Foggia
"Subito la rotazione di dirigenti e funzionari dei servizi coinvolti"

Abusivismo commerciale. De Pellegrino: “Tutti tacciono in Comune”

Di:

Foggia. “Il sindaco Landella, la sua Giunta e la sua maggioranza tacciono di fronte all’esplosione giudiziaria del bubbone dell’abusivismo commerciale”. Il capogruppo del Partito Democratico Alfonso De Pellegrino commenta l’operazione “ottimamente coordinata” dalla Procura della Repubblica che “ha riporta-to la legalità nelle strade foggiane, trasformate dall’Amministrazione comunale in un illegale mercato ortofrutticolo”. “Le dichiarazioni dei vertici della Procura fanno emergere chiare ed evidenti responsabilità della tecnostruttura comunale – continua De Pellegrino – I servizi Attività economiche, Edilizia e Polizia Munici-pale sono esplicitamente chiamati in causa quanto meno per non aver adegutamente controllato che le strutture edificate rispondessero ai criteri fissati dalla Giunta e per non aver fatto rispettare le norme in materia di commercio ambulante, di edilizia e del codice della strada.

Il fatto stesso che non ci fosse un solo agente della Municipale al fianco di Carabinieri e Guardie Forestali testimonia quale e quanta fiducia si nutra in Procura nei confronti dei Vigili Urbani. A me pare ci siano tutti gli elementi per dare attuazione alle norme sulla prevenzione della corruzione e per procedere alla rotazione di dirigenti, funzionari e dipendenti che hanno omesso di adempiere pienamente ai loro doveri d’ufficio ed hanno, anche solo colposamente, favorito il proliferare delle bancarelle abusive. Il sindaco e l’assessore al ramo o il segretario generale del Comune, responsabile dell’attuazione della normativa anticorruzione, dovrebbero promuovere un’indagine amministrativa interna per individuare i profili di responsabilità individuale, anche per scongiurare che sia macchiata la reputazione professionale di quanti operano con scrupolo ed efficienza al servizio della comunità. E troverei corretto che i risultati di tale indagine fossero discussi in Consiglio comunale, per consentire ai consiglieri di avere piena cognizione di ciò che è accaduto e fornire il proprio contributo all’individuazione delle soluzioni più idonee ad evitare che accada ancora. La legalità è un principio inderogabile ed il suo rispetto è una precondizione dell’attività istituzionale al servizio della comunità – conclude Alfonso De Pellegrino – Il sindaco Landella abbia il coraggio di agire e di esercitare appieno le proprie competenze oltre che di rilasciare dichiarazioni polemiche nei confronti di altre istituzioni”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    COMUNICATO STAMPA CISL FUNZIONE PUBBLICA FOGGIA

    In merito alle gravi affermazioni rese dal Consigliere Alfonso De Pellegrino, capogruppo del PD in seno al Consiglio Comunale di Foggia, non può sottacersi la valenza fortemente denigratoria che traspare, in modo più che evidente, dai toni e dalle parole utilizzati per descrivere le attività del Corpo di Polizia Municipale di Foggia in relazione alla recente operazione di sequestro in materia di abusivismo commerciale.
    La mancata conoscenza dei fatti, degli atti e delle procedure e, forse, una disattenta lettura dello stesso comunicato rilasciato dall’Autorità Giudiziaria, hanno indotto il giovane esponente politico ad un’analisi frettolosa e superficiale del ruolo svolto dalla polizia municipale nel caso di specie.
    L’incauto accesso agli organi di stampa, nei modi e nei termini in cui avvenuto, ha, di fatto, determinato un grave danno all’immagine ed all’onorabilità del Corpo che, contrariamente a quanto il predetto consigliere vorrebbe far intendere, ha posto in essere nel tempo e, comunque, con riferimento alla vicenda specifica, prima durante e dopo la fase del rilascio e della vigenza delle autorizzazioni oggetto d’indagine, intensa, continua ed approfondita attività di polizia amministrativa e giudiziaria nei confronti degli autori degli abusi.
    Con l’auspicio che il consigliere De Pellegrino voglia rivedere le proprie posizioni in merito a quanto dichiarato, la CISL, quale sigla fortemente rappresentativa della categoria, intende affermare e rivendicare con forza il valore del lavoro svolto dalla polizia locale nel contrasto dell’abusivismo commerciale, in tutte le sue forme in considerazione della molteplicità dei compiti d’istituto che è chiamata ad espletare, pur in una situazione di forte carenza dell’organico che risulta inferiore di circa 150 unità rispetto a quello previsto dai parametri di riferimento della vigente legge regionale e che vede in servizio, tra gli agenti di recente assunzione, una congrua aliquota di personale con contratto part-time.

    Il Segretario Aziendale CISL FP
    Del Comune di Foggia
    Paolo Frattulino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi