ManfredoniaRicordi di storia
A cura di Franco Rinaldi, cultore di storia e di tradizioni popolari di Manfredonia, 12.04.2017

Manfredonia, “U sebboleche” allestito in casa da Michele Nenna (foto-video)

Dopo la morte di “Tanine u sagrestene”, Michele Nenna ha intrapreso con grande passione da alcuni anni l’allestimento del sepolcro in casa “apparè u Sebbòleche” in un pianoterra

Di:

Manfredonia, 12 aprile 2017. Anche quest’anno Michele Nenna ha allestito il sepolcro in casa. Questo antico rito religioso popolare, forse unico in Italia, si è tenuto a Manfredonia fino alla fine degli anni ’50 inizi anni ’60. In moltissime case (pianoterra) e androni di Palazzi venivano costruiti degli altari con esposizione dei Misteri. L’addobbo era eseguito con fiori, piante ornamentali, drappi rossi, piatti grano germogliato e con germogli di lenticchie, lupini e cicerchie. I sepolcri erano illuminati con lumini a olio. Il Sepolcro veniva altresì addobbato con statuine dell’Addolorata, Cristo in Croce, Calvario, statue di soldati a grandezza d’uomo posizionati ai due lati “a guardia” del sepolcro, busti e statuine varie di Cristo legato alla canna, Cristo legato alla Colonna, Cristo morto in posizione supina, angeli, ed altri oggetti della passione di Cristo.

Dagli anni ’60, l’antico rito del sepolcro in casa fu sostituito da piccoli altarini allestiti sui mobili di casa. Dagli anni ’90 Gaetano (Tanine) Lauriola, sagrestano, organista e cantore dalla bella voce tenorile, allestitore per anni, tra il Giovedì e il Venerdì Santo, presso la chiesa di S.Matteo del più bel sepolcro di tutte le chiese di Manfredonia, approntò per anni uno straordinario sepolcro in una sala della sua abitazione in via Antiche Mura, dove insieme a pie donne cantava e recitava antiche nenie e canti popolari della Passione.

Dopo la morte di “Tanine u sagrestene”, Michele Nenna ha intrapreso con grande passione da alcuni anni l’allestimento del sepolcro in casa “apparè u Sebbòleche” in un pianoterra, per continuare una tradizione che a Manfredonia sembrava finire nel dimenticatoio.

E’ possibile visitare il sepolcro di Michele Nenna, allestito in via Podgora al civico 6, nei giorni: Giovedì Santo-13 aprile 2017-dalle 20,00 alle 01.00 con recita del Rosario e intonazione di canti popolari della Passione; Venerdì Santo – dalle 8,30 alle 17 e dalle 19,30 alle 23,00- Sabato Santo dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 21,30.

(A cura di Franco Rinaldi, cultore di storia e di tradizioni popolari di Manfredonia, 12.04.2017)

FOTOGALLERY



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi