AttualitàStato news

Pensioni, Codacons: sparisce norma che mette tetto a pensi d’oro

Di:

Roma – SUL mistero della sparizione della “clausola di salvaguardia” contenuta nella legge 214 del 2011 interviene il Codacons, che ha presentato oggi un esposto alla Procura di Roma, alla Corte dei Conti e al Tribunale dei Ministri, chiedendo di fare chiarezza sulla vicenda.

Con tale norma, voluta dall’allora Ministro del lavoro Elsa Fornero, veniva fissato un tetto alle pensioni più ricche – spiega l’associazione – All’art. 24 infatti si stabiliva che, a partire dall’1 gennaio 2012, i lavoratori che pur avendo raggiunto i 40 anni di anzianità decidevano di rimanere in servizio fino ai 70 o ai 75 anni, avrebbero percepito una pensione non superiore all’80% del valore dell’ultimo stipendio.

Tale clausola, che di fatto poneva un limite all’importo delle pensioni erogate dall’Inps, è però misteriosamente sparita, con la conseguenza che ora circa 160.000 lavoratori che hanno già raggiunto i 40 anni di anzianità possono contare su un incremento progressivo della pensione, il cui importo sarà addirittura superiore a quello dell’ultimo stipendio percepito. Un danno per la collettività stimato in 2,6 miliardi di euro in 10 anni.

Il Codacons ha dunque chiesto alla Procura di Roma, alla Corte dei Conti e al Tribunale dei Ministri di aprire una indagine per accertare la causa della cancellazione di tale norma dalla legge 214 del 2011, e verificare la sussistenza di fattispecie penalmente rilevanti con particolare riguardo allo sperpero di risorse pubbliche a danno della collettività.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi