Attualità
Il procedimento istruttorio ha tratto origine dall’adesione al programma di clemenza

Antitrust, multa da 4,5 milioni ad 8 agenzie di modelle

Intese tra agenzie di modelle sono state di recente oggetto di interventi anche da parte di altre Autorità nazionali di concorrenza in Europa

Di:

Roma. L’Antitrust ha sanzionato, per un importo complessivo di 4,5 milioni di euro circa, le principali agenzie di modelle (che svolgono attività di model management) e la loro associazione di categoria Assem. In particolare, l’Autorità ha accertato l’esistenza di un’intesa anticoncorrenziale -in violazione dell’articolo 101 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea- tra l’associazione Assem – Associazione Servizi Moda e le seguenti 9 società: B.M. S.r.l. – Brave, D’management Group S.r.l., Elite Model Management S.r.l., Enjoy S.r.l. in liquidazione, Img Italy S.r.l., Major Model Management S.r.l., Next Italy S.r.l., Why Not S.r.l., Women Models S.p.a..

Il procedimento istruttorio ha tratto origine dall’adesione al programma di clemenza (leniency) da parte dell’agenzia Img Italy S.r.l., alla quale è stato riconosciuto il beneficio dell’immunità totale dalla sanzione.

L’intesa unica e complessa accertata dall’Autorità tra le agenzie di modelle ha avuto ad oggetto il coordinamento, anche per il tramite dell’associazione di categoria, delle azioni da assumere nel mercato al fine di eliminare la concorrenza reciproca nella definizione delle condizioni economiche da praticare ai clienti (case di moda, case editrici, ecc), con riferimento a tutte le voci di prezzo rilevanti per la definizione dei compensi, nonché in merito ad altri aspetti della loro attività (quali gli accordi per il passaggio di modelle da un’agenzia all’altra).
In particolare, la concertazione oggetto dell’intesa ha riguardato il prezzo totale corrisposto alle agenzie dai clienti per le prestazioni da questi richieste alle modelle, nelle diverse voci che lo compongono, ossia: il prezzo base (o fee della modella); i prezzi aggiuntivi (per l’utilizzo ulteriore delle immagini delle modelle e/o per le prestazioni ulteriori delle stesse modelle); la commissione di agenzia (fissata al 20%).
A tal fine, le agenzie di modelle si sono avvalse del ruolo strumentale e di coordinamento svolto dall’associazione di categoria Assem, della quale esse costituivano i Soci Fondatori (ossia la sola categoria di soci col potere di assumere decisioni).
L’accordo tra le suddette agenzie di modelle si è esteso a tutto il territorio nazionale e si è protratto per il periodo 2007-2015.

Intese tra agenzie di modelle sono state di recente oggetto di interventi anche da parte di altre Autorità nazionali di concorrenza in Europa: in Francia l’Autorité de la Concurrence ha da poco concluso un’istruttoria irrogando sanzioni a 37 agenzie e alla loro associazione di categoria, mentre nel Regno Unito è ancora in corso il caso condotto dalla Competition and Markets Authority.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati