Manfredonia

Interrogazione Gatta: disoccupati esclusi da ammortizzatori e da sostegno al reddito

Di:

Il consigliere regionale del Pdl Giandiego Gatta (Ph: A.Del Vecchio-STATO@)

Bari – “QUALI sono i motivi per i quali si è voluto escludere dalla partecipazione all’Avviso i lavoratori che risultano disoccupati e non possono beneficiare di ammortizzatori sociali? Si intende intervenire, e con quali strumenti e modalità, a favore di quei lavoratori che risultano non percettori di ammortizzatori sociali perche hanno cessato la disoccupazione ordinaria nel 2013?”. Lo chiede il consigliere regionale avv. Giandiego Gatta in una interrogazione a risposta scritta rivolta al Presidente della Giunta Regionale, On. Niki Vendola, e l’Assessore al Lavoro, Leo Caroli.

L’INTERROGAZIONE. “La Giunta Regionale, con propria Delibera n. 249 del 19/02/2013, pubblicata sul B.U.R.P. n. 41 del 19/03/2013 varava il ‘PIANO STRAORDINARIO IN FAVORE DEI PERCETTORI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA E PERCETTORI DI SOSTEGNO AL REDDITO'”, scrive Gatta nell’interrogazione. “Con determina n° 609 del 06/08/2013 a firma del Dirigente Servizio Politiche per il Lavoro è stato approvato l’avviso pubblico “Sostegno al reddito in favore di soggetti esclusi dal beneficio degli ammortizzatori sociali in deroga”; nel citato Avviso alla lettera D) “Destinatari”, si è tenuto conto esclusivamente dei percettori di mobilità in deroga che hanno cessato il diritto a detto beneficio “disoccupati (in possesso dello status di disoccupazione) che al 31 dicembre 2012 hanno maturato il diritto a godere degli ammortizzatori sociali in deroga e che hanno perso tale diritto per l’anno 2013, per effetto dell’accordo tra Regione e parti sociali e datoriali siglato in data 1 febbraio 2013 e s.m.i., per le seguenti motivazioni:
1. hanno usufruito di mobilità ordinaria ai sensi della L.223/1991 successivamente al 1 gennaio 2009; 2. nel quadrimestre gennaio aprile 2013 hanno superato i 24 mesi di autorizzazione di mobilità in deroga”.

I lavoratori di cui alle lettere sub 1) e 2) devono, alla data di presentazione dell’istanza, e pena l’esclusione, essere privi di occupazione da almeno 4 mesi, e risultare, alla data di presentazione dell’istanza, iscritti presso i Centri per l’Impiego provinciali ai sensi del D.Lgs. n.181/2000 e s.m.i.”; non si è tenuto conto dei lavoratori che nel 2013 cessano l’indennità di disoccupazione e, in virtù della nuova normativa previdenziale, restano senza alcuna forma di sostegno al reddito, a volte avendo età avanzata (over 50 e/o 60) e carico familiare”, scrive tra l’altro il consigliere regionale del Pdl.

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
26

Commenti


  • Arrabbiato

    Da tempo che leggo vari articoli riguardo gli ammortizzatori sociali..ci sono tante opinioni di tanti politici..adesso mi chiedo di concreto cosa c’è ..qui c’è gente che non ha percepito nulla nel 2013.. Perché invece di pubblicare opinioni o idee non cominciamo a leggere qualcosa di concreto..per andare avanti non abbiamo bisogno di parole ma di un lavoro che ci permette di vivere..questi politici lo riescono a capire che vogliamo lavorare..è un nostro diritto..un diritto che ci è stato tolto provocandoci seri disagi


  • Fabio

    Ma ai semplici disoccupati non ci pensa nessuno?Noi proprio non esistiamo!


  • Alfredo Totaro

    .
    .
    .
    I lavoratori che hanno cessato la disoccupazione ordinaria nel 2013…l’hanno percepita come minimo per 5 anni. Ma quanti hanno ancora devono gravare sullo stato? Per 40 anni?

    Io invece (come Fabio) che non ho trovato mai lavoro…non ho percepito niente… nè ordinaria, nè straordinaria, nè cassa in deroga e nè niente di niente…

    I disoccupati che hanno perso il lavoro negli ultimi anni, cosa hanno in più dei disoccupati che non lo hanno proprio trovato?


  • anonimo

    …dov è finito il sostegno al reddito,il lavoro e il reddito di cittadinanza promessi durante la campagna elettorale?ora sbrigativamente ci dicono ke soldi non ce ne sono,ke c é crisi e dobbiamo kiudere i rubinetti…ma prima delle votazioni,questo non lo sapevano i nostri “AMATI” politici? Ogni giorno in parlamento,parlano di berlusconi se puó o non puó fare politica e di lavoro quando se ne parlerà? Fanno skifo tt,VERGOGNA!!!


  • anonimo

    …tra un pó,a votare,andranno solo i politici perkè i cittadini sono STANCHI di sentire le solite promesse scritte sul ghiaccio!ma non dovevano cambiare la legge elettorale nel primo mese d insediamento al parlamento? DEVONO ANDARE TT A CASA KI NON È ALL ALTEZZA DI MANTENERE LE PROMESSE FATTE AI CITTADINI…in fabbrica,un operaio ke nn produce,viene cacciato,in parlamento purtroppo continua a fregarsi i suoi 15.000 euro mesili e in più ha VITTO ALLOGGIO E STIRATURA!!! Povera italia,anzi POVER A NUJE!!!


  • I politici sono la rovina del popolo Italiano

    Concordo pienamente con anonimo delle 14,06.


  • arrabbiato

    Mi rivolgo ad Alfredo il quale dice di non aver percepito mai nulla .. mi chiedo senza un sostegno come si riesce ad andare avanti? A Manfredonia si parla tanto di crisi ma io vedo locali pieni…pizzerie stracolme…Allora dov’è la crisi?… Forse la crisi è per coloro che si sono visti togliere tutto e ritrovarsi con il niente dopo 9 mesi di promesse.. non siamo noi che vogliamo un aiuto dal governo …noi chiediamo semplicemente LAVORO… la colpa non è nostra se le fabbriche hanno usufruito dei benefici e poi ci hanno lasciato in mezzo ad una strada…Dateci un lavoro e vi garantiamo che dallo stato non vogliamo più nulla…

  • A T T E N ZI O N E : Appena ricevuta la comunicazione, occorre procedere alla richiesta di avvio della fase di confronto in sede sindacale, ovvero consultarsi con il Regionale o con il Nazionale.
    Bisogna valutare se si è in grado di impugnare la procedura, mettendo in discussione le motivazioni addotte dall’azienda sulla scorta di informazioni acquisite (bilancio e altre attività economiche) Se si percorre questa strada tenere presente che l’accordo diventa difficile e che ci si riserverà di far impugnare il licenziamento in tribunale dei singoli lavoratori coinvolti. Se si rinuncia ad impugnare la procedura il confronto deve incentrarsi sulla scelta dei lavoratori da mettere in mobilità (preferibile stipulare accordi che prevedano l’esodo volontario ed incentivato). Tenere presente che la più grande paura delle aziende è il contenzioso individuale successivo al licenziamento. Non fare l’errore di adottare criteri discriminatori nei confronti delle donne occupate in azienda. Tenere presente che in caso di mancato accordo, l’applicazione dei criteri stabiliti dalla legge (anzianità e carico di famiglia) determinerà la messa in mobilità di personale più giovane e a lasciare in azienda personale anziano.
    Ci si può trovare in difficoltà a causa delle spinte del personale anziano perché si faccia un accordo che gli consenta di andare in mobilità (specie se vicini alla pensione). Va spiegato che il modo migliore per raggiungere l’obiettivo (è l’incentivo all’esodo) e di non esagerare nelle pressioni.
    Sostenere fino all’ultimo la possibilità di adottare misure alternative (contratti di solidarietà, passaggi da Full Time a Part Time o trasferimenti in altre unità) in quanto possono costituire utili elementi di scambio e ridurre gli impatti occupazionali.

    GIUSEPPE MARASCO


  • io

    Ha pure il coragggio di parlare questo individuo??????? Che cosa hai prodotto in questi anni alla regione????? Chiacchiere, chiacchiere —ops dimenticavo…..——————————————–..Vergogna!!!!!!!


  • MICHELE

    giuseppe marasco ma non è quello dell’associazione civilis o abbiamo un’altro marasco che ci rappresenta in regione? se è il marasco delle associazione e cioè il GENERALE marasco perche invece di parlare prende il suo esercito va a montecitorio e definestra tutti.


  • Peppe

    Alfredo la disoccupazione ordinaria dura 8 mesi non 5 anni forse ti confondi con la mobilità,ma a prescindere dai dettagli tecnici sono d’accordo con te.


  • Alfredo Totaro

    .
    .
    .
    X arrabbiato

    prima di tirare fuori le tue pretese, rispondi alla domanda che ho fatto sopra…

    I disoccupati che hanno perso il lavoro negli ultimi anni, cosa hanno in più dei disoccupati che non lo hanno MAI trovato?


  • Guido

    Peppe Grillo, ha quasi ragione, quando dice…siete circondati, dovete andare tutti a casa, andate via, avete rovinato l’Italia, patria bella, storica, antica.
    Basta con le dinastie, di destra e di sinistra, il popolo vuole cambiare pagina, il popolo vuole ,anzi vogliamo gente nuova, pulita, onesta, semplice, non tutti i falsi politici di oggi.
    Ci vuole una grande rivoluzione per prendere a calci nel culo tutti i politici attuali, di qualsiasi corrente , o area politica, perché nessuno, dico nessuno pensa agli interessi di chi non sta più bene, loro……..pensano ai solo ed esclusivamente interessi personali o al massimo della loro famiglia…….. basta mi fermo qui, non voglio rubato spazio a Stato quotidiano che ringrazio.
    GUIDO – Manfredonia


  • Redazione

    A lei, a presto; Red.Stato

  • disoccupati esclusi da ammortizzatori e da sostegno al reddito e fatica di vivere…?
    Vedi, o figlio, attraverso quanti corpi, quanti ordini di demoni, quante concatenazioni e rivoluzioni di stelle dobbiamo aprirci il cammino…? Dal punto di vista emotivo siamo diventati delle larve. Tutto è programmato, previsto, controllabile. Il contrario della vita. Non dobbiamo aver paura di amarla di abbracciarla di affrontarla senza rete di protezione sociale. Ardendo/come nella notte immensa/ le stelle tutte di fiamma.
    GIUSEPPE MARASCO – Presidente Nazionale – CIVILIS – Confederazione Europea onlus


  • sipontum

    Io non voglio la disoccupazione……….. voglio L A V O R A R E ! ! ! ! ! ! !


  • Papessa

    Voglio vedere quanti di voi cacceranno i c……..ni alle prossime elezioni,o siete buoni solo a parlare!!


  • Arrabbiato

    Per Alfredo i disoccupati che hanno perso il lavoro hanno dato allo stato il loro contributo nel momento che hanno lavorato..lo stato ha usufruito di loro per tutto il tempo..quelli che non hanno mai lavorato cosa hanno mai dato? Noi siamo giù al comune a combattere per i nostri diritti voi dove siete?


  • liberta!!!!!!

    Gatta, basta chiacchiere!!!!!!!! Ne abbiamo sentite fin troppo!!!!!!


  • annarita

    Per fortuna che almeno Gatta alla regione solleva il problema…gli altri dormono o meglio se ne infischiano…..purtroppo stando all’opposizione Gatta ha le mani legate ma sollevare il problema non è una cosa da niente….Gli altri cosa fanno?????Bho non si pronunciano affatto anzi ovviano il problema…..quando scrivete commenti usate un po la testa e lamentatevi con chi di dovere, con chi essendo alla maggioranza non si pronunci affatto evitando così attacchi e prese di posizione…..Gatta come sempre continua così e nn ti curar di quei due o tre ignoranti, vuoti e disfattisti che pubblicano solo commenti sterili…proprio come loro!!!


  • antonio

    Gatta è l’unico che si fa sentire in tutta la provincia di Foggia e ci lamentiamo pure?
    No, i politici non sono tutti uguali, bisogna saper distinguere.
    Scusate ma che colpa ha Gatta se si trova all’opposizione? Il suo compito lo sta facendo alla grande. Dovreste prendervela con chi governa la Regione!


  • liberta!!!!!!

    La solita manfrina all’italiana….La colpa è di quello, no di quell’altro……ma i problemi restano sempre la…..Vergognatevi tutti!!!!


  • Alfredo Totaro

    .
    .
    .
    X Arrabbiato

    Pensi forse di aver fatto beneficenza?
    Hai forse dato allo stato il tuo contributo…gratis?

    Per il lavoro che hai fatto, sei stato pagato…i contributi che hai versato valranno per la tua pensione.
    Hai usufruito (o stai usufruendo) dei sussidi.

    Lo stato non ti deve nulla…che non debba anche alle altre categorie di disoccupati…

    Pensi forse che io non abbia voluto lavorare in qualche azienda del contratto di aria fritta? Anche io avrei voluto almeno percepire lo stipendio per qualche hanno e poi i vari sussidi…ma neanche quello ho potuto fare, mi mancava la solita ra.co.a.d.z.o.e

    Chi ti ha detto che non sono andato a reclamare al comune?
    Ho anche preso vari appuntamenti con il sindaco…
    la chiamero al cellulare per comunicarle il giorno e l’ora, mi ha detto una specie di segretario,
    stò ancora aspettando che mi chiami…e sono passati anni.

    Chiudo qui perchè questa guerra tra poveri mi fa schifo…

    La tua distinzione tra disoccupati di serie A e disoccupati di serie B esiste solo nella tua testa.


  • il fatto

    Tando alle prossime andranno a votare come pecorelle e a Manfredonia uscirà dinuovo la sinistra iL PD,vi prometteranno dinuovo piaceri,posti di lavoro,una società migliore tutto virtuale,e l’oro continueranno sempre a stare bene ville,macchinoni,conti all’estero,imbarcazzioni di lusso,viaggi gratis per tutto il mondo,mangiate a base di caviale e tartufi ,e noi come assolito diventeremo sempre più pezzendi vedendo che fra qualche anno sia noi che i nostri figli ci mangeremo come cannibbali.

  • Il lavoro nobilita l’uomo. E lo aiuta a trovare un lavoro. Sì, hai capito bene: per trovare lavoro devi lavorare. E lo devi fare bene! mi disse un aziano
    Ho detto tutto!!!
    Alle prossime elezioni col c…o che vi do i voti ricordatelo ????


  • Vinsent

    ragazzi cercate di essere uniti non litigate seno non andiamo da nessuna parte chi piu o meno stiamo sulla stessa barca cerhiamo di capire chi sono i politici buoni e bravi e quelli che stanno solo per la poltrona e p.i loro interessi cosi poi vediamo dichi e la colpa ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi