Manfredonia
Al momento non risultano denunce presentate alle Forze dell'Ordine

Manfredonia, diverbio tra sanitari 118 e passante durante un soccorso

Esclusi legami tra il decesso dell'anziana e il diverbio tra sanitari del 118 e il residente

Di:

Manfredonia, 12 agosto 2017. ACCESO diverbio questa mattina, verso le ore 13, in Via delle Cisterne tra sanitari del 118 e un passante. Da raccolta dati, gli operatori erano intervenuti per prestare soccorso a una donna di 90 anni circa, deceduta in seguito in ospedale, quando avrebbero avuto una discussione con un uomo, probabilmente un residente, che si sarebbe lamentato per l’impossibilità di parcheggiare la propria autovettura a causa della presenza del mezzo del 118.

Al momento risulta una denuncia presentata alle Forze dell’Ordine dallo stesso personale del 118 intervenuto. Seguono aggiornamenti.

Esclusi legami tra il decesso dell’anziana e il diverbio tra sanitari del 118 e il residente.

Condoglianze dalla redazione di Stato Quotidiano ai familiari della donna deceduta.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • svolta

    Ma cosa è diventata Manfredonia….


  • La stazione fantasma di Manfredonia ovest (costo 2 mln.euro- utenti 0)


  • ezio

    SENSO CIVICO UGUALE A ZERO.
    UN CORSO DI EDUCAZIONE CIVICA DI 3 ANNI OBBLIGATORIO.


  • Redazione

    Buonasera,
    in riferimento al Vs. articolo

    “Aggrediti operatori del 118 durante un
    soccorso” e “Manfredonia, diverbio tra sanitari 118 e passante durante un
    soccorso”

    essendo la persona coinvolta nell’accaduto, Vi chiedo, cortesemente, di correggere, con gentile urgenza, il Vs. articolo in quanto completamente privo di fondamento.

    Nella fattispecie, Vi informo che non c’è stata, da parte mia alcuna aggressione (facilmente verificabile ascoltando i numerosi testimoni dell’accaduto).

    Le mie rimostranze, anche se determinate, erano rivolte all’autista che ha lasciato, al centro strada, l’ambulanza chiusa e senza segnalatori di emergenza accesi (quindi tutto lasciava pensare che ci fosse stato solo l’accompagno di un ammalato).

    Tale discussione non ha in alcun modo rallentato o impedito l’intervento sanitario alla paziente, difatti i medici hanno continuato, a sostare nella via, continuando a curare la paziente, e soltanto dopo essere in condizioni di lasciare il sito, tranquillamente, sono ripartiti alla volta dell’ospedale.

    Inoltre il mezzo di soccorso era libero di transitare nella strada al contrario del mio che, invece, non poteva proseguire a causa della presenza dell’ambulanza.

    A ciò aggiungo che ho provveduto, prima di capire il perché ci fosse quell’ambulanza ferma in strada da più di mezz’ora, a chiamare una pattuglia dei VV.UU. di Manfredonia, che quando giunta sul posto, ha ricevuto i necessari chiarimenti sull’accaduto.

    Pertanto, Vi prego, prima di pubblicare una notizia, di verificarne l’attendibilità.

    Vi prego inoltre di voler correggere immediatamente l’articolo non legando la morte della paziente, al suddetto spiacevole episodio. (COME FATTO SIN DAL PRIMO MOMENTO DA STATOQUOTIDIANO.IT,NDR)

    Tuttavia mi riservo, eventualmente, di tutelare i miei diritti nelle opportune sedi legali.

    Cordiali
    Saluti.Giuseppe G.


  • Disgustata!!!!

    VERGOGNA!!!!!!!!! Si deve solo vergognare una persona adulta che non capisce le PRIORITÀ DELLA VITA, anche altru, anteponendo un parcheggio ad un soccorso!!!!!!!


  • Michele

    Caro Giuseppe G., o come ,…Se c’era un’ambulanza un motivo ci sarà stato sicuramente… Giravi la macchina e andavi a parcheggiare——!!!! Chiamare i vigili perchè c’era un’ambulanza che bloccava il passaggio della tua auto.. e chi -t’ pinz d’ jess!!!! L’ambulanza va lasciata come meglio credono, perchè i sanitari devono potersi muovere agevolemente nell’espletare il loro intervento.. O pensi che per fa passare la barella dovevano aspettare che mettessi il tuo —casa tua.. Forse la morte della signora non c’entra niente col diverbio che hai avuto con i sanitari ma dovresti vergognarti e mettere la testa —.. Emerito incivile, —-!!!!


  • Passante di Strada

    Il mio istruttore di scuola guida mi suggeriva che gli incidenti stradali accadono quasi sempre quando si incontrano un distratto e un invasato.
    Quindi, traduco aggiungendo che se l’autista sanitario avesse risposto con meno arroganza, il tutto sarebbe passato in sordina. Vi era un pizzico di tensione perché in un primo momento il personale sanitario non conosceva l’indirizzo esatto. Si sono fermati a centro strada e chiedevano a persone nei vari portoni indicazioni circa la richiesta di intervento. Poi, ottenete le giuste informazioni, si sono precipitati dal paziente per guadagnare tempo. Pertanto, trattandosi di un evento in emergenza ogni imprecisione bisogna giustificarla con il buon senso.
    Bisogna pure evitare di parlare di “incivili” o “vergogna” o altro, perché le persone interessate in questa vicenda conducono una vita moderata e dediti al proprio dovere da buon padre di famiglia. Però in quel preciso momento sono “volati” paroloni anche se nessuno ha ostacolato il cammino


  • Lettore attento

    Ha anche il coraggio di replicare…MA SI VERGOGNI!


  • Giuseppe

    Per “Disgustata!!!!” e tutti coloro che si sono indignati.
    Vi prego di non fare considerazioni senza conoscere le dinamiche dei fatti.
    L’autista dell’ambulanza, pur avendo, nello stesso posto, la possibilità di sistemare il proprio automezzo in sicurezza, ha preferito bloccare una intera strada dimostrando, a mio avviso, scarsa professionalità e buona dose di arroganza, ribadita, anche, al suo rientro.
    L’autista ha compiti differenti dal personale sanitario che deve operare il soccorso, oltre al fatto che mi sembra innaturale che abbandoni il mezzo di soccorso per strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi