Manfredonia
Il presidente della storica banda carnascialesca: "Avevamo bisogno solo di una sede"

Manfredonia, Catalano: “Basta prese per il c…. hanno fatto morire la Ciambotta” (VIDEO)

"Non credo più a nessuno. I nostri vestiti e strumenti buttati in un locale come la spazzatura"

Di:

Manfredonia – “ALTRO che appelli o proclami: sono stanco di essere preso per il c… (letterale,ndr) da quanti si sono interessati al caso. Avevo chiesto una sede adeguata per le nostre cose. Niente: ancora ho negli occhi il politico che, cartina alla mano, mi disse: ‘non si preoccupi, troveremo il locale’ “. La Ciambotta Fresca è morta? Forse. Anzi no. Sicuramente è terminata la pazienza del signor Mimmo Catalano, figlio del compianto Maestro Tonino Catalogne che, con il M° Nino (Giovanni) Totaro, ha diretto per anni i musici e caratteristi della banda caratteristica ‘A Ciambotta Frèsche‘ (dal nome di una zuppa di pesce locale), con un’attività ultra trentennale e che ha partecipato tra l’altro ai carnevali di Viareggio, Putignano e Fano.

Come ribadito nel precedente Carnevale, “in seguito ai lavori relativi al ‘Recupero e consolidamento fabbriche ex convento S.Francesco‘ di Manfredonia” i referenti della banda hanno dovuto spostare i vestiti (raffiguranti tra l’altro vecchi pescatore di “sciabica”) e le diverse tipologie di pesci – riprodotti in cartapesta – in altri locali. “Quasi come rifiuti”. “Non abbiamo chiesto una ‘reggia’ o un castello – disse nel 2015 Mimmo – ma il rispetto per le nostre attività e una sede per le nostre prove.”

Niente da fare. Gli appelli sono stati vani. Nel 2015, contattato da Stato Quotidiano, l’assessorato al ramo del Comune di Manfredonia aveva promesso la “ricerca di una soluzione condivisa utile per salvaguardare le storiche attività della banda caratteristica“. Cosa è accaduto in verità? “Ho creduto inizialmente alle parole di un politico, poi di un altro”, spiega Mimmo. “‘Troveremo il locale‘. ‘Stia tranquillo'”. “Sì, certo, hanno proprio mantenuto la promessa…”. “Contributi per la nostra associazione? – risponde Catalano – La banda è costituita da 35 persone circa, ogni strumento in cartapesta ha un costo che si aggira sui 250 euro. Fate voi. In ogni caso – continua – il contributo non rappresenta l’elemento fondamentale della richiesta che fa sempre riferimento alla possibilità di avere un locale dignitoso”.

Dove sono conservati oggi i vestiti e gli strumenti della Ciambotta? “Sul Lungomare Nazario Sauro, in un magazzino tra la polvere e i rifiuti”.

“Ho saputo che hanno istituito un premio in onore di mio padre. Beh, possono risparmiarselo – continua Mimmo – il mio compianto genitore, che tanto ha dato alla ‘Ciambotta’ e al nostro carnevale, forse oggi si rivolterebbe nella tomba. Chiedo scusa per le espressioni colorite, per la mancanza di aplomb, ma davvero non riesco a crederci che per il secondo anno consecutivo non abbiamo una sede adeguata e non siamo riusciti a partecipare al Carnevale. Non credo più a nessuno – conclude – ma certo la rabbia per quanto successo non ha cancellato la voglia di poter ancora sfilare”.

VIDEO INTERVISTA 2015

FOTOGALLERY ANTONIO TROIANO

g.defilippo@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
16

Commenti


  • Matteo

    Bravo Sig. Mimmo non mollate la cianbotta fresca e il gruppo caratteristico di Manfredonia.
    Non abbandonate! !!!!


  • Un'

    E’ strano vedere l’apertura della sfilata priva del vostro gruppo di musicisti e professionisti che continuavano una antica tradizione. Un aiuto economico e’ più che giusto e doveroso. Del resto anche voi , con i vostri vestiti e strumenti, avete dato lustro alla città. Che dire….:
    Re Manfredi salvi la cjambotta fresche!

  • Ma cosa ci interessa della ciambotta, non sanno suonare


  • Antonio lurdo

    Caro Mimmo tu sai quante battaglie abbiamo dovuto affrontare insieme a tuo padre : lui in qualità di Presidente ed io come Vice Presidente della storica Banda Caratteristica e musicale ” A Ciambotta Freschè”. In questo carnevale tanta gente mi ha chiesto che fine abbia fatto la Banda della Ciambotta. Voglio ricordare a “QUALCHE POLITICO” che la Ciambotta ha girato l’Italia portando ORGOGLIOSAMENTE lo stendardo del Comune di Manfredonia e spiegando che cosa fosse la Ciambotta.In questo modo abbiamo pubblicizzato i nostri prodotti Ittici, la nostra Cucina e le nostre tradizioni. Una volta per poter far parte di tale Banda ci voleva la raccomandazione: uno dei requisiti principali era la serietà e il rispetto delle persone. In questo Carnevale vedere sfilare 5 bande e non vedere la Banda Caretteristica è stato triste, umiliante e offensivo. Caro Mimmo se vuoi puoi contare sulla mia disponibilità e penso anche quella dei cittadini di Manfredonia. Un consiglio, a quel politico che ti ha fatto delle promesse se lo incontri dagli un calcio in -anche da parte mia.


  • zonzo

    vergognatevi giovani rampanti sponsorizzati da chissà chi o chissà cosa…..avete buttato nel cesso le nostre tradizioni per sporchi interessi…avete solo la fortuna di avere un popolo (sipontino) che non reagisce in quanto ormai alienato e stupido…..e ripeto come sempre: noi ci meritiamo questi personaggi in quanto ignoranti e rinunciatari……e vergognati anche tu che leggi il mio commento e pensi in dialetto ( in quanto non parli italiano): cost i nu sfghet…..no quelli siete voi che di nonno in nipote stuprate questo territorio…arriverà il giorno che l’onestà sarà di moda…e voi quel giorno sarete costretti ad emigrare…


  • Mariangela

    Raccontavo a mio figlio che a carnevale avrebbe visto una banda speciale: “la ciambotta fresca”che delusione non averla potuta vedere e ascoltare. La ciambotta fresca non è soltanto una banda, e’ tradizione, cultura sipontina, simpatia, travolgente allegria. La sfilata, senza ciambotta, resta monca per me. Spero il prossimo anno di poter mostrare a mio figlio la banda della nostra tradizione. Coraggio suonatori, non arrendetivi.


  • giuseppe

    Grande Mimmo. .hai ragione l amato e stimato compare si sta rivoltato con questi scempi… ricordo con nostalgia quando da piccolo accompagnava mio padre alle prove nei locali interrati in via San Francesco. . A Manfredonia siamo bravi a distruggere le cose belle e a non dare continuità. .. si vergogni l istituzione comune incapace di dare una risposta e un futuro a un valore sociale come era la ciambotta. . Un saluto ai fratelli catalano


  • Kekka

    35x 250= 8750 all’anno? Non capisco se ogni anno vanno ristrutturati i pezzi?
    Stavano in un locale con canone e utenze a carico del comune ora sono stati trasferiti in un altro locale con canone e utenze a carico ma non è di gradimento perché sporco. Ma non possono pulirlo?
    Possiamo capire scusate?


  • Tom

    Caro Mimmo cercherò di poterti aiutarti per quel monumento storico . creato dal mitico Tonino♡, grande ……..


  • Antonino

    Caro Mimmo, deve sapere che i nostri amati politici si impegnano in ” ciambotte ” dove poter inzuppare il pane .
    Dove non e’ possibile, non si mangia il pane asciutto.


  • Dany

    Ma che vergogna…
    Ogni anno si perde qualcosa, ma loro sono tutti contenti e sorridenti, le cose vanno bene, però sentendo ogni volta i carristi e gli organizzatori dei gruppi, tranne molti giovani allo sbaraglio, si lamentano sempre…
    Qui c’è qualcosa che non va, cerchiamo di non perdere le tradizioni, che i soldi escono, poi basta invitare qualche ospite in meno…


  • Giuseppe

    Si batte sempre cassa al Comune , autotassatevi siete in 35 sai quanti locali trovate, basta con l’assistenzialismo a Manfredonia non si contano più le associazioni che elemosinano… ci sono problemi ben più urgenti che sperperare danaro pubblico.


  • iovidi

    E pensare che il comune spende e spande tanti soldi per mega locali di 1200 mq dove ripone le sedie di plastica che fa uscire una sola volta all’anno in occasione proprio del carnevale…… quante assurdità e paradossi in questa città governata non per amore ma per interessi particolari……. da tutelare.


  • GiPieLo

    egregio Sig. Mimmo
    purtroppo i politicanti hanno preferito un altra portata. mi spiego meglio. …essendo alla frutta ora preferisco panettoni e champagne ENERGAS! !!!
    …il GIPPIELLO viene ora! !!!


  • Teseo col filo

    Siete stati uno degli ultimi Gruppi che, aldilà dell ironia/storia/usi e costumi…che
    avete sempre interpretato ed elargito nelle varie manifestazioni , è stato capace
    di interpretare anche il vero spirito del Nostro Modo di Essere e di rendere visiva
    la Poetica che deve essere presente in quella che Noi definiamo CIVILTA”.
    Naturalmente ci AUGURIAMO che venga favorito,dalle autorità precostituite , un Vostro decoroso e necessario RITORNO !


  • Ma_Re

    Peccato per la “Ciambotta”……
    Era folclore ed allegria, oltre che una banda simbolica per la nostra città, che ci rappresentava con spirito giocoso e spensieratezza. Era bellissima e divertentissima e manca proprio tanto a questo Carnevale e a Manfredonia tutta!!! ????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi