BAT
Sono state notificate due misure cautelari dell’obbligo di dimora

Puglia, furti pannelli solari: 6 arresti

Sono in corso accertamenti – anche attraverso l’analisi dei flussi finanziari - volti all’identificazione degli altri soggetti coinvolti ed i destinatari esteri dei pannelli

Di:

Bari. Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Bari, con l’ausilio di militari del Gruppo Pronto Impiego di Bari, hanno eseguito nei confronti di sei persone un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dalla Dott.ssa Isabella De Angelis – G.I.P. del Tribunale di Velletri – su richiesta della Procura della Repubblica di Velletri, nell’ambito del procedimento penale n. 522/16 R.G.N.R. mod. 21. In particolare sono finiti in carcere P.S. di anni 58, D.D.B. di anni 67, D.D. di anni 48; D.R. di anni 26, S.D. di anni 49, P.C. di anni 41, per il delitto di furto aggravato continuato in concorso.

Contestualmente, sono state notificate due misure cautelari dell’obbligo di dimora nei confronti di altrettanti soggetti residenti in Bitonto e Mola di Bari. La misura è stata richiesta dalla Procura della Repubblica di Velletri in seguito ad una complessa attività d’indagine, svolta a seguito di un intervento repressivo operato nel gennaio di quest’anno. Gli odierni indagati infatti, in trasferta da Bari a Valmontone, avevano organizzato, con dovizia di particolari, il furto di migliaia di pannelli fotovoltaici. Detti pannelli erano già installati in un campo fotovoltaico della potenza di 4.694,76 KWp sito in Valmontone – località “La Cacciata”.

L’intervento dei militari del Corpo in flagranza di reato aveva interrotto l’attività delittuosa, consentendo di indentificare gli autori del furto e di sequestrare 710 pannelli fotovoltaici fino ad allora smontati e caricati su un autoarticolato diretto al nord Europa e segnalare il tutto all’Autorità Giudiziaria competente. Nell’occasione, erano stati altresì sequestrati 3 mezzi commerciali ed 1 autovettura. Si consideri che il valore a nuovo degli oltre 700 pannelli sequestrati si aggira sui 700.000,00 euro. Sono in corso accertamenti – anche attraverso l’analisi dei flussi finanziari – volti all’identificazione degli altri soggetti coinvolti ed i destinatari esteri dei pannelli.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati