Manfredonia

Ostetricia Manfredonia, “lavorato senza sosta anche con ‘colosso’ Casa Sollievo”

Di:

Reparto Pediatria Ospedale San Camillo di Manfredonia (immagine non riferita al testo)

Manfredonia – “CARA signora Monica, grazie per le sue parole. Ho lavorato una vita in quel reparto, c’è il mio cuore e quello dei miei colleghi. E’ facile la critica, poi nel nostro lavoro certamente si può fare sempre di più e sempre meglio. Ognuno di noi ha responsabilita’, per ciò che è accaduto. Politici, medici, cittadini. Ma le assicuro che se pur con le imperfezioni di ogni campo umano, abbiamo lavorato sempre con onestà morale per il bene delle donne di Manfredonia e dei loro figli”. Così in una nota un ex referente del reparto di ostetricia dell’ospedale San Camillo di Manfredonia.

Il personale infermieristico ed ostetrico del mio Reparto e’ stato in tanti anni difficili di lavoro, semplicemente fantastico, sul piano umano e sul piano professionale. Avevamo il colosso di S.Giovanni Rotondo a pochi chilometri, eppure lavoravamo eccome! Oggi il prezzo pagato alla mancanza di una Terapia Intensiva e a posti di patologia neonatale è stato la chiusura dell’Ostetricia, immeritata sicuramente immeritata. Certo avremmo potuto fare meglio e di più. Ma mi creda se le dico che tutta quella vita e quel lavoro, non può essere giudicato dalle parole del sentito dire o dal risentimento, forse anche giusto di qualcuno. E’ stata la nostra vita. E stato il mio amore”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

VIDEO – LA PROTESTA IN CORSO A MANFREDONIA



Vota questo articolo:
16

Commenti


  • Vigoli Dino

    Complimenti per il lavoro svolto,io per la mia esperienza posso dire solo bene di questo reparto,dopo la nascita di mia figlia.
    Grazie a Voi tutti per la serietà e professionalità.
    I commenti positivi,come quello della Sig.ra Monica, aiutano nel loro piccolo, a ricordare gli operatori sanitari,il motivo perché hanno scelto questo mestiere.


  • Proporzione

    Si avete ragione! L’elevata proporzione in termini percentuali dei parti cesari in rapporto al totale delle nascite negli ultimi sei anni nell’Ospedale San Camillo di Manfredonia sono solo una coincidenza! Sempre e solo per una coincidenza gli ospedali riuniti di Foggia e Casa Sollievo hanno probabilmente una percentuale di parti cesari molto più bassa! Sembra strano ma a volte le coincidenze sono allucinanti!


  • amica

    io ho partorito in quel reparto i miei due figli e vi assicuro che mi sono trovata benissimo. Tutto il personale è stato gentilissimo e mettevano a proprio agio i pazienti. Oggi se mi dovessi trovare nella situazione di dover partorire, mi verrebbe da piangere xchè preferirei partorir in casa come facevano gli antichi invece di andar a S.G.R. o a foggia.


  • naty

    spero che il nostro reparto rinasca! lo vorrei con tutto il cuore, con i dottori che hanno fatto nascere i mie tre figli, con le ostretiche buone e gentili e piene di premura, con tutte le infermiere educate e lavoratrici che ho incontrato e persino la signora delle pulizie che ci dava sempre una buona parola sempre contenta e pimpante ci faceva sorridere! insomma con tutta quella familiarità che ti facevano sentire a casa tua! ho passato anche un terribile momento in quel reparto (certo non dovuto ai dottori o qualunque altra persona) e non dimenticherò mai il mio ginecologo che mi ha dato aiuto e sostegno morale in quel momento terribile che mi sconvolse la vita! io voglio che il reparto venga riaperto cosi anche quello di pediatria!


  • Maria

    Hanno fatto bene a chiudere il reparto e fanno bene se chiudono tutto l’ospedale. Cosi i Manfredoniani imparano a votare. Non ho letto un commento che attacca Vendola o l’assessore alla sanitò Gentile o il carissimo onorevole Bordo o il carissimo consigliere regionale di maggioranza che ha permesso tutto questo oppure su Ognissanti o i politici dell’opposizione che a bocca aperta stanno a guardare impassibili. Sono contenta e’ quello che ci meritiamo. Siamo una massa di cret… che non pensiamo per noi e neanche per i nostri figli. Mi vergogno di essere una Manfredoniana.


  • anto

    concordo con PROPORZIONE…


  • rivoluzione

    io chiuderei il comune, al mio canto non so cosa serve,giorni fa ho lasciato un commento per i vari onorevoli bordo e leone e il consigliere regionale Ognissanti si presentano a Manfredonia solo per avere i voti per potere riscaldare più posti a sedere nei palazzi del potere


  • Corto Maltese

    grazie al parto cesareo fatto al san camillo, mia figlia è nata in tutta sicurezza e in ottima salute.
    grazie.


  • hhmichelantonio

    Per quanto riguarda i tagli cesari, perché non si pensa quanti bambini sono nati a San Giovanni con vari problemi psico-fisici dovuto alle varie sofferenze fetali da parte di medici che erano e, ancora oggi, sono contrari al taglio cesareo?.


  • hhmichelantonio

    La chiusura del reparto di ostetricia a Manfredonia e’ un vero e proprio abuso POLITICO- MAFI..O , e condana il nostro Paese per due volte, anche perché non sentiremo piu’ dire: ” nato a MANFREDONIA “, ma bensì : ” San Giovanni Rotondo o Foggia “.

  • concordo in pieno con corto maltese e michelantoniosional perchè bisogna provare per giudicare,io ho avuto 2 parti naturali e 3 interventi non semplici nel reparto di ostetricia di manfredonia e posso dire di aver ricevuto un trattamento molto professionale e umano sia da parte del personale medico che infermieristico mentre negli ospedali limitrofi ce li dobbiamo sognare…..questo lo dico dopo esperienza fatta 2 giorni fa, meglio non parlarne…..


  • sconsolata

    ho partorito il primo figlio a manfredonia personale gentilissimo, sembrava stessi a casa.. ma mi hanno fatto un cesareo senza averne bisogno. 1 mese fa è nato il mio secondo figlio a san giovanni.. personale freddo ma la mia ginecologa fantastica,il nido funziona bene e ci sono qualsiasi tipo di specialistica pediatrico. quindi conclusione meglio avere bravi specialisti anche se freddi. la salute prima di tutto, sentirsi a casa è un optional tanto sono 4 giorni di permanenza. sono contenta se chiude tutto l’ospedale tanto funziona solo il poliambulatorio.


  • anto

    SCONSOLATA, a San Giovanni Rotondo permettono di fare il parto naturale dopo cesareo come raccomanda L’organizzazione Mondiale della Sanità.


  • Flowers

    IL cesareo è necessario quando serve realmente. Non ci sono dottori contrari al cesareo ma dottori che lo eseguono solo se realmente necessario. Ci sono medici che rispettano la volontà delle donne, la naturalità della nascita e non pensano al guadagno delle operazioni (ben 2400 euro). Poi ci sono i medici che si approfittano dell’inesperienza e dell’ignoranza per tagliare pance come mucche al macello. Questi medici sono gli stessi che ti OBBLIGANO a ripetere un cesareo e ad averne al massimo tre. QUESTO E’ VERGOGNOSO!!!DIVENTANO PADRONI DELLA TUA VITA. Danno cattiva informazione per altri scopi. Leggete le linee guida dell’OMS E DEL SSN e scoprirete che quelle che alcuni dottorotti vi rifilano solo sono CAVOLATE. Non è vero che bisogna fare al massimo tre cesarei, non è vero che dopo un cesareo bisogna fare il cesareo, non è vero che l’episiotomia è sempre necessaria, non occorre l’ecografia tutti i santi mesi.


  • si dice di tutto

    per anto:è vero che a s. giovanni ti permettono di fare un p. naturale dopo un cesareo ma è pur vero che ti fanno mettere una bella firmetta dove ti prendi tutta la responsabilità se qualcosa va storto! non è successo direttamente a me ma ad una persona me vicina


  • Flowers

    “Si dice di tutto” la firmetta la metti pure per il tc. Se leggi i file dell’organizzazione mondiale della sanità, ti accorgerai che il parto naturale dopo cesareo è una pratica comunissima. Solo qui a Sud ti fanno il lavaggio del cervello! Fai una ricerca sui rischi del ripetere un tc e poi ne parliamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi