Regione-Territorio

Martucci: “Indotto Ilva, il Governo faccia presto”

Di:

Roma – Sulla questione che riguarda l’indotto Ilva interviene anche il Consigliere Regionale Antonio Martucci preoccupato per la situazione. “Quello che stanno vivendo gli autotrasportatori e le aziende dell’indotto Ilva è un dramma che rischia non più di mettere in ginocchio un sistema economico, ma di cancellarlo definitivamente una volta per sempre”, dice Martucci.

Da giorni in presidio di protesta presso le portinerie, gli autotrasportatori vivono una grave situazione assieme alle aziende dell’indotto che vantano crediti divenuti ormai non più sostenibili.

“Il Governo faccia presto – dice Martucci – perché la dichiarazione di insolvenza e l’ingresso dell’Ilva alla procedura di Amministrazione Straordinaria rischia di distruggere un intero tessuto economico. Sono preoccupato – dice Martucci – per tutti quei lavoratori e quelle famiglie che potrebbero ritrovarsi privi di un posto di lavoro e per tutti gli imprenditori di quelle aziende impossibilitati a pagare gli stipendi. In questa maniera – dice ancora Martucci – si rischia di mandare tutto all’aria, si rischia di ritrovarci a gestire una situazione ingestibile. Urge un immediato intervento chiarificatore da parte del Governo che possa fornire rassicurazioni e che trovi soluzioni alternative per tutte quelle persone che oggi chiedono risposte urgenti e per tutti quei creditori che oggi non chiedono altro che il riconoscimento del lavoro svolto e la possibilità di continuare a svolgere la propria attività”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi