Foggia
"La vicenda Aipa-Mazal e la riscossione dei tributi nel comune di Foggia non sembra trovare pace"

AIPA-MAZAL, Barone vs Landella: riferisca in Consiglio

"Una situazione di incertezza che desta preoccupazione nella cittadinanza, che già negli anni passati ha pagato lo scotto di un sistema incerto nella riscossione dei tributi con l’allora GEMA "

Di:

Foggia. La vicenda Aipa-Mazal e la riscossione dei tributi nel comune di Foggia non sembra trovare pace, con la scadenza della proroga a Mazal tutto tornerebbe in capo ad Aipa, che però essendo in concordato preventivo è stato destituita dall’albo dei riscossori. “Una situazione di incertezza che desta preoccupazione nella cittadinanza, che già negli anni passati ha pagato lo scotto di un sistema incerto nella riscossione dei tributi con l’allora GEMA – questo il primo commento della consigliera regionale M5s Rosa Barone – Questa vicenda sta assumendo una connotazione di farsa, e a pagare non fossero sempre i cittadini. Ci troviamo davvero in una situazione paradossale se solo consideriamo che siamo l’unico comune in cui i tributi sono tutti stati gestiti da un ente terzo che ha trattenuto in modo indebito diversi milioni di euro dei contribuenti foggiani. E’ inaccettabile che il sindaco Landella non chiarisca questa situazione. Lo invito personalmente in qualità di rappresentante del Movimento Cinque Stelle, che da sempre fa sue le battaglie di trasparenza e di efficenza nella Pubblica Amministrazione, ad indire un consiglio monotematico sulla questione e a riferire in Consiglio Comunale davanti ai consiglieri e ai cittadini; i foggiani hanno il diritto di sapere che fine abbiano fatto i loro soldi, e soprattutto come si vorrà agire in futuro per la riscossione. La situazione è allarmante e da tenere sotto osservazione, non possiamo più aspettare”
Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Antonino

    E’ tutto chiaro.
    Ci si aspetta che qualcuno faccia sparire una 10 di miliardi di euro, poi rincorrerlo e dopo dieci anni di indagini non si riesce a capire dove sono finiti i nostri soldi di contribuenti.
    Questa e’ la privatizzazione degli enti pubblici, in mano agli amici degli amici, tanto pagano sempre i soliti contribuenti, dietro —… chieste dallo Stato o Comune.
    Via la inGIUSTIZIA.


  • MICHELE PANELLA

    Michele Panella LA MAGISTRATURA DEVE PARTIRE DALL’INDAGINE TAX COLLECTOR ANNO 2009 TUTTO PARTE DA LI’..!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi