Attualità
Il Guardasigilli presenta in conferenza stampa il censimento della giustizia civile “fattore decisivo per la ripresa economica del Paese”

Giustizia civile, Orlando: 2015 chiuderà con 20% meno cause arretrate

Annunciate 3200 immissioni dei ruolo nelle Cancellerie per combattere l’arretrato: “la prima volta in 25 anni”

Di:

Roma – “Abbiamo dei segnali di riduzione del contenzioso, ad esempio per effetto delle norme sulla lite temeraria, che ci fanno prevedere che il 2015 si chiuderà con una riduzione del 20% delle cause arretrate”. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, alla conferenza stampa sul censimento della giustizia civile nella Sala Livatino del ministero. Il 2015 dovrebbe chiudersi, in base alle previsioni degli uffici del ministero della Giustizia “con una riduzione consistente” dell’arretrato delle cause civili in base alle quali i fascicoli pendenti da 4,9 milioni dovrebbero ridursi attorno ai 4 milioni. Sono i dati tendenziali resi noti dal Guardasigilli della “lotta” all’arretrato ingaggiata dal suo ministero. Il ministro parla quindi di un “trend positivo. Si tratta del 20% in meno di pendenze. Sono numeri alla portata del sistema, che il sistema è in grado di assorbire. Le cause della riduzione sono molteplici: risorse, organici e capacità organizzativa di chi è andato a dirigere gli uffici”.

Per dare un’ulteriore spallata alla battaglia per la riduzione dell’aretrato, sono in arrivo, entro la fine dell’anno, 3.200 persone che saranno impiegate negli uffici giudiziari, nel settore civile. “E’ la prima volta, negli ultimi 25 anni, che viene immesso personale nei tribunali e nelle cancellerie”, ha sottolineato il ministro della Giustizia. “La giustizia civile è un fattore decisivo per la ripresa economica del Paese e la sua efficienza è un importante terreno di contatto quotidiano per ridare ai cittadini la fiducia nella legalità”, ha sottolineato Orlando, presentando il piano “Strasburgo 2″ per combattere l’arretrato e diminuire l’impatto della legge Pinto sulla casse dello Stato. Da pagare come risarcimento per le cosiddette “cause lumaca” ci sarebbero ancora 455 milioni di euro.

Redazione Stato

Giustizia civile, Orlando: 2015 chiuderà con 20% meno cause arretrate ultima modifica: 2015-08-12T21:18:42+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi