Manfredonia
"Ripristino della qualità dell'acqua di balneazione per i parametri microbiologici interessati"

Foce torrente Candelaro, rimosso divieto di balneazione

Atti in allegato

Di:

Manfredonia/Foggia. ”(…) con nota prot. n.47901 del 05.08.16, acquisita al protocollo Comunale il 09.08.16 al n.29282, ARPA Puglia – Dipartimento di Foggia ha comunicato di aver provveduto a ricampionare, in data 03.08.16 con verbale 417/BSC, il suddetto punto di monitoraggio evidenziando il ripristino della qualità dell’acqua di balneazione per i parametri microbiologici interessati (..)”. Con recente ordinanza sindacale, è stata revocata l’ordinanza n. 23 del 15.07.2016 e il divieto di balneazione nel tratto di costa “(..) compreso tra la foce del Torrente Candelaro ed il punto “800 M.SX Foce Torr. Candelaro vso P.69″ ID: 191100029071029281 e ID: IT016071029026 (Codice europeo) idoneo sulla base dei campionamenti effettuati da ARPA in data 03.08.2016”.

Ordinanza Sindacale n 33_2016

Si ricorda come con Ordinanza Sindacale n.23 del 15.07.2016 era stato istituito il temporaneo divieto di balneazione nel tratto indicato.

“Lo scarico del depuratore di Foggia avviene nel canale Contessa, le cui acque affluiscono al Candelaro, e, pertanto, finiscono per interessare vaste aree del territorio comunale di Manfredonia, con conseguenti impatti negativi anche in termini di qualità delle acque di balneazione”, aveva scritto Angelo Riccardi il 23 giugno scorso, come riporta l’ufficio stampa del Comune.

Balneazione, Arpa pubblica bollettino Luglio con prelievi del 20 luglio 2016

Monitoraggi Acque di Balneazione – ARPA Puglia – Regione Puglia

A decorrere dalla stagione balneare 2010, con il Decreto legislativo 30 maggio 2008 n. 116 e con la successiva pubblicazione del Decreto Ministeriale 30/3/2010 (G. U. del 24 maggio 2010 S.O. 97), l’Italia ha recepito la Direttiva europea 2006/7/CE sulle Acque di Balneazione.
Diversi sono gli aspetti innovativi introdotti dalla nuova normativa, tra i quali:

la definizione delle acque di balneazione, intese come aree destinate a tale uso e non precluse a priori (aree portuali, aree marine protette – Zona A, aree direttamente interessate dagli scarichi, ecc.);
la determinazione di soli 2 parametri microbiologici: Escherichia coli ed Enterococchi intestinali;
la frequenza di campionamento mensile nell’arco della stagione balneare (ad iniziare da aprile sino alla fine di settembre) secondo un calendario prestabilito;
il punto di monitoraggio fissato all’interno di ciascuna acqua di balneazione;
la definizione dei Profili delle acque di balneazione;
la classificazione delle acque sulla base degli esiti di quattro anni di monitoraggio, secondo la scala di qualità: “scarsa, sufficiente, buona , eccellente” (entro il 2015);
la regolamentazione degli episodi caratterizzati da “inquinamento di breve durata“ o da “situazioni anomale”.

Il Ministero della Salute ha attivato il Portale Acque per la raccolta dei dati e la relativa informazione al pubblico a partire dalla stagione balneare 2010. Per quanto riguarda la Regione Puglia è comunque disponibile un bollettino pubblicato in rete con cadenza mensile a partire da maggio sino ad ottobre di ogni anno.

Nel bollettino, reperibile dal Portale ARPA Puglia, sono riportati i risultati analitici prodotti dai Dipartimenti Provinciali ARPA Puglia, e relativi alle acque marino-costiere destinate alla balneazione nelle sei provincie pugliesi (sono escluse le zone precluse a priori, quali quelle portuali, quelle protette – Zona A, quelle direttamente interessate dagli scarichi, ecc.).

Nel bollettino sono indicati:
a) le date di monitoraggio;
b) i punti di campionamento;
c) i risultati analitici per ciascuna delle acque di balneazione designate, con l’indicazione di eventuali superamenti rispetto ai limiti di legge (200 UFC – Unità Formanti Colonie – per gli Enterococchi intestinali e 500 UFC per Escherichia coli).

Nella mappa interattiva visualizzata di seguito sono rappresentate le posizioni dei punti di monitoraggio per tutto il litorale pugliese, indicati con il simbolo della bandierina. La mappa può essere spostata trascinandola con il cursore, mentre la scala può essere ingrandita o ridotta utilizzando i segni +/ – (a destra in basso della mappa). Il colore blu della bandierina indica l’idoneità alla balneazione per l’ultima data di monitoraggio disponibile, mentre il colore rosso indica un superamento, rispetto ai valori limite, dei parametri microbiologici Enterococchi intestinali e/o Escherichia coli. Inoltre, cliccando sulla bandierina si apre una finestra in cui è visualizzata la denominazione della singola acqua di balneazione nonché gli ultimi risultati disponibili per la stagione di monitoraggio in corso.

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati