Manfredonia

Manfredonia, Carnevale, torna il Veglioncino dei bambini

Di:

Manfredonia – ”Anche quest’anno si terrà il tanto atteso e allegro appuntamento con il veglioncino dei bambini. I piccoli si divertono nei loro costumi colorati perché per un giorno sono al centro dell’attenzione di un vasto pubblico di mamme, papà, nonni, nonne, fratellini e sarte indossando i costumi dei loro personaggi preferiti. Calcano il palco a volte un po’ confusi o con qualche lacrimuccia, a volte fieri e gioiosi di essere lì, a volte proprio come piccoli ometti e dolci fanciulline. Ma poi l’euforia, i canti, la calda atmosfera avvolge tutti i piccini in un unico manto di coriandoli, colori e magia fiabesca.

Ecco entrare la piccola indiana dell’isola che non c’è, la ballerina dello Schiaccianoci, la dama scintillante, la fatina Smemorina, Trilly, il cow-boy, Zorro, il Principe Azzurro, Pinocchio, Il Piccolo Principe.
Tutti sono protagonisti di una storia o di una fiaba raccontata tante volte dalle mamme o dai papà prima di dormire. I loro occhi brillano guardando genitori e nonni seduti nelle prime file ad ammirarli.

Lì tutti seduti a godersi lo spettacolo mentre fino al giorno prima erano con la schiena china e gli occhi stanchi sui vestiti ancora da completare fino all’ultimo strass, nastro o bottone. L’anno scorso ci ha affascinato il Piccolo Principe: personaggio tratto dall’omonimo libro di Antoine Saint Exupery, classificatosi al primo posto, con la sua Rosa disegnata a mano sull’ampio e prezioso mantello di velluto azzurro(foto). Ci ha riscaldato i cuori al ricordo della lettura di quel libro, alle frasi e agli aforismi che ci accompagneranno per tutta la nostra vita. E se è vero che “l’essenziale è invisibile ai nostri occhi”, è anche vero che i nostri occhi si illuminano di una luce speciale quando si allietano e godono di questi attimi di spensieratezza che la si ritrova solo riflettendosi negli occhi dei bambini.

Una manifestazione rivolta ai piccoli ma che ha come destinatari anche noi adulti allorché ci fa rivivere nei costumi indossati dai bambini e nella loro spontaneità la magia delle favole e le avventure delle storie e della narrativa per piccoli che ci hanno accompagnato dall’infanzia all’adolescenza”.

(inoltrato da una coppia di genitori di Manfredonia per la pubblicazione)

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi