Manfredonia

Manfredonia, “Dalla storia alle storie. Alla scoperta del mangiar sano”

Di:

Manfredonia – Venerdì 13 febbraio alle ore 18:00 presso l’Auditorium di Palazzo dei Celestini verrà presentato il progetto “Dalla storia alle storie. Alla scoperta del mangiar sano”, elaborato dalla Società Cassandro S.r.l, realizzato dal Comune di Manfredonia e dal Gal Daunofantino nell’ambito del PSR Puglia 2007/2013- Asse III “qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione dell’economia rurale”, Misura 321 “Servizi Essenziali per l’economia e le popolazioni rurali”.

Il progetto ha l’obiettivo di sviluppare negli adolescenti coinvolti “un’identità alimentare” attraverso l’esplorazione e la conoscenza della storia gastronomica locale, le visite alle aziende che producono e trasformano in modo etico gli alimenti legati alla tradizione culinaria, la manipolazione e la cottura del cibo nelle attività laboratoriali. Il progetto promuove un’educazione alimentare basata sull’adozione di adeguati comportamenti nutrizionali, attraverso la conoscenza e il consumo di prodotti alimentari ed agroalimentari ottenuti nel rispetto dell’ambiente e/o legati alla tradizione e alla cultura del territorio.

Pertanto sono state organizzate delle visite guidate ai luoghi di Federico II ed ai “sentieri alimentari e culinari’’ della Capitanata, dove i ragazzi oltre agli aspetti storici conosceranno alcune realtà
aziendali agricole, che lavorano in modo sostenibile nel rispetto dell’ambiente e del consumatore. Inoltre sono state programmate delle ore di lezione frontale e di laboratorio di cucina, che si svolgeranno negli Istituti Comprensivi selezionati e saranno un’occasione ludico-didattica
d’informazione e di preparazione delle ricette del nostro patrimonio culinario. La scuola è stata designata come luogo di realizzazione delle attività suddette, perché si configura come l’istituto sociale d’elezione che può guidare il processo di esplorazione emotiva e culturale del patrimonio alimentare, attraverso il suo radicamento nel territorio, la sua ricchezza intercultuale e l’osservazione e dialogo con i ragazzi.

L’obiettivo finale del progetto è di offrire ai ragazzi una visione più ampia del territorio, per orientare le loro prospettive lavorative verso i mestieri che si costruiscono con l’aiuto “della terra” e per la “propria terra”. Per la realizzazione del progetto è stata costituita un’equipe multidisciplinare composta da: il responsabile amministrativo ing. Matteo Renzullo, l’esperta enogastronoma dr.ssa Pasquina Sacco, la psicologa dr.ssa Emiliana Santodirocco e la nutrizionista dr.ssa Francesca Trinastich.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi