CronacaFoggia

Milano: 50enne foggiano arrestato per maltrattamenti

Di:

Violenze, atti persecutori (archivio)

(archivio)

ERA in liberta’ condizionata per via di un programma riabilitativo in seguito ad una condanna a due anni per maltrattamenti, ma continuava a perseguitare la ex moglie. All’ennesimo episodio, ieri pomeriggio, per lui si sono riaperte le porte del carcere. Lui, un foggiano di cinquanta anni residente a Milano, non accettava la fine del suo matrimonio. Ventisei anni di unione dalla quale erano nati due figli, un maschio e una femmina ancora minorenne. Ma a maggio dello scorso anno, stanca dei continui maltrattamenti a cui era sottoposta, la moglie, quarantasettenne, decide di lasciarlo.

Lui tenta piu’ volte di convincerla con botte e minacce di morte, anche davanti ad altre persone e in presenza della loro bambina, cosicche’ lei decide di rifugiarsi in casa del figlio che vive da solo da tempo. Fino a quando, lo scorso mese di novembre, l’uomo si presenta armato di mazza da baseball per aggredirla e decide di denunciarlo. Arrestato, viene condannato a due anni e al divieto di avvicinamento alla donna. Ma la pena viene sospesa con la condizionale per permettergli di seguire un programma terapeutico. E lui ne approfitta per continuare a perseguitarla. Ieri, dopo l’ennesimo episodio, l’uomo e’ stato bloccato dalla polizia e ricondotto in carcere (fonte Adnkronos)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi