Manfredonia
A cura di Pascalonia

Seponde jé raggjone?

Di:

U uì… u uì… mo vene llu sceme
e tu sarriste nu bbèll’ome?
Te vinne pe nu fjasche de vine
e ndande quidde ce fottene i meljune.

Pe nu ninde te mbrejéche
e t’ avasce pure lli vréche,
te fanne fèsse a Carnevèle
e ndande ce frèchene u catrechéle.

Quann’ji c’adda mètte a chépe apposte,
nda stu mode ne nge po’ ji denanze,
nu va fè ngule, dimme, che te coste?”

Jucchje da fore, ah, a grattarce lla panze?
“ Seponde, tu pinze sèmbe a lla sope!”
“ Sesèppe, ne nzo’ na mazze de scope!

TRADUZIONE
“ Ecco…ecco…, mo viene lo scemo/ e tu dovresti essere un uomo?/ ti vendi per un fiasco di vino/ ed intanto, quelli si fottono i milioni./Per un niente ti ubriachi/ e ti sei calato pure le brache/ ti fanno fesso a carnevale/ ed intanto si fottono l’essenziale./ Quando è che metterai la testa a posto,/ in questo modo non si può andare avanti,/ un vai a fare in culo, che cosa ti costa?/ Occhi di fuori, ah, a grattarci la pancia?”/ “Siponto, tu pensi sempre a lì sopra!”Giuseppe, non sono una mazza di scopa!”/

(A cura di Pascalonia, Manfredonia febbraio 2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi