ManfredoniaPolitica
"Le altre forze politiche facciano altrettanto"

Laricchia: vitalizi, vergogna ex consiglieri Puglia

Dimezzamento degli stipendi, rinuncia ai rimborsi elettorali e vincolo di massimo due mandati per il M5S Puglia

Di:

Bari – Mentre scoppia l’ennesimo scandalo sugli ex-vitalizi, ora pensioni, dei consiglieri regionali, che permangono quasi del tutto a carico delle tasche dei cittadini pugliesi (il 70% della trattenuta dei consiglieri è a carico della Regione), il prossimo Consiglio regionale potrebbe riservare non poche sorprese anche sul versante dei “costi della politica”. Se i buoni auspici dei due lustri di governo vendoliano sono stati disattesi con la delibera dello scorso 19 dicembre, ad assicurare un cambiamento sostanziale è la candidata alla presidenza della Regione Puglia per il M5S, Antonella Laricchia. Due impegni formali che la giovane candidata governatrice ha firmato dinanzi ai cittadini, mettendo nero su bianco gli intenti dei 5 Stelle.

“Dal primo giorno applicheremo i tagli ai costi della politica. Perché è necessario questo provvedimento? Perché, una volta tolti i soldi dalla politica, essa torna ad essere ciò che dovrebbe essere: entusiasmo, passione e competenza al servizio della società civile – assicura Antonella Laricchia (M5S) – Una politica che deve passare dai proclami ai fatti, come abbiamo dimostrato in questi anni ad ogni livello amministrativo”.

I candidati portavoce M5S sin dal primo giorno si dimezzeranno lo stipendio, che dagli attuali 11.100 euro sarà abbattuto sino ad un tetto massimo di 5.000 euro lordi, inoltre tutte le spese rimborsate non effettivamente sostenute non verranno incassate e i cittadini potranno controllare, nel massimo della trasparenza, le spese compiute dai consiglieri regionali. Le eccedenze avranno una pubblica destinazione e dunque, come tengono a precisare gli stessi candidati 5 Stelle, ritorneranno nelle tasche dei cittadini. L’obiettivo sarà quello di riuscire ad aiutare le imprese, creando reddito e posti di lavoro anche in Puglia come ad esempio sta già accadendo in Sicilia. Sinora sono state 23 le imprese siciliane finanziate, con 555.000 euro erogati. Infine, il M5S Puglia rifiuterà i rimborsi elettorali, facendo seguito alla decisione degli italiani con il Referendum del 1993, e verrà posto un freno ai politici di professione, imponendo il limite massimo dei due mandati per qualsiasi incarico.

“Per quanto riguarda la delibera regionale del 19 dicembre, crediamo sinceramente che in un momento di grave difficoltà per tutti i cittadini e per il Paese nonché in particolare per la Puglia, come evidenziano gli ultimi dati Istat – continua Antonella Laricchia (M5S) – ci sembra quantomeno inopportuno che, anche le pensioni dei consiglieri regionali pugliesi, che già percepiscono più che lauti stipendi, vadano a gravare sulle tasche dei cittadini. Contributi che costerebbero alla Regione altri circa 5 milioni di euro per i prossimi 50 consiglieri regionali.

Fondi che andranno a sommarsi ai 13 milioni di euro che la Regione e quindi noi cittadini spendiamo già per gli ex-vitalizi. Ci sembra, quindi, quantomeno doveroso nei confronti dei pugliesi che ogni giorno sono chiamati a fare sacrifici in questo periodo economicamente critico, chiedere a tutte le forze politiche un serio ripensamento in merito e quindi il ritiro di questa delibera sulle pensioni. La ‘Giustizia sociale’, infatti – prosegue la candidata governatrice M5S –non può essere solo una frase da rispolverare in campagna elettorale. Vogliamo invitare, inoltre, tutti i candidati delle altre forze politiche ad emulare la nostra iniziativa, riducendosi lo spropositato stipendio e ad applicare veri e concreti tagli ai ‘costi della politica’. Un gesto che non reputiamo così ‘incredibile’, bensì di una semplicità disarmante. Ad oggi, i tagli applicati da deputati e senatori 5 Stelle al proprio stipendio, hanno permesso di accumulare oltre 9 milioni di euro nel fondo che consentirà l’apertura di numerosissime nuove imprese, a vantaggio sia dei giovani disoccupati sia di chi ha perso il lavoro e non riesce a ricollocarsi. Nei prossimi giorni, infatti, sarà finalmente attivo il fondo nazionale per la piccola e media impresa”.

In attesa di conoscere il nome del candidato di centrodestra, sull’argomento non sembra essersi ancora espresso l’altro candidato a governatore della Puglia, l’ex Sindaco di Bari Michele Emiliano. La carica elettiva come primo cittadino del capoluogo pugliese gli ha permesso di portare a casa una liquidazione pari a 96.000 euro lordi, dopo dieci anni da Sindaco a 9.580 euro lordi al mese.

Concluso il suo doppio mandato e in vista delle regionali 2015, Emiliano è stato nominato assessore presso il Comune di San Severo. “Un incarico che purtroppo non è stato assolutamente a costo zero per i cittadini come ha più volte sbandierato il candidato del centrosinistra – commentano i parlamentari pugliesi del M5S – Questo perché, pur rinunciando all’indennità di circa 2.280 euro al mese, tale nomina rappresenta un salasso per l’amministrazione del comune foggiano che, al mantenuto dalla politica, è costretta a versare i contributi previdenziali di circa 4.200 euro al mese. Una cifra superiore non solo a ciò che percepiscono i suoi colleghi della Giunta sanseverina, ma persino dell’indennità del Sindaco Miglio, ferma a 3.800 euro lordi al mese. Forse è giunto il momento di passare davvero dalle parole ai fatti. Facciamo in modo che l’intera classe politica pugliese mandi un segnale di concreta vicinanza ai cittadini in questo periodo di crisi che stiamo attraversando”.

VITALIZI PUGLIA

Manfredonia, cittadino: pensione, politici

Redazione Stato



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • andate avanti :)

    Brava questa giovane 🙂


  • Antonello Scarlatella

    Cara Sig.ra. Laricchia, non solo i politici non si vergognano, ma li ri votano pure. Ci sarebbe da dire. “Chi e’ causa del suo mal pianga se stesso”.


  • Vita Lizio

    Abbiamo la peggior classe politica della OCSE e forse anche dell’ O.N.U, gente che si è macchiata della distruzione delle speranze, dei sogni, del benessere non solo di molti lavoratori e cittadini italiani, ma specialmente i giovani. Nonostante ciò, li votiamo, li aduliamo, li lecchiamo le estremità e ci facciamo abbindolare da loro che usano il potere spesso per fini personali e della propria clientela. Ha ragione da spendere Scarlatella. Uno scandalo questi vitalizi e altri privilegi concessi ha gente che ha disastrato e sta sfasciando regioni, comuni e provence, regioni, con totale incompetenza, intrallazzi, spese mostruose, e debiti colossali. E mi fermo qui.


  • cittadino libero

    Sono cose vecchie aspettiamo programmi e non proclami, giusto guardare al passato ma esiste un presente e un futuro, oltre il voto di protesta , che vi colloca comunque in una piccola minoranza , con il risultato di una carica at personam, dovresti sin da ora divulgare le vostre proposte e i programmi a cominciare da Manfredonia.


  • lucio

    La Vergogna la puo’ avere chi e’ 0nesto e Dignitoso, elementi che non possiedono chi ha raggiunto una poltrona di Comando, altrimenti non e’servito a nulla la lotta per raggiungere tale posizione sociale.


  • Ma....

    Un’altra pronta a …soldi allo stato….


  • semprevigile

    Ricordo di un servizio giornalistico agli albori della crisi Greca che commentava in merito ai vitalizi di politici e di ex militari e loro eredi . Il mio fu uno stupore apprendere di tali vitalizi “generazionali”… e pensai tra me e me “perciò la Grecia, anche per questo, sta per fallire”.
    Questa mattina sentendo la radio, mentre mi radevo, un certo Sig. MILAN, ha scoperchiato la pentola vitalizi in Italia che complessivamente ammontano a circa 180.000.000 di € all’anno, ma non finisce qui,…. in Sicilia vi sono vitalizi da non credere: vitalizio ad un deputato regionale che non ha mai svolto la carica, altro vitalizio a figlio e moglie, altro vitalizio che viene corrisposto da quarant’anni ad una signora che non si è mai sposata (forse per non perderlo), ad un figlio maschio che per non perdere il vitalizio non ha mai cercato lavoro in tutta la sua vita e per anni, ecc. ecc.. ma dove siamo….
    Tra me e me mi son detto ….”neanche in Grecia facevano tanto !!!!” e si sa la fine che ha fatto la Grecia…. e noi che fine faremo ?
    E’ proprio vero che certe caste mangiano la carne tutti i giorni…. quella degli italiani.


  • Antonello Scarlatella

    @cittadino libero.
    Ma perchè fino ad oggi i programmi sia nazionali che locali sono stati rispettati?
    Le rammento tutte le buone intenzioni di Matteo Renzi. Successivamente alla sua elezione, a Firenze avevano messo un cartello: “ancora una volta da Firenze parte il rinascimento”. Non so lei ma io ho assistito solo a slogan ed a show man e starlett che dicono una massa di cavolate nei talk. Dove sono le “bozze delle riforme”.
    A Manfredonia le cose sono andate più o meno allo stesso modo.
    Cinque anni fa credevo fermamente che un uomo come il nostro Sindaco, poteva iniziare un percorso di crescita socio economico per la città.
    Cosa non ha funzionato?
    Ma vogliamo veramente credere ancora alle filastrocche che trasmettono a Rai gulp o Rai yoyo?
    Guardi oltre ai vitalizi c’e altro.
    Apri i file di sotto.
    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/campania/media/fissi/pdf/Bari_stipendi_ok.pdf

    Molti nomi sono cambiati, ma i compensi? che dice sono cambiati?
    Quali obiettivi questi illustri personaggi hanno raggiunto per il territorio in termini di sviluppo? “tranne qualcuno”.

    Le invio altri file gli presti attenzione.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/08/08/pensioni-doro-intoccabili-anche-se-arrivano-a-90mila-euro-al-mese/679852/

    Mi chiedo cittadino libero, ma i diritti acquisiti sono privilegi solo ed esclusivamente di pochi? Lo sa quanti esodati ci sono in Italia, a quanti hanno tolto il diritto alla pensione?
    Le lacrime della Fornero erano lacrime che provenivano dalla sua coscienza, a seguito di una delle più grandi porcate che un ministro poteva fare.

    Se ha voglia legga ancora.

    http://unoenessuno.blogspot.it/2015/02/presadiretta-il-buco-delle-pensioni.html

    Uno stato che non versa i contributi ai dipendenti. Poi scarica il costo sulla collettività. Se non verso io i contributi ai dipendenti, dopo 2 mesi mi arriva equitalia.

    Mi spiega cittadino libero, cosa dobbiamo ancora attendere? I Programmi di chi?

    Se vuole continuo ad informarla su questo schifo. Mi mandi una mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi