ManfredoniaMonte S. Angelo
"E' possibile utilizzare le metodologie di rigenerazione urbana sostenibile per recuperare i centri storici?"

A Monte Sant’Angelo un convegno sulla rigenerazione del centro storico

All’incontro, che si terrà nella sala conferenze delle clarisse alle ore 18 di venerdì 14 ottobre, parteciperanno gran parte degli allievi della summerschool

Di:

Monte Sant’Angelo. E’ possibile coinvolgere in un complesso processo di rigenerare il centro storico di Monte Sant’Angelo, zona di rispetto attorno al Santuario di San Michele Arcangelo, sito UNESCO dal 2011? E più in generale, è possibile utilizzare le metodologie di rigenerazione urbana sostenibile per recuperare i centri storici? Se ne discuterà in un incontro che, finalizzato ad avviare un Hub Progettuale Permanente sulla Rigenerazione Urbana dei Centri Storici, presenta all’attenzione della città di Monte Sant’Angelo gli esiti della prima Summer School sulla Rigenerazione Urbana Sostenibile di Legambiente, promossa dai circoli di Legambiente “Città Invisibili” e “FestambienteSud” con un ampia partecipazione di partners.

All’incontro, che si terrà nella sala conferenze delle clarisse alle ore 18 di venerdì 14 ottobre, parteciperanno gran parte degli allievi della summerschool con il coordinatore Carlo Patrizio dell’Università La Sapienza di Roma, Eugenia Vantaggiato, segretaria regionale del Ministero dei Beni e Attività Culturali per la Puglia, Silvia Pellegrini, dirigente del servizio beni culturali della Regione Puglia, il commissario Straordinario del Comune Andrea Cantadori, l’assessore regionale Raffaele Piemontese. Interverranno anche Fabio Mucilli, dell’ufficio tecnico di San Severo e Rino Lamarucciola ex sindaco di Pietra Montecorvino. Coordina Franco Salcuni, presidente di Legambiente FestambienteSud. La summerschool ha avuto luogo, nell’ambito delle attività di FESTAMBIENTESUD, dal 25 al 30 luglio 2016 a Monte Sant’Angelo (FG), nella sede del Centro Sudi Micaelici e Garganici. La scuola di formazione ha coinvolto 16 tra architetti e ingegneri, liberi professionisti e funzionari della Pubblica Amministrazione. Ha goduto del patrocinio dell’Ordine degli Architetti, INU, INARCH, FORMEDIL, Centro Studi Micaelici e Garganici e AIRS. Tra i formatori docenti provenienti da alcune Università italiane e altri esperti, da lungo tempo impegnati sul campo in favore della Rigenerazione urbana: Angela Barbanente (Politecnico di Bari), Ilda Curti (Ass. uscente Comune di Torino), Luigi Fusco Girard (Federico II di Napoli), Francesco Musco (IUAV Venezia), Giorgio Otranto (Associazione Internazionale per le Ricerche sui Santuari), Leonardo Rignanese (Politecnico di Bari). Coordinatore della summer il prof. Carlo Patrizio (Università la Sapienza di Roma e presidente del circolo Legambiente Città Invisibili).

PROGRAMMA DEL CONVEGNO

Legambiente FestambienteSud e Legambiente circolo tematico Città Invisibili

presentano

RIGENERARE LA BUFFER ZONE
PROPOSTE DINAMICHE PER IL RIONE JUNNO
DELLA CITTA’ UNESCO DI MONTE SANT’ANGELO
VERSO UN HUB PROGETTUALE PERMANENTE

14 ottobre 2016, ore 18
Sala conferenze delle Clarisse, Monte Sant’Angelo (FG)

breve introduzione
Carlo PATRIZIO Università La Sapienza di Roma

presentazione
STRUTTURA DI PIANO PER LA RIGENERAZIONE URBANA DEL RIONE JUNNO
a cura degliALLIIEVIdella Summer School sulla Rigenerazione Urbana Sostenibile

dueesperienze
Fabio MUCILLI architetto dell’ufficio tecnico Comune di San Severo
Rino LAMARUCCIOLA già direttivo naz.associazione Borghi più Belli d’Italia

La proposta di lavoro
Franco SALCUNI Direttore di FestambienteSud

interventi
Eugenia VANTAGGIATO Segretaria Regionale del MIBACT per la Puglia
Silvia PELLEGRINIDirigente servizio Beni Culturali Regione Puglia
Andrea CANTADORI Commissario Comune di Monte Sant’Angelo
Raffaele PIEMONTESEAssessore al Bilancio, Sport e Politiche giovanili Regione Puglia



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati