Foggia
"Accrescere la competitività dei sistemi territoriali"

Superare IL digital divide, CCIAA ci prova sui Monti Dauni

"30 i Comuni interessati"

Di:

Foggia – ACCRESCERE la competitività dei sistemi territoriali, promuovendo l’immagine e le potenzialità delle produzioni tipiche del made in Italy attraverso il web. 334 aziende dell’eccellenza agroalimentare, dell’artigianato di qualità, del turismo del sistema territoriale dei Monti Dauni (30 i Comuni interessati) sono stati il campione analizzato nel report Digitalizzazione Monti Dauni presentato questa mattina in Camera di Commercio a Foggia, nell’ambito del progetto MADE IN ITALY: ECCELLENZE IN DIGITALE, realizzata dalla CCIAA di Foggia in collaborazione con Unioncamere e Google Italia, su tutto il territorio nazionale, con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico.

Luci e ombre emergono alla fine di questo percorso di analisi messo in campo dalla Camera di Commercio di Foggia. Il livello di digitalizzazione delle imprese monitorate appare ancora piuttosto basso, con un livello percentuale leggermente inferiore della media nazionale. Solo il 3% del campione, sulla base di parametri qualitativi e quantitativi (sito internet aziendale, prenotazione o vendita on-line, attività di promozione su social network, etc) , si può dire realmente attivo on-line (a livello nazionale le PMI che si “vendono” on-line rappresentano il 5%). Mentre oltre il 41% pur presente in rete appare inattivo. Oltre il 55% delle aziende monitorate è invece del tutto off-line.

Il progetto eccellenze in digitale è però andato oltre l’analisi e lo studio dell’esistente. Ben 53 aziende del campione monitorato hanno richiesto, ai giovani professionisti coinvolti nel progetto, specifici interventi di assistenza e mentoring personalizzati per le imprese. Interventi che sono andati dal supporto all’implementazione di strumenti di comunicazione digitali ad azioni di coaching per la definizione di una strategia finalizzata all’internazionalizzazione attraverso il web.

Ora il progetto entra nella sua ultima fase con un calendario di workshop, aperti all’intero sistema d’impresa, durante i quali saranno offerti spunti di discussione e confronto tesi a consolidare l’azione di supporto intrapresa sul territorio. “Quello che puntiamo ad ottenere – ha evidenziato il presidente Porreca – è sviluppare un modello sperimentale di sostegno alla digitalizzazione delle imprese, da replicare, eventualmente, anche su altre aree geografiche strategiche della provincia”. Un’azione di formazione e sostegno – ha rimarcato il presidente della Camera di Commercio – che da un lato diffonda la conoscenza degli strumenti e delle opportunità digitali; dall’altro favorisca l’incontro tra domanda e offerta di servizi digitali tre le imprese del territorio. Colmare il digital divide sul nostro territorio, tanto da un punto di vista infrastrutturale che culturale è una delle priorità che la Camera di Commercio intende perseguire”. In questo progetto – ha concluso Porreca -, grazie alla collaborazione e alla disponibilità di tutti, lo abbiamo fatto a costo zero”.

I workshop in programma nelle prossime settimane, infatti, saranno ospitati da alcune delle aziende interessate a proseguire il percorso di digitalizzazione. Mentre i contributi e i percorsi di digitalizzazione proverranno dai professionisti locali del settore digitale.

FOTOGALLERY

Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti

  • digitalizzate le imprese per connetterle ai mercati
    poi le disconnettete con alta velocità distante, autostrade che bypassano, aeroporti che non collegano:
    ma dove andate?
    che fate?
    A Foggia, esiste qualcuno che sa quel che fa oppure ognuno crede di fare bene da solo?
    Con chi vi consultate prima di fare progetti?
    Con il mago Zurlì?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi