Stato prima
Per visite specialistiche ed esami

Lorenzin, nessun super-ticket per i cittadini

Con l'entrata in vigore lo scorso gennaio del cosiddetto decreto 'taglia-esami', molte erano state infatti le 'incongruenze' rilevate dai medici

Di:

(ANSA) Gli italiani non dovranno pagare alcun super-ticket per visite specialistiche ed esami ed i medici non incorreranno in sanzioni legate alle prescrizioni. Dopo accese proteste e contestazioni da parte delle organizzazioni dei camici bianchi, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin annuncia che i punti critici del decreto per l’appropriatezza delle prestazioni verranno rivisti, sottolineando che l’obiettivo resta quello di evitare esami inutili e sprechi, e non di limitare le cure ai cittadini. Con l’entrata in vigore lo scorso gennaio del cosiddetto decreto ‘taglia-esami’, molte erano state infatti le ‘incongruenze’ rilevate dai medici, che più volte hanno evidenziato l’inapplicabilità delle nuove norme ed il fatto che queste avrebbero anche comportato un aggravio di costi per i pazienti. (A cura di Manuela Correra – PH ANSA.IT)

NOTA MINISTERO SALUTE. Nell’incontro del 12 febbraio 2016, convocato dal Ministro della Salute, cui hanno partecipato l’Assessore Venturi in rappresentanza delle Regioni e una delegazione della FNOMCeO costituita dalla Presidente, Roberta Chersevani, dal Presidente dell’Ordine di Bari, Filippo Anelli e dal Presidente dell’Ordine di Como, Gianluigi Spata, sono state esaminate le criticità emerse successivamente alla pubblicazione del D.M. 9 dicembre 2015 sull’appropriatezza prescrittiva.

Alla luce del confronto, Ministro della Salute, Regioni e FNOMCeO hanno condiviso l’impegno:
di confermare l’obiettivo etico di perseguire con determinazione la massima appropriatezza di tutte le prestazioni sanitarie erogate dal SSN, sia in regime di ricovero, sia in regime ambulatoriale, sia nelle cure primarie, comprese le indagini diagnostiche
di attivare un tavolo congiunto di confronto, con la partecipazione di Ministero della Salute, delle Regioni, della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici, la quale potrà avvalersi anche dell’apporto delle società scientifiche, al fine di semplificare dal punto di vista organizzativo e prescrittivo ed eventualmente riformulare i criteri di appropriatezza e di erogabilità previsti dal D.M. 9 dicembre 2015
a coinvolgere i medici nella governance del sistema e delle eventuali criticità nella fase attuativa ed applicativa del D.M. 9 dicembre 2015
di condividere e predisporre una circolare esplicativa con l’obiettivo di garantire l’applicazione omogenea delle disposizioni del D.M. 9 dicembre 2015 sul territorio nazionale
a fare una adeguata informazione presso i pazienti, anche attraverso specifiche campagne di comunicazione, con l’obiettivo di facilitare la comprensione del contenuto del D.M. e di garantire che i pazienti cronici e gli invalidi rimangono salvaguardati dalle vigenti disposizioni
che le risorse risparmiate saranno reinvestite nel SSN, nella direzione dell’appropriatezza clinica e organizzativa.

Il confronto odierno tra il Ministro della Salute, le Regioni e la FNOMCeO ha portato a chiarire che le sanzioni previste dall’art. 9-quater del D.L. n. 78 del 2015, conv. dalla legge n. 125 del 2015, non sono immediatamente applicabili e saranno oggetto di futuro accordo in Conferenza Stato-Regioni, come già previsto dall’Intesa Stato-Regioni del 26 novembre 2015.

Il Ministro della Salute, sollecitato dalla FNOMCeO relativamente ai temi sollevati dalla vertenza salute che vede tutti i sindacati medici impegnati da mesi in una mobilitazione che ha già messo in atto una giornata di sciopero e ne ha programmato altre due a breve, si impegna ad ascoltare ed approfondire le ragioni delle OO.SS. in un incontro che convocherà la prossima settimana.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi