiera sipontina, diretta dal Capitano di Fregata Marcello Notaro, proseguirà incessante contro gli illeciti in materia di pesca e commercializzazione illegale di prodotti ittici anche nei prossimi giorni a tutela della salute degli inconsapevoli consumatori e per scongiurare la pesca di prodotti ittici sottomisura interrompendone la naturale crescita.

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • blacknight

    bravi hanno fatto una cosa bella


  • chi dorme non piglia pesci

    Se facessero il sequestro della merce, delle auto, e applicassero sanzioni effettivamente poi riscosse voglio vedere quale commercio abusivo.


  • decimo meridio

    Ben fatto! Onore ai nostri ragazzi!


  • MAXIMO X

    Gli diano una stangata (pecuniaria)tra capo e collo, così non si riprendono più questi abusivi ed evasori. Grazie a certa gente che l’Italia è in ginocchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi