ManfredoniaMonte S. Angelo
"Questo mix di novità ed esperienza è tenuto insieme dal collante della connessione popolare con i cittadini"

Amministrative. Piemontese: “Domenica molto positiva per il PD”

"Per tutti - conclude Pemontese - arriva adesso la prova del governo che è fondamentale sia affrontata con lo spirito di servizio e la responsabilità richiesti dai tempi nuovi"

Di:

Foggia. “Una domenica molto positiva per il Partito Democratico che ha vinto e convinto dimostrandosi vivo, forte e radicato”. È il commento del segretario provinciale del PD di Capitanata, Raffaele Piemontese, sulla tornata elettorale che ha visto, ieri, rinnovarsi i sindaci e i consigli comunali in quattordici comuni della provincia di Foggia.

Le Amministrative 2017 in provincia di Foggia hanno il loro luogo emblematico in Monte Sant’Angelo, dove l’orologio della democrazia ha ricominciato a funzionare e dove, da oggi, governa uno dei sindaci più giovani e promettenti della Capitanata, Pierpaolo D’Arienzo“, rileva Piemontese, osservando che “umiltà e rinnovato senso della comunità sono gli ingredienti fondamentali per affermare una visione politica: atteggiamenti particolarmente importanti quando si tratta di scegliere sindaci e consiglieri comunali”.

Il segretario provinciale del PD foggiano giudica premiante il fatto che “ovunque abbiamo sostenuto progetti elaborati e maturati nelle comunità chiamate al voto, riconoscendo e valorizzando le autonomie e cercando di unire intorno alle istanze di cambiamento”. “È successo a Carpino – osserva Piemontese – che, dopo molti anni, torna ad avere una guida democratica nelle mani esperte di una bandiera del PD, come Rocco Di Brina. È successo a Stornara, dove le ottime capacità amministrative del sindaco uscente, Rocco Calamita, sono state riconosciute con una riconferma molto netta. È successo a Ischitella, dove il PD era a fianco di Carlo Guerra, chiamato a inscrivere pienamente quella comunità nel sistema istituzionale che sta provando a fare decollare il Gargano nord”.

“È successo a Rodi Garganico – aggiunge il segretario del PD di Capitanata –, dove cittadini di cultura democratica e di sinistra hanno deciso di sostenere una personalità esperta e fortemente legata al territorio come Carmine D’Anelli, aprendo la strada a un radicamento anche del nostro partito, fino a oggi privo anche di una sezione a Rodi”.

“Questo mix di novità ed esperienza è tenuto insieme dal collante della connessione popolare con i cittadini – rileva Piemontese –, come si vede dall’affermazione di Lucilla Parisi a Roseto Valfortore, dalla riconferma di Mimmo Iavagnilio a Motta Montecorvino, dall’elezione di Diego Iacono a sindaco di Chieuti, tutte candidature che abbiamo sostenuto, insieme a quella del neo-sindaco di Rignano Garganico, Luigi Di Fiore, su cui il PD locale ha indirizzato i suoi consensi dopo l’infortunio dell’esclusione della propria lista dalla competizione, causata dall’avere raccolto tre firme in più del necessario”.

“A Monte Sant’Angelo – dice ancora Piemontese – si giocava la partita più importante perché il Comune veniva da un anno e mezzo di commissariamento e perché la costruzione di un progetto democratico aveva bisogno di alimentarsi delle energie delle generazioni più giovani e desiderose di costruire un futuro tutto nuovo. Ma, più in generale, tutte le comunità si sono rimesse in movimento, grazie al lavoro del governo regionale, dei nostri parlamentari nazionali e di una militanza diffusa che rende il PD forte e vitale, un partito che sono orgoglioso di rappresentare”.

“Anche a Orsara di Puglia – nota il segretario provincia del PD – abbiamo provato a mettere in prima fila le generazioni più giovani con Pierluigi Caraglia ma, sebbene di pochi voti, è risultata evidentemente più tranquillizzante l’esperienza di Tommaso Lecce, a cui auguriamo buon lavoro e assicuriamo disponibilità alla collaborazione”.

Per tutti – conclude Pemontese – arriva adesso la prova del governo che è fondamentale sia affrontata con lo spirito di servizio e la responsabilità richiesti dai tempi nuovi. Auguri, perciò, anche ad Antonio Del Priore sindaco di Castelluccio dei Sauri, Luigi Iamele sindaco di Celenza Valfortore, Antonio Fentini sindaco di Isole Tremiti, Pasquale Ciruolo sindaco di Panni e a tutti i consiglieri comunali appena eletti”.

Amministrative. Piemontese: “Domenica molto positiva per il PD” ultima modifica: 2017-06-12T12:55:27+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • svolta

    Che dire… Per caso è un componente PD che ha fatto una sua lista…. Mi ricorda qualche altro soggetto di un comune limitrofo…. Mi chiedo perché si presentano con liste e non più come esponenti di partiti tradizionali…. si vergognano per caso ad indossare la relativa casacca… O forse così gli viene meglio prendere c il c… gli elettori che pensano di votare un esponente “Civile” e di ritrovano sempre e solo il solito politico…. appoggiato dai soliti partiti ed aggrappati alle solite logiche spartitorie di un famoso manuale….


  • PING PONG

    PER VOI E’ SEMPRE POSITIVO……….O PERDETE O VINCETE IL CONTO NON E’ MAI IN ROSSO……IPOCRITI.


  • Michelantonio

    Nei piccoli Paesi, dove la maggior parte degli elettori, (grazie a qualche favore per grazia ricevuta) sono tutti parenti e compari, il CAMBIAMENTO non potrà mai esserci.
    Infatti i giovani sono costretti ad andarsene, come avviene da 60 anni, e poter dire che tutto va bene, per i pochi fortunati e, ancora per poco, pensionati.


  • Antonello Scarlatella

    Chi non è del PD invece di perdere tempo ad analizzare come mai hanno vinto, dovrebbe analizzare come mai ha perso.
    Vedi 5 STELLE. Non più tardi dell’altro ieri un loro esponente mi ha preso per i fondelli nei commenti dell articolo seguente.
    http://www.statoquotidiano.it/10/06/2017/m5s-manfredonia-la-commedia-diventa-farsa/550244/

    Non è ricorrendo la sete di giustizialismo o gli errori degli altri che si diventa per l’elettore alternativa ma con la pianificazione e l’esecuzione di un progetto politico.
    Di questo me ne dispiaccio tantissimo perchè io sono e resto un elettore del ms5.
    Se domani si andasse a votare qui in città tutti coloro il 90% di quelli che in questi post non firmandosi scrive ingurie e messaggi di odio, voterebbe di nuovo il PD.
    E questo è già successo. Motivo per il quale considero la caduta dell’amministrazione comunale di Manfredonia una cosa inutile, una grandissima perdita di tempo.
    Il popolo in difficoltà e in crisi di disorientamento preferisce fidarsi del “vecchio” perchè il nuovo ha lavorato peggio del vecchio. E fa bene.
    Non si lascia il certo per l’incerto.
    Stessa cosa dicasi per Magno.
    La politica basata sulle accuse e sulla lotta ad personam non produce risultati.
    Per questo MS 5 ha preso una sventola a livello nazionale non indifferente e leggo dai giornali che ora si danno responsabilità a Tizio, Caio, Sempronio.
    La responsabilità invece va ricercata nel loro modo di interloquire, comunicare, condannare che non crea di fatto nell’elettorato certezze.
    Pensano di essere arrivati all’apice del successo alle scorse votazioni sia a Manfredonia sia alle regionali sia alle politiche e non si rendono manco conto che al successo è più facile arrivarci che non stabilizzarlo e mantenerlo duraturo nel tempo.


  • Antonello Scarlatella

    Michelantonio, giustificare I propri fallimenti non aiuta a costruire successi futuri.


  • Redazione

    Amministrative. Mongiello: “PD vince grazie al modello inclusivo sperimen-tato alle regionali e provinciali. Monte Sant’Angelo vittoria emblematica”
    Dichiarazione dell’on. Colomba Mongiello, componente della Direzione nazionale del Partito Democratico

    Le elezioni amministrative in Capitanata consegnano al Partito Democratico una vittoria esaltante e meritata, ottenuta espandendo ed affinando il modello inclusivo già sperimen-tato alle regionali e alle provinciali.
    Nelle urne dei Comuni foggiani chiamati al voto si è materializzato l’entusiasmo che ho potuto tastare con mano ovunque mi sia capitato di andare per partecipare a manifesta-zioni e comizi.
    Tanta gente, tanta bella gente ha circondato d’affetto i candidati del Partito Democratico e quelli che il PD ha sostenuto con lealtà. Ed i risultati sono lì a dimostrarlo.
    A Carpino piuttosto che a Ischitella, a Roseto Valfortore come a Rignano Garganico o a Stornara e in tutti gli altri Comuni in cui abbiamo vinto, la nostra comunità politica si è ar-ricchita di energie e consensi.
    Particolarmente emblematica è la vittoria ottenuta a Monte Sant’Angelo, da due anni commissariata sulla base della legislazione antimafia. Il PD e il centrosinistra tornano al governo della città dopo più di un decennio grazie alla scelta di rinnovare la propria rap-presentanza, a partire dal neoeletto sindaco Pierpaolo D’Arienzo, e di offrire agli elettori un programma amministrativo lineare e coerente proprio sui temi della legalità, dell’ambiente, dello sviluppo economico. Una vittoria ottenuta da tante ragazze e ragazzi che hanno rivendicato l’eredità dei valori e delle idee del compianto Matteo Fusilli e di una generazione di ottimi amministratori.
    Erano anni che, in Capitanata, il PD e il centrosinistra non ottenevano una vittoria così netta e brillante ad una tornata amministrativa, il cui merito deve essere anche ascritto a chi ha operato nelle diverse sedi istituzionali – territoriali e nazionali – per valorizzare il pa-trimonio di intelligenze e competenze posseduto dalla nostra terra.
    Il solco è tracciato, ora dobbiamo continuare a seminarlo con la disponibilità al dialogo politico e la condivisione delle buone prassi istituzionali. Per rafforzare il Partito Democra-tico e far progredire la Capitanata.

    Roma, 12 giugno 2017


  • Redazione

    Amministrative. Bordo: “Vittoria netta del PD frutto del buon lavoro fatto per ampliare la partecipazione e il consenso”
    Dichiarazione dell’on. Michele Bordo, presidente della Commissione Politiche UE della Camera e componente della Direzione nazionale del PD

    La vittoria del Partito Democratico in Capitanata è netta, inequivocabile e indiscutibile, a riprova del buon lavoro fatto dal gruppo dirigente per ampliare il perimetro della partecipazione e del consenso.
    Dal Gargano ai Monti Dauni, passando per il Tavoliere, abbiamo avuto l’intelligenza e l’umiltà di aprirci, di interpretare con coerenza e sensibilità le istanze di innovazione programmatica e di individuare, insieme ai dirigenti locali del partito, alle organizzazioni civiche territoriali e ai nostri alleati, i candidati più credibili e affidabili.
    Grazie al Partito Democratico e a molte scelte positive dei governi nazionale e regionale, il civismo di tante ragazze e ragazzi, donne e uomini si è trasformato in impegno politico e in rappresentanza istituzionale con un solo obiettivo: mettersi al servizio della propria comunità, anche superando divisioni, spesso insensate, del passato.
    E’ stata una bella domenica elettorale per il PD. Sono certo che i prossimi 5 anni, nei Comuni che da oggi abbiamo la responsabilità di governare, sa-ranno di buona e proficua amministrazione.

    Roma, 8 giugno 2017


  • Zuzzurellone Sipontino

    Mo mo si dice “inclusivo”. In quali comuni della nostra provincia e regione il PD si è presentato con il propio simbolo o dietro liste civiche dove vi è tutto ed il contrario di tutto? Cosi per essere chiari, non vorrei sbagliarmi, le amministrative sono storia a parte, non sono regionale ( altro sistema di voto) e non sono politiche. E ci sono ancora i ballottaggi in altri comuni. O no?


  • cittadino

    Egr. sig. Scarlatella, Lei si dichiara elettore del M5S, io ho molte perplessità su tale dichiarazione…
    E’ come se uno vede con gli occhi ciò che mangia e poi invece di inforcare in bocca la mette nelle orecchie….. o suo malgrado negli occhi.
    E’ tutto così strano da non poterci proprio credere …. come si vuol far credere……; mi sembra più una tattica di screditamento…..


  • Antonello Scarlatella

    Cittadino, cosa metto in tasca a dire che voto 5 stelle??? Forse metterei piu in tasca a dire che voto PD non credi? Poi Antonello Scarlatella non e’ uno pseudonimo ma il mio nome e cognome. Non mi nascondo.
    Sono certo che la missione politica del Movimento e’ importante..e spero non si disgreghera’ con l atteggiamento sciocco sei suoi componenti.
    Non e’ il progetto del movimento che e’ sbagliato. Sono molti dei suoi componenti che sono sbagliati spece nella nostra citta’.
    Per me la politica non e’ una partita di calcio. La politica non e’ motivo di odio, non si concretizza con il giustizialismo.
    Per me la politica e’ confronto. Si criticano le linee politiche e si cerca di trovare insieme le strade.
    Forse saro’ un sognatore, forse saro’ un coglio..e ma sono fatto cosi e non rinuncio alle mie idee.
    Non giustifico I miei fallimenti e qui da sempre ci metto la faccia rischiado molto credimi.


  • cittadino

    Apprezzo la franchezza e l’onestà intellettuale. Queste doti sono rare a vedersi, però, in certi soggetti che stanno conducendo un’attività cittadina farlocca e per niente consapevole delle conseguenze negative che ne sono scaturite e che sono oggetto di rilievo del massimo organo contabile che lo Stato mette a disposizione per controllare le risorse pubbliche.


  • AmicodelCardinale

    Alla luce di quanto, per l’ennesima volta, è scaturito, ora, cari montanari, non voglio sentirvi più lamentare. Tenetevi i soliti noti (anche se con facce esposte differenti) e d’ora in poi non piagnucolate più. Avete concesso la distruzione di un paese in 30 anni e in cambio di qualche posticino nelle municipalizzate o qualche appalto. Adesso non so cosa vogliano frantumare, visto che hanno mangiato pure le rocce e l’erba (con gli abusi edilizi e le concessioni facili ed inutili). A cosa mirate? Alla distruzione della storia del paese? perché ormai solo quella è rimasta, il futuro è già morto quando gli abitanti hanno deciso di disinteressarsi del posto in cui vivono. Che scempio morale ed esistenziale…


  • Michelantonio

    X SCARLATELLA :

    I tuoi commenti mi fanno ricordare il personaggio del ” Marchese del Grillo “, quando dice: ” Io sono Io, gli altri sono un caxxo “…
    Come ti permetti di parlare di “… giustificare i propri fallimenti…”, io non ne ho mai avuti, se per caso sono i tuoi, non li accollare agli altri.
    Con i commenti, non tutti la pensiamo allo stesso modo, e pertanto vanno letti, e farci riflettere sul contenuto, e non dare altrui del ” FALLIMENTO ” che potrebbe essere il proprio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi